Wikipedia:Circulu/Archiviu 6 - 22 Jun 2007 - 5 Apr 2007

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search

Autri Cunsigghi[cancia la surgenti]

Si nijautcri vulemu 'cò sicilianu addiventa 'nà lingua secunnu mìa avissum'à usari formi anticchia chiò sicilianizzati,zoè:'n uò postu ri in,'a uò postu ri la,'u uò postu ri lu,jè uò postu ri è,ecc. chinni riciti? je bonu chiddu c'aja pinzatu? Siculu



Ciau Siculu, nun è nicissariu pruvari di diffirinziari assai lu sicilianu dû talianu pirchì la cumunitati scintìfica cunzìddira già lu sicilianu comu na lingua spartuta dû talianu.

Nuàutri (li cullabburatura dâ wikipedia siciliana) semu sulu di li appassiunati dâ lingua siciliana e scrivemu sta Wikipedìa siciliana chî rifirimenti boni dâ littiratura siciliana già esistenti. Lu nostru scopu è supratuttu chiddu d'ammustrari ca si poti scrìvriri 'n sicilianu supra qual'è-gghiè tema (comu 'n talianu, 'n spagnolu, 'n francisi, ecc.). Ccà-bbanna, nun circamu di criari novi ortugrafìi o novi règuli grammaticali.

Nun semu di li pulìtici (nun avemu lu putiri) e mancu semu di li linguisti (nun avemu lu sapiri) e pirchistu, puru siddu ovviamenti tutti vulìssimu ca lu sicilianu addiventa un jornu na lingua arricanusciuta 'n Italia, tuttu zoccu putìssimu dicìdiri nta sta wikipedìa nun nfruenza assai lu ricanuscimentu ufficiali dâ lingua siciliana.

Pi fàciri succèdiri lu ricanuscimentu ufficiali dâ lingua siciliana, li siciliani di Sicilia hannu a vutari li boni partiti pulìtici 'n Sicilia.

Salutamu! --Sarvaturi 10:38, 22 jinnaru 2007 (UTC)


M'bare cinni fussunu partiti boni 'cà pinzassunu à savvari 'a nostra lìngua!


  • E' arrivata l'ura d'addifènniri la nostra lingua! la nostra cultura! la nostra terra! Sì, ju ti cunfirmu ca ci sunnu partiti siciliani ca vonnu sarvari la lingua siciliana. P'asempiu c'è chiddu di L'Àutra Sicilia e ci sunnu puru àutri partiti comu chiddu di lu Frunti Nazziunali Sicilianu. Ma accura forsi st'ùrtimu (lu F.N.S.) è tanticchiedda stremu. Salutamu! --Sarvaturi 13:32, 22 jinnaru 2007 (UTC)

Na para di cunsigli pi abbellire la paggina principali[cancia la surgenti]

Ecco qua spero che vi piacciano questi consigli e queste idee che vi propongo

Sabbenedica. Chista è la Uichìpedia 'n Sicilianu. L'enciclopedìa unni cuegghiè pò scrìviri e unni cuegghiè pò ghiùnciri palori novi e chi cunteni già 7,740 artìculi. Pruvati a scrìviri 'n sicilianu, e 'nà picca tempu vi veni fàcili. Grazzi tantu a tutti!

Ho fatto una piccola modifica nella presentazione della pagina principale,senza uscire fuori dalle regole grammaticali,utilizzate per questo wikipedia in lingua siciliana,ma ho apportato alcune leggere modifiche per avvicinarlo un pò di più al siciliano parlato,spero che vi piaccia.Grazie siete gentilissimi!

Inoltre,ieri navigando per internet ho trovato questo:


Jardinu di biddizza e di splinnuri

Isula jittata 'n-menzu ò mari,

Terra filici 'ccî sù tanti ciura,

nun n'avàstunu l'occhi 'pi talìari.


'Cca li tri Cuntinenti s'ancuntranu

'pi dàrisi la manu uò 'pi luttari,

Adi e Pirsèfuni si maritanu;

amuri e sancu sempri à cuntrastari.


Sicilia, Sicilia, tutti cèccunu a Idda,

Sicilia, Sicilia,di civirtati stidda,

china di luci e vita, amuri e fantasìa,

Sicilia, Sicilia, Tu si la Patria mia.


'Cca vìnnunu li Greci e li Sarracini

ca s'ammiscanu appoi che Nurmanni;

m'pòpulu cà senza li catini

avìa nu Regnu riccu, forti e granni.


A cù la mala signurìa 'ni rissi

rèsumu cò Vespru 'na lizzioni;

arrispunemu juncènnuni tutti

e tannu addivintamu 'na Nazzioni.


Ccu Garibaldi la Sicilia crirìu

d'avìri ricchizza e libirtati;

n'arrispuneru che bajunitti,

emigrazioni, mafia e puvirtati.


Mentri parìa ca jìamu tutt'ô funnu

si senti 'na uci di l'antichi tempi;

dici la Sicilia 'n-facci'à tuttu lu munnu:

"Nuàuttri semu m'pòpulu 'pì sempri!".


Si potrebbe mettere nella pagina principale,sarebbe una buona idea,che ne pensate?Spero vi piacciano veramente questi consigli!

Inoltre qualcuno conosce la parola "'nzichitanza"?dovrebbe significare continuamente,ma nel vocabolario siciliano di wikipedia non la trovo. E inoltre ancora,un vocabolario siciliano-italiano lo vendono? Siculu




Ciau Siculu, cumprimenti! Facisti nu travagghiu bonu. Sugnu d'accordiu cu tuttu zoccu prupunisti (p'azzizzari la pàggina principali), tranni sti formi toi:

  • "Sabbenedica": no, m'hai a scusari ma mi pari ca li siciliani di Sicilia ùsanu macari st'àutri formi: Assabinidica, Assabenidica, Assabenedica, Assabenadica, Assabenarica, Assabebedica, Assabbinirica, Assabbinidica, Assabbenedica, Ossabenadica, Assa binidica, 'Assa binidica, 'Assa binirica, Assa binirica, 'Assa binirica, Assa bbinirica, A ssa benedica, Assabbenirica, Assabbenerica, Assabenirica, Sabbinidica, Ssa binidica, 'Ssa bbinidica, S'abbenadica, 'Ssa benarica, Sabbenedica, S'abbenedica, Sabenadica, Sabenedica, Ssà binidica, Ssa benerica, Sabenadica, Sabbanadica, Sabbanadìca, S'abbinirica, Sabbinirica, Sa 'benerica, Sa benadica, Sabenidica, Sa banadica, Sa binirica, 'Sa benerica, Sa benerica, 'Ssabbinidica, 'Ssa banadica, Sa benedica, ecc.

-> Ju nun sacciu siddu lu tò "Sabbenedica" è la megghiu forma (vogghiu diri chidda pansiciliana). E tu? Lu sai?


  • "Uichìpedia: no, nun sugnu d'accordiu cu l'accentu supra la secunna "i" di la tò palora "uichì-pedia. Siddu scrivemu l'accentu, s'havi a scrìviri supra l'ùrtima "i" comu nta la palora siciliana "enciclo-pedìa". Pirchissu mi pari cchiù lòggicu e cchiù currettu scrìviri "uichipedìa/wikipedìa".


  • "ghiùnciri: no, nun sugnu d'accordiu cu sta "gh" nizziali. Chi voi diri? "pò 'ghiùnciri" (zoè "pò agghiùnciri" 'n sicilianu littirariu)? O "pò-gghiùnciri" (zoè "pò jùnciri" 'n sicilianu littirariu)?


  • 'nà: no, è cchiù megghiu scrìviri "nna" (comu la forma siciliana "nni", ca currispunni a la forma taliana "ne/in" ). E mi pari ca li cullabburatura dâ Wikipedìa siciliana già discurreru supra chistu ntô Cìrculu, e vutaru sì pâ forma "nni" (quinni loggicamenti s'havi a scrìviri "nna").


E ora t'arrispunnu a prupòsitu di la tò pruposta di mèttiri sta virsioni di l'innu nun ufficiali dâ Riggiuni Siciliana ("Sicilia, Patria mia") ntâ pàggina principali: no, ju nun sugnu d'accordiu a càusa di:

  • lu funnu: nun è l'innu ufficiali dâ Sicilia.
  • la forma: lu dialettu usatu nta sta virsioni nun è chiddu di l'autura siracusani Carlo Muratori e Massimo Costa. Pi vìdiri la vera virsioni (la virsioni urigginali di l'autura siracusani), ammutta ccà: Sicilia, Patria mia.


E ora arrispunnu â tò dumanna supra la sprissioni siciliana "nzichitanza" (zoè " 'n sichitanza"). Criju c'hai raggiuni: la palora catanisa "sichitanza" currispunni â palora taliana "seguitamento" (cuntinuazzioni).

Quinni la sprissioni "nzichitanza" (zoè " 'n sichitanza") signìfica "cuntinuamenti' ('n modu cuntìnuu):


"Avennu studiatu 'n-sichitanza"

Fonti: http://www.csssstrinakria.org/poeti_del_cssss_file/marza.htm


"spilluzzicavano continuamente (piluccavunu in sichitanza)"

Fonti: http://www.dipbot.unict.it/natalesiciliano/natale.htm


"Le materie si davano in sichitanza"

Fonti: http://www.italctvolley.com/1966_671.htm


"puppette n'sichitanza"

Fonti: http://calciocatania.com/guestbook/index.php?entry=175


"in sichitanza a’ mè zita!"

Fonti: http://www.carrettosiciliano.com/modules.php?op=modload&name=Downloads&file=index&req=getit&lid=3


"riavviava in sichitanza (senza sosta)"

Fonti: http://www.vegramusic.it/forum/showthread.php?t=1030


"mori nzichitanza"

Fonti: http://www.logoslibrary.eu/pls/wordtc/new_wordtheque.w.t?w=misi&l=sc


"malincori nzichitanza"

Fonti: http://www.scrivi.com/pubblicazioni.asp?id_pub=253930


"soddisfazioni nzichitanza"

Fonti: http://muro.calciocatania.net/guestbook_no_reg.php?inizio=525&sez=8


"ANTIPASTI A NZICHITANZA"

Fonti: http://www.maidirebike.it/Forums-file-viewtopic-t-1761-start-40.html


"macinare chilometri a 'nzichitanza"

Fonti: http://www.maidirebike.it/Forums-file-viewtopic-t-1799-start-20.html


"stasira cuzzati nzichitanza"

Fonti: http://www.cataniachannel.it/ipb/lofiversion/index.php/t670-300.html


"sturìa a 'nzichitanza"

Fonti: http://d10705054.k134.kawebstudio.com/viewthread.php?tid=7729


"maliparoli nzichitanza"

Fonti: http://www.studiocentrale.it/forum_forum.asp?forum=1&section=1&post=270&poll=32&results=1


"fari a zichitanza"

Fonti: http://www.logoslibrary.eu/pls/wordtc/new_wordtheque.w.t?w=signa&l=sc


"fare la zighitanza"

Fonti: http://www.spetteculezzo.it/smf/index.php?topic=3016.msg30431


Salutamu!

--Sarvaturi 12:58, 23 jinnaru 2007 (UTC)

Beh l'importante è che vi piaccia,il messaggio della pagina principale,che ne pensate,magari voi che siete più pratici di me nell'uso del siciliano letterario,potrete sistemarlo e apportare queste,seppure leggere,modifiche! Grazie ragazzi,vi ringrazio perché mi date ascolto! Siculu



  • Grazzi cumpari, ju dicissi ca lu mpurtanti è la costanza ntô modu di scrìviri lu sicilianu nta sta Wikipedìa siciliana. Grazzi ancora pi tutti li tò noti ntirissanti. Nun ti prioccupari, quannu avemu cchiù tempu, e siddu tutti l'amministratura sunnu d'accordiu, facemu li mudìfichi:

Salutamu! Chista è la Wikipedìa 'n Sicilianu. L'enciclopedìa unni cuegghiè pò scrìviri e unni cuegghiè pò agghiùnciri palori novi e chi cunteni già 7,740 artìculi. Pruvati a scrìviri 'n sicilianu, e nna picca tempu vi veni fàcili. Grazzi tantu a tutti!

Salutamu! --Sarvaturi 14:44, 23 jinnaru 2007 (UTC)

Certu m'bare,'pì mia è sulu m'piaciri putirivi rari 'nnà manu d'ajutu à vujautri siciliani comu ammìa,'cà vulemu beni la nostra terra! Tà ringrazzìu macari 'pì l'innu urigginali! Siculu

Sarvaturi,cì pacìu all'amministratura,'u mò cunsigghiu,pì canciari e fari chiù beda 'a pàggina principali? Siculu

  • Ciau Siculu, comu lu poi vìdiri, tranni di mia, nuddu àutru amministraturi arrispunnìu a lu tò cunzigghiu. Siddu tra na simana, tu nun vidi na risposta sò ccà ntô Cìrculu, ci poi scrìviri dirittamenti nta li sò pàggini di discussioni Discussioni di Pippu, Discussioni di Peppi, e Discussioni di Giusi pi sapiri zoccu nni pènzanu. Pacenzia è virtuti. Salutamu! --Sarvaturi 18:57, 25 jinnaru 2007 (UTC)

65 ducumenti 'n sicilianu[cancia la surgenti]

Ciau a tutti,

Navicannu ntâ riti, haiu scupertu 65 ducumenti scritti 'n sicilianu addabbanna:

http://www.logoslibrary.eu/pls/wordtc/new_wordtheque.wcom_literature.literaturea_page?lang=SC&letter=A&source=search&page=1

Salutamu!

--Sarvaturi 08:37, 24 jinnaru 2007 (UTC)

Ci resi 'nà talìata,aja vistu 'cà cetti runi usunu macari a k! Racci 'nà talìata macari 'ccà,è nu situ troppu bellu! http://www.dialettando.com/regioni/Sicilia.lasso?-session=dialetti:972641C00307716FCDORw113FD1C Siculu

  • Ciau Siculu, t'arringrazziu pû situ assai ntirissanti "Dialettando.com" ca mi mannasti.

St'usu dâ "k" nun mi piaci, pirchì lu sicilianu è na lingua neolatina. Ju sugnu sicilianu, nun sugnu grecu quinni nun "userò" mai la "k". Nun semu greci! Salutamu! --Sarvaturi 09:05, 24 jinnaru 2007 (UTC)

Neolatina si però quanti grecismi e arabismi sono presenti nella nostra lingua,credo un infinità......boh sicuramente nel siciliano letterario non esistono nè k nè x,sicuramente sarà dovere dei linguisti quando un giorno(spero fra poco)la nostra lingua sarà rivalutata come tale.Purtroppo io non sono linguista,sarà dovere loro perferzionare la nostra lingua!Comunque nemmeno a me piace molto l'uso della k,mi sa troppo di greco,così come la x di xhiuri,xhiumi e altre parole.Ripeto sarà dovere di coloro che conoscono a fondo la nostra lingua e la nostra grammatica! Siculu


Ciau 'mpari, mancu l'àutri cullabburatura dâ wikipedìa siciliana sunnu linguisti, ma tutti avemu nu ciriveddu ca ni pirmetti di studiari lu sicilianu, e riflèttiri n'anticchiedda. A prupòsitu dâ "grecità" o di l' "arabità/arabitudine" dâ lingua siciliana, ju ti pozzu dìciri chistu:

  • La lingua spagnola (lingua neolatina di Spagna) cunteni cchiù di 4000 arabismi (palori àrabbi spagnulizzati), e havi quarchi prununza àrabba (p'asempiu la littra spagnola scritta "j" è na "r" sciusciata àrabba, ca si prununza asattamenti comu la "kh" àrabba) e la lingua spagnola è sempri cunziddirata "neolatina". Lu spagnolu nun è cunziddiratu comu na lingua "semita".
  • La lingua francisa (lingua neolatina di Francia, Belgiu e Svìzzira) cunteni assai girmanismi (palori girmànichi francisizzati) e la lingua francisa è sempri cunziddirata "neolatina". Lu francisi nun è cunziddiratu comu na lingua "girmànica".
  • La lingua maltisa (lingua semita di Malta) cunteni assai latinismi (palori siciliani o taliani maltisizzati) e la lingua maltisa è sempri cunziddirata "semita". Lu maltisi nun è cunziddiratu comu na lingua "neolatina".

Quinni...

  • La lingua siciliana (lingua neolatina di Sicilia, Calabria meridionale e Salento) contiene molti arabismi, ellenismi (grecismi), gallicismi (francesismi e normannismi), iberismi (castiglianismi e catalanismi), germanismi, turchismi, ecc. e la lingua siciliana è sempre considerata "neolatina". Il siciliano non è considerato come una lingua "semita", "ellenica", "gallica", "iberica", "germanica", e nemmanco è considerata "turchesca". Il siciliano è una lingua neolatina (la maggioranza del lessico siciliano viene dal latino, e anche le regole grammaticali vengono soprattutto dal latino).

Forsi mi sbagghiu, ma ju penzu ca chiddi ca canùscinu a funnu la nostra lingua e la nostra grammàtica, sunnu l'appassiunati dâ lingua siciliana, li littirati siciliani (li pueti, li cantautura, li scrittura, ecc.), e li prufissura di li dipartimenti "Dialettoluggìa" di l'univirsitati siciliani, e macari... tutti li siciliani di Sicilia (iddi stissi) ca pàrranu lu sicilianu comu la sò lingua matri.

Ju macari speru ca un jornu, la nostra lingua siciliana è rivalutata comu tali.

Salutamu!

--Sarvaturi 10:41, 24 jinnaru 2007 (UTC)

Già,infatti nel sito linguasiciliana ci sta musika anziché musica,oppure kista anziché chista,per saperne di più chiederò spiegazioni al mio professore di linguistica all'università!

Talìati 'ccà viriti cà truvaju http://www.linguasiciliana.org/documenti_file/scalabrino_dialettoolingua.pdf

N'avutra cosa v'avìa rittu 'nà para di jorna arreri,ma 'mmeci di "Canciamenti culligati" n'fussi megghiu mittiricci "Canciamenti 'ncucchiati"?Mi para 'nà frasi anticchia chiò siciliana!Chi 'nnì pinzati vujautri? Siculu

A prupositu di canciamenti ncucchiati, ju sugnu d'accordu cu tìa. Turi e Pippu. Chi ni pinsati ? User:Gmelfi

Rifatti "canciamenti 'ncucchiati" mi pari nà frasi chiù siciliana comu macari "talìati macari(puru)" uò postu di "viditi puru". A proposito,ho parlato col professore mio di linguistica sull'uso della k e della x in siciliano.Mi disse che la k nel siciliano non esiste,e nemmeno in quello antico,sulla x mi ha detto invece che si usa in siciliano antico ma che ancora alcuni poeti contemporanei siciliani la usano.Mi ha detto poi che esiste uno spettacolo chiamato ""A lu celu di gloria xhiuri" Siculu


  • Ciau a tutti, a prupòsitu di "canciamenti ncucchiati", ju prifirisciu tantu cchiù "canciamenti accucchiati", usannu lu verbu panzicilianu "accucchiàri" (zoè "a + cùcchia + àri") chî currispunnenzi diretti cu lu latinu "ad copulare" (zoè "ad + còpula + àre"), e cu àutri lingui neolatini comu lu talianu "accoppiàre" (zoè "ad + còppia + àre"), lu spagnolu "acoplár" (zoè "a + cópla + ár"), l'arpitanu-francupruvinzali "acuchèr" (zoè "a + cùche + èr"), e lu francisi anticu "accouplèr" (zoè "à + còuple + èr"). Chi nni pinzati? Salutamu! --Sarvaturi 18:36, 25 jinnaru 2007 (UTC)

C'hai raggiuni sarvaturi macari ju penzu fussi megghiu mittiricci ancucchiati! Siculu

  • Miiii, ju prupunìi "accucchiati". Nun prupunìi "ancucchiati" (pirchì è lu stissu di "ncucchiati"). Salutamu! --Sarvaturi 20:29, 25 jinnaru 2007 (UTC)

Allora accucchiati in italiano significa raccolti,ancucchiati invece collegati e correlati. Siculu

  • Caru Siculu, mi pari ca "accucchiato" nun asisti 'n talianu standard! Ma mmeci di chistu, mi pari c'asisti la palora taliana "accoppiato" (cû significatu "collegato, congiunto, messo insieme, unito"). E ntâ Lista dî palori prifiruti (criata dâ palirmitana Giusi, e dû rausanu Peppi) di sta Wikipedìa siciliana, poi vìdiri ca "accucchiari" e "ncucchiari" signìficanu la stissa cosa. E' asattamenti lu stissu casu di st'àutri verbi siciliani: "nchianari" e "acchianari", o "mpènniri" e "appènniri", ecc. Salutamu! --Sarvaturi 20:58, 25 jinnaru 2007 (UTC)

Sarvaturi capisti mali,ju rissi c'accucchiatu nò talianu voli riri"raccolto" Siculu

  • Sugnu d'accordu ca «canciamenti culligati» nun è la megghiu forma pussìbbili. Parrannu dâ palora «ncucchiatu», nta mè famigghia, si usava sta palora cû senzu di na coppia, di pirsuni o cosi, ricurdànnuni ca «cucchia» signìfica coppia o paru. Allura, siddu unu avissi dittu: «stannu ncucchiati», significava: «unni unu va, poi stari sicuru ca l'àutru cci sta sempri d'appressu!» o «s'attròvanu sempri attaccati!», ma usualmenti parrannu di dui pirsuni. Cuntrullannu Camilleri, pi collegare cci attrovu: jùnciri, uniri, attaccari aggiuntari, assimmarari, ncucchiari, appariggiari, mèttiri 'n rapportu. La maggiuranza di st palori nun pòrtanu lu senzu ca ntinnemu ccà. Forsi li megghiu sunnu: assimmarari e ncucchiari (di cui putemu criari l'aggittivu). La ntinzioni di stu liami è p'ammustràrini tutti li canciamenti dî vuci chi sunnu currilati cu l'artìculu unni s'attrova a ddu mumentu. Dunca, si pò trattari di tanti vuci currilati. "Canciamenti 'n rapportu"?? Salutamu (e cuntìnuassi chî cunzigghi, mi scusa ca nun pozzu arrispùnniri a tutti quanti p'accamora). πίππύ δ'Ω∑ - (waarom? jus'b'coz!) 22:05, 25 jinnaru 2007 (UTC)


  • Ciau Siculu, sì, tu dicisti ca:

- accucchiati (scn) = raccolti (it)

- ancucchiati / ncucchiati (scn) = collegati, correlati (it)

E ju sugnu d'accordiu ca:

1. "accucchiati" (scn) = racimolati, raccolti (it)

ma diciu ca c'è puru stu significatu:

2. "accucchiati / ncucchiati / ancucchiati" (scn) = collegati, congiunti, messi insieme, uniti, accoppiati, ecc. (it)

Allura, arripetu ca penzu ca "accucchiari" e "ncucchiari" signìficanu la stissa cosa. Forsi nta arcuni zoni dâ Sicilia, li dui palori hannu nu significatu assai diversu, ma ntô sicilianu littirariu, criju ca sti dui palori vonnu dìciri la stissa cosa. Ci sunnu assai verbi siciliani ca ponnu inizziari sia cû prifissu " 'n/'m" ("in" 'n latinu) o sia cû prifissu "ab/ac/ad/..." ("ad" 'n latinu) e c'hannu lu stissu significatu.

Salutamu.

--Sarvaturi 22:49, 25 jinnaru 2007 (UTC)

Scrittu doppu: Ciau Pippu, grazzi pi la to risposta ntirissanti. Forsi putìssimu usari la sprissioni "canciamenti currilati" (currilati = mittuti 'n currilazzioni). Prubbabbirmenti "currilati" è nu talianismu, ma nun sarìa la prima vota ca "nuàutri pigghiamu la strata media". Pippu, chi nni penzi? E tu Siculu, chi nni penzi? Salutamu --Sarvaturi 23:28, 25 jinnaru 2007 (UTC)

Ju pinzassi,cà fussi megghiu e chiù vicinu ò sicilianu parratu "canciamenti 'ncucchiati" o "canciamenti accucchiati" Siculu

N'avutru cunsigghiu[cancia la surgenti]

Stavota pò "circulu",andura visti 'cà l'autri uichipedi hanu misu nu messaggio iniziali.Putissi siri 'nnà bona idìa pì mittiriccillu macari 'ccà? Siculu

  • Ciau Siculu, sì, hai raggiuni, putissi èssiri n'idìa bona, ma pi fauri ni poi dìciri di chi Wikipedìa stai parrannu? Chidda taliana? Chidda napulitana? Salutamu! --Sarvaturi 18:44, 25 jinnaru 2007 (UTC)

'Ndà chiddha napulitana 'u visti! Siculu


  • Sì, putìssimu mèntiri nu missaggiu nizziali nicu 'n sicilianu ca putissi assimigghiari a chistu ccà:

Bimminuti ô Cìrculu

Siddu vuliti lassari nu missaggiu, jiti â fini dî missaggi, criati nu tìtulu, p'asempiu: ==tìtulu==, e lassati zoccu vuliti dìciri. Siddu vuliti jùnciri na discussioni, criati li suttatìtuli, p'asempiu ===suttatìtulu=== ecc.

Salutamu!

--Sarvaturi 20:26, 25 jinnaru 2007 (UTC)

Bonu mi pari,p'rò cangia bomminuti cù bimminuti... Siculu

  • Sì, è n'idia bona (aviri stu missaggiu) - Siculu - mi poi diri siddu tu, o la tò famigghia, o li toi amici e vicini ni faciti l'accuglienza usannu palori comu «bomminuti» o «bimminuti»? mi ntiressa picchì ccà nun avemu mai pututu dicìdiri tra sti formi. Grazzi assai! πίππύ δ'Ω∑ - (waarom? jus'b'coz!) 11:12, 26 jinnaru 2007 (UTC)

Bimminuti mi pari chiò giustu Siculu

Chi 'nnì riciti?Pp'abbissari 'a paggina principali[cancia la surgenti]

Salutamu! Chista è la Wikipedìa (/Uichipedìa) 'n sicilianu. L'enciclopedìa unni cuegghiè pò scrìviri e unni cuegghiè pò agghiùnciri palori novi e chi cunteni già 7,740 artìculi. Pruvati a scrìviri 'n sicilianu, e nna picca tempu vi veni fàcili. Grazzi tantu a tutti!

Mi pari macari chista chiò megghia.Chi 'nnì pinzati vujautri amminustratura?Sarvaturi à penza comu ammìa e l'autri?Ppì mìa fussi nà bona idìa... Siculu

  • Ciau a tutti, cunfirmu ca ju sugnu d'accordiu "p'abbirsari la pàggina principali", zoè pi mèntiri (ntâ pàggina principali) lu missaggiu ca s'attrova ccà susu. Salutamu! --Sarvaturi 12:28, 26 jinnaru 2007 (UTC)
  • Sì va beni, ma si tràttinu sulu di canciati nichi, no? πίππύ δ'Ω∑ - (waarom? jus'b'coz!) 05:07, 29 jinnaru 2007 (UTC)
  • Ciau Pippu, sì, sunnu di li canciamenti nichi, ma, comu sempri, l'amministratura hannu a dìciri zoccu nni pènzanu prima ca quarchidunu faci li canciamenti (chistu è nu funziunamentu dimucràticu), pirchì sunnu canciamenti dâ pàggina cchiù mpurtanti dû pruggettu: la pàggina principali. Pi mia, li canciamenti pruposti di Siculu migghiòranu tanticchiedda lu pruggettu dâ Wikipedìa siciliana, ma è megghiu siddu ognidunu amministraturi dici macari la sò opinioni. Salutamu! --Sarvaturi 12:05, 29 jinnaru 2007 (UTC)
  • Sì macari iu sugnu d'accordu. Salutamu. Peppi

Statìstichi[cancia la surgenti]

Ciau a tutti, putiti attruvari lu nùmmiru d'artìculi ca scrivìstuvu, ecc. ccabbanna:

Pippu d'Angelo: http://tools.wikimedia.de/~interiot/cgi-bin/count_edits?user=Pippu+d%27Angelo&dbname=scnwiki_p

Giusi: http://tools.wikimedia.de/~interiot/cgi-bin/count_edits?user=Giusi&dbname=scnwiki_p

Gmelfi: http://tools.wikimedia.de/~interiot/cgi-bin/count_edits?user=Gmelfi&dbname=scnwiki_p

Micheli: http://tools.wikimedia.de/~interiot/cgi-bin/count_edits?user=Calicchiulusiculu&dbname=scnwiki_