Làscari

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search
Làscari
Lascari.JPG
Muttu: {{{muttu}}}
Nomu ufficiali: Làscari
Pruvincia: Palermu (PA)
Cuurdinati: 38°0'0"N, 13°56'0"E
Ammustra ntâ mappa
Superfici: 10,39 km²
Abbitanti: 3.611
Dinzitati: 313 ab./km²
Cumuni cunfinanti: Campufilici di Ruccedda, Cifalù, Gulisanu, Gratteriu
CAP: 90010
Prifissu telefònicu: +0921
Situ ufficiali: http://www.lascari.gov.it/

Làscari è un cumuni italianu di 3.614 abbitanti da città metropolitana di Palermu, in Sicilia.

S'attrova a 70 metri supra u liveddu du mari e u centru agrìculu nascìu e pièri d'un munti.

Vicinu attruvamu: Campufilici di Ruccedda a punenti, Cifalù a livanti, di Gulisanu a sud-ovest e 'Ratteri a sud-est, mentri u nord è vagnatu du Mari Tirrenu.

Storia[cancia | cancia la surgenti]

U Mediuevu e a prisenza di primi cristiani in "Terra Lascaris"[cancia | cancia la surgenti]

U paisi nasci 'nnà n'ebbica abbastanza vicina a nuautri, però dù periudu medievali si pònnu attruvàri e vìriri signali di cristiani 'nnò territoriu du paìsi. 'Nnà l'anni sessanta, 'nnà Contrada Santa Fumìa, 'nnà Contrada Cuvaria e unni c'era a vecchia chiesa dà Maronna du Carmelu, s'attruvaru i resti di 'na necropoli, c'arriscìnnunu du periudu du duminiu di l'Arabi 'nnà Sicilia (827-1061), e s'attruvàru resti di vasi e n'apuocu di doti funerari. Arrisscinni d'a prima mità du XII seculu (precisamènti d'u 1148) a Chiesa di Santu Conu, ch'aveva assai possidimenti e binifici. All'origini, cu nomi "Iconio" s'intinnèva San Conone, ca 'nsemmula o figghiu Conello, ieni patruonu d'Acerra, dopu s'accuminciò a 'ntiènniri Santu Conu di Nasu. Uoggi, d'a Chiesa si ponnu viriri sulu picca riesti. Tra u XII e u XIII seculu fu costruitu 'ntà l'odiernu territoriu di Làscari u cchiù 'mportanti signali, p'a storia e p'a politica, da prisenza di cristiani 'nnò Cumuni, u Casali fortificatu e a Chiesa di Santa Fumìa. Stù postu fu a risirienza di n'apuocu di suvrani aragonesi di l'isula, e puru u puostu aùnni, p'a tradizioni, a Vicaria e principessa du Regnu di Trinacria Eufemia d'Aragona si livò a vita u 28 frivàru du 1359. Iddi ficiru du Casali a so corti 'nnò periudu estivo, p'u meritu d'un vuoscu riccu di servaggina 'nnè vicinanzi.

U Sei-Settecentu e a nascita du Borgu di Làscari[cancia | cancia la surgenti]

'Nnà l'ultimi decenni du Seicentu vari 'ruppi di villani accuminciaru a spustarisi du paisi d'origini, 'Ratteri, versu l'attuali zona di Làscari; precisamenènti 'nnà contrada "Li Grutti" (chiamata accussì p'a sustanziusa prisenza di rutti di petra arenaria).

Ci vosi a manu di l'istituzioni pubblichi p'u sviluppu da comunità. U Viscuvu di Cifalù e U Principi Don Gaitanu Vintimiglia, Baruni di 'Ratteri, vosiru favuriri a partecipazioni à missa duminicali d'ì migranti 'rattaluci distinannu à nova comunità u sacristanu e 'na rennita.

Accussì, a 400 metri d'u centru urbanu di uoggi, u 26 frivàru 1693 a vecchia chiesa di Santa Fumìa addivintò Parrocchia, e attornu si sviluppò a comunità.

Ma, pi curpa da prisenza du sciùmi Cudduzzu 'nnè vicinanzi du Casali Furtificatu di Santa Fumìa, accuminciàrunu a costruìri na puocu 'i casi vicinu na vecchia turri, chiamata Turri Carbuni (uoggi a turri campanaria) finu a quannu 'sta burgata fui chiamata Làscari du Baruni Gaitanu Vintimiglia (a onuri da so discendenza d'a famiglia di Lascaris, imperaturi di Costantinopoli).

'Ntò 1700 fu costruìta na nova Chiesa, uoggi a Matrici, in onuri a San Francescu d'Assisi e poi in onuri a San Michieli Arcanciulu, a limitari ch'a turri campanaria.

'Nnò 1721 sta Chiesa addivintò a parrocchia, a dannu da Chiesa di Santa Fumìa.

L'Ottu-Novicentu, a nascita du Cumuni e l'assegnazioni d'u territoriu[cancia | cancia la surgenti]

'Ntò 1800 furunu costruìti a Chiesa du Santissimu Crocifissu e a Chiesa da Maronna du Carmelu, uoggi scumparsi. 'Nnè primi reci anni du XX seculu, i dui costruzioni furunu regalati 'o Comuni picchì eranu mali conservati. Accussì a prima Chiesa addivintò l'attuali Casa du Municipiu, duopu i travagghi pi sistimalla 'nnè primi du Novicentu; mentri a secunna, chi era distinata a divintari a scola elementari, uoggi unn'esisti cchiù. 'Nnà l'anni Novanta, pì memoria di sta vecchia Chiesa, costruirunu na chiesetta e a 'ntitolarunu 'a Madri du Munti Carmelu.

