Caltaggiruni

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search
Caltaggiruni
Caltagirone-Stemma1.png
Dittagghi: Stemma di Caltaggiruni
Muttu:
Nomu ufficiali: Caltagirone
Pruvincia: Catania
Superfici: 382 km²
Abbitanti: 38.220
Dinzitati: 96 ab./km²
Cumuni cunfinanti: Acati, Gela, Grammicheli, Licuddìa, Mazzarinu, Mazzarruni, Miniu, Mirabedda Mbaccari, Niscemi, Chiazza , San Micheli di Ganzaria
CAP: 95041
Prifissu telefònicu: {{{prifissutelefonicu}}}
La scalazza di Caltaggiruni, dicurata di la famusa ciramica

Caltaggiruni (Cartaggirũ ntû dialettu dâ città) è unu cumuni di 37.953 abbitanti dâ pruvincia di Catania. Di urìggini àrabba, sviluppau dû principiu dâ sò storia l'artiggianatu dâ ciràmica, chi la renni famusa a liveddu nazziunali e ntirnazziunali, trasennu ricintimenti puru ntô catàlugu dû patrimoniu munniali di l'umanità di l'UNESCO intra û consorziu di comuni dû Vaddu di Notu. Li abbitanti sunu chiamati "calatini" o "caltaggirunisi" (caratĩ e cartaggirunisə dda parrata lucali)

L'etimoluggìa diriva di l'àrabbu Q'al'at jiran (appoi trasfurmatu n Kalta-jiran), ca signìfica " dui Casteddi vicini".

Cu 'rriva a Caltaggiruni nun pò farisi scappari 'na presenza strabilianti: a ciramica. Si tu 'ntrasi ndà città trovi a ciramica unnè ghiè ghiè, intra a putìa, intra li casi e 'ncapu li balcuni. Travagghiari a terracotta è n'arti antica quantu a so città, detta a Città di Munti Erea. Caltaggiruni si spatti in du patti: a città auta e chidda bassa. A prima cunserva u megghiu e impurtanti patrimoniu da città, monumenti barocchi, chiese e campanili decurati, a statua di Luigi Sturzu, villi e villini sitticenteschi, a scalinata di Santa Maria dû Monti (a scala dâ Matrici), a vidda comunali, li quarteri di San Jacupu e San Giorgiu, u carciri Burbonicu, i putii da ceramica, u teatru di pupi, li presepi permanenti e li vecchiareddi ca parraciniunu intra a chiazza cuperta.

Tipici di sta zona sunu li carruggi, strade nichi nichi a scinniri e chianari unni si fannu li più antichi misteri chi si ponu taliari di porta in porta quasi come trasiri intra e casi di genti.
Ndà città nova lu baroccu nun c'è ma trova li negozi novi , li casi moderni, u tribunali, l'ospedali, e a campagna china ri carrubbe e ulivi. È a zona chiù abbitata dâ città calatina.


Nun te pò peddiri:
- I cannoli di Judica e Trieste (chiazza principali vicinu a scalinata), in facci da Chiesa di Gesuiti
- I gireddi di Grazziusu, che è na brioscia cu zuccaru a velu, e china re crema, principalmenti Nutella o crema pasticciera. È chiamata accussì picché havi na forma a spirali.

- I putii di ceramisti ('ndò centro storico)
- Li quartieri di l'Acquanova, di San Petru, di San Giorgiu, di San Jacupu e u teatru di pupi
- A via Luigi Sturzu, unni c'è na balcunata barocca di lu patrimoniu dell'UNESCO.

Frazzioni[cancia | cancia la surgenti]

Giamillaggi[cancia | cancia la surgenti]

Nasciuti a Caltaggiruni[cancia | cancia la surgenti]

Dialettu[cancia | cancia la surgenti]

U caltaggirunisi è una varietà di sicilianu orientali non metafòneticu, frati dû chiddu catanisi o saràusanu, pirò distintu, specialmenti pû substratu gaddu-siculu, chi rinniu sta parrata differenti, cumenzannu câ forti nasalità dû sonu, e finennu cû l'usu du tiempu perfettu mmeci dû tiempu remotu.

P'influenza dû liguri ca vinìu cu chiddi di Genova, li vucali finali di lu dialettu di Caltaggiruni nun vèninu prununziati (éssir mmeci chi essiri).

P'asempiu: "Cu nn'app nn'app, i cassatedd 'e Pasqua" (zoè: Cu nn'appi nn'appi, di cassateddi di Pasqua")

Exquisite-kfind.png Pi sapìrinni cchiossai, vidi puru la vuci Cullina di Sant’Ippòlitu (Caltaggiruni).