Littra dû Re Petru III d'Aragona ô Re Carlu I d'Angiò

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
75px-Tryske1.jpg St'artìculu è scrivutu 'n sicilianu anticu.

Stu ducumentu è na rapprisintazzioni di na littra scritta dû Re Petru III d'Aragona ô Re Carlu I d'Angiò, dui anni doppu la Battagghia di Beniventu, unni l'ùrtimu Re svevu, Manfredi di Sicilia vinni ammazzatu pruvannu a firmari l'attaccu di Carlu. Petru era maritatu cu Custanza d'Aragona chi era la figghia di Manfredi, e l'aredi veru dû Regnu di Sicilia

- N'anticu scrittu di lu 1268 -



Littra dû Re Petru d'Aragona ô Re Carlu d'Angiò

(1268)

...Petru d'Aragona, e di Sicilia Re, a vui Carlu Di Hierusalem e di Provenza Conti, signifacamuvi lu nostru avvenimentu in la Isula di Sicilia, si comu nostru riami giudicatu pri l'autoritati di la Santa Clesia di Ruma, e di lu Santu apolstolicu Papa Nicola Terzu; et imperò vi cumandamu a vui viduta la nostra littira, livarivi di la Isula di Sicilia cu tutti vostri genti. Sacciati, chi vui zò nun faciti, li nostri cavaleri fidili vidiriti presenti in vostru dapnu, e di la vostra genti.

Siddu hai prubbremi a lèggiri nti sta furma, munci ccà:Testu no stilizzatu.


Lijami di fora[cancia | cancia la surgenti]

  • SicilyPage, fonti di stu ducumentu, taliatu lu 7 di giugnu, 2008