A causa di l'aumentu d'a popolazioni 'nnà frazioni, 'nnò 1840 Làscari addivintò comuni autonomo cu n'amministrazioni diversa di chidda di 'Ratteri. 'Nnò 1890 vinni ratu 'o Paisi u dirittu d'aviri un territorio pi favoriri a criscita urbana e pi pigliarisi l'autonomia da 'Ratteri. Sta cosa si ottinni u 6 ottobri 1929 quannu, pi meritu du Comm. Gaitanu Abbati, u Re Vittoriu Emanueli III autorizzò a cessioni du territoriu.

Simboli[cancia | cancia la surgenti]

Chista è a descrizioni araldica d'u stemma du Cumuni di Làscari, cuncessu u 22 aprili du 1968 c'u Decretu du Prisirenti da Repubblica Giuseppi Saragat:

« D'oro a dei ruderi di un antico Castello uscenti dal fianco destro dello scudo, sormontati da chiome d'alberi ed accostati da un torrione quadrangolare di rosso, merlato alla guelfa, sinistrato da tre costruzioni, pure di rosso, uscenti dal fianco dello scudo. Il tutto al naturale, fondato su una pianura riarsa.» (Statuto Comunale, Art. 5)

A parti a manca du stemma araldico du paisi ieni un riferimentu o Casali di Santa Fumìa, in onuri a nobiltà du territoriu e ai cristiani ca ficiru u borgu 'nnò XVII seculu, mentri a parti a dritta ieni u riferimenti o borgu chi uoggi ieni u paisi, e chi nasciu tra a fini du XVII secolo l'iniziu du XVIII secolo. A turri 'ncapu u paisi ienu a Turri Carbuni, uoggi a Turri campanaria da Matrici. I culura russu e giallu, ca ci su 'nnò scudu, fannu onuri o stemma da casata nobiliari di Vintimiglia, ca ficiru nasciri u paisi, e ci dettiru u nomi di Làscari.

Lochi 'nteressanti[cancia | cancia la surgenti]

A Chiesa Madri di San Michieli Arcanciulu[cancia | cancia la surgenti]

Chiesa Madri di San Michieli Arcancilu di Làscari

A Chiesa di San Michieli Arcanciulu ieni a cchiù 'mportanti costruzioni du paisi, e puru a Parrocchia. 'Nnò 1700 fu costruita in onuri a San Francescu d'Assisi, ma ancora uoggi un sapemu u picchì. Versu a fini du XVII seculu, a Làscari serviva na Chiesa Parrocchiale p'ì culti sacri. Accussì, u Principi Don Gaitanu Vintimiglia, chiesi o Viscuvu di Cifalù Mons. Matteo Orlando di nnominari a Chiesa di Santa Eufemia, anticchia distanti di dovi uoggi si sviluppa u paisi, a Parrocchia. Ma sta chiesa era troppu vicinu o sciùmi, e sta cosa limitava u sviluppu du paisi, accussì u Baruni decisi di fari costruirina nova chiesa vicinu a un vecchiu turriuni, a Turri Carbuni, ca fu trasformata 'nnà turri campanaria, e aunni si sviluppò u centru di Làscari. In seguito, nel 1721 la Chiesa divenne sede parrocchiale. L'opera architettonica, di stile chiaramente francescano, è a croce latina, ha tre navate con due cappelle ai lati del presbiterio ed è caratterizzata da un tetto a capriate.

Della chiesa originaria non rimane quasi nulla. Le ultime tracce vennero cancellate durante i lavori di ristrutturazione del 1950. Al suo interno si conservano, tuttavia, due paliotti in marmo policromo del XVIII secolo con i blasoni dei Ventimiglia, un elegante fonte battesimale con due acquasantiere in pietra lumachella realizzati durante la prima metà del Seicento, provenienti dalla Chiesa di Santa Eufemia e una pala d'altare, della metà del 700, raffigurante San Cono Abate che conferisce il mandato di Parroco di Sant'Eufemia e di beneficiario della Chiesa di Sant'Iconio al presbitero Don Giuseppe Cannella.

L'opera che merita ogni attenzione è, senza dubbio, la pregevole scultura lignea del Cristo crocifisso in legno di cipresso macchiato a noce, Patrono della comunità. L'autore rimane ignoto ma si promuove l'ipotesi che lo stile e la precisione nel rendere conto di ogni particolare anatomico facciano pensare alla scuola dei frati cappuccini.

Fiesti[cancia | cancia la surgenti]

A fiesta ru paisi iè n'onuri du SS. Crucifissu. Ieni l'urtima duminica di Giugnu.

Sport[cancia | cancia la surgenti]

U paisi, grazi a Pulispurtiva Làscari, havi puru na squatra di palluni ca juoca n'Promuziuoni.

Curiusitati[cancia | cancia la surgenti]

Ntà secunna tappa ru Giru d'Talia 2008, Làscari fu unu ri paisi attraversatu da cursa ri bicichietti.