Pir meu cori alligrari

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
75px-Tryske1.jpg St'artìculu è scrivutu 'n sicilianu anticu.

Pir meu cori alligrari (puru canusciutu cû nomu Pir meu cori allegrari nta certi fonti) è na canzuna di cincu stanzi di dùdici versi, chiù un cungedu di sei, scritta di Stefano Protonotaro a li tempi di la Scola Siciliana, duranti lu regnu di Fidiricu II di Hohenstaufen.

È l'ùnicu cumpunimentu puèticu di la Scola Siciliana ca arrivau a li nostri jorna nta la so' forma urigginali, scrittu 'n sicilianu.

- Pir meu cori alligrari -



(1190-1250)

Pir meu cori alligrari,
chi multu longiamenti
senza alligranza e joi d'amuri è statu,
mi ritornu in cantari,
ca forsi levimenti
da dimuranza turniria in usatu
di lu troppu taciri;
e quandu l'omu ha rasuni di diri,
ben di' cantari e mustrari alligranza,
ca senza dimustranza
joi siria sempri di pocu valuri:
dunca ben di' cantar onni amaduri.


E si pir ben amari
cantau jujusamenti
omu chi avissi in alcun tempu amatu,
ben lu diviria fari
plui dilittusamenti
eu, chi son di tal donna innamuratu,
dundi è dulci placiri,
preju e valenza e jujusu pariri
e di billizzi cutant'abundanza
chi illu m'è pir simblanza,
quandu eu la guardu, sintir la dulzuri
chi fa la tigra in illu miraturi;


chi si vidi livari
multu crudilimenti
sua nuritura, chi ill'ha nutricatu:
e sì bonu li pari
mirarsi dulcimenti
dintru unu speclu chi li esti amustratu,
chi l'ublïa siguiri.
Cusì m'è dulci mia donna vidiri:
ca 'n lei guardandu mettu in ublïianza
tutta autra mia intindanza,
sì chi istanti mi feri sou amuri
d'un colpu chi inavanza tutisuri.


Di chi eu putia sanari
multu leggeramenti,
sulu chi fussi a la mia donna a gratu
meu sirviri e pinari;
m'eu duttu fortimenti
chi, quandu si rimembra di sou statu,
nun li dia displaciri.
Ma si quistu putissi adiviniri,
ch'Amori la ferissi di la lanza
che mi fer'e mi lanza,
ben crederia guarir di mei doluri,
ca sintiramu engualimenti arduri.


Purrïami laudari
d'Amori bonamenti
com'omu da lui beni ammiritatu;
ma beni è da blasmari
Amur virasimenti
quandu illu dà favur da l'unu latu
e l'autru fa languiri:
chi si l'amanti nun sa suffiriri,
disia d'amari e perdi sua speranza.
Ma eu suffru in usanza,
ca ho vistu adess'a bon suffirituri
vinciri prova et aquistari unuri.


bella zietto
ni per amar lïalmenti e timiri
omu acquistau d'amur gran beninanza,
digiu avir confurtanza
eu, chi amu e timu e servivi a tutturi
cilatamenti plui chi autru amaduri.




Siddu hai prubbremi a lèggiri nti sta furma, munci ccà:Testu no stilizzatu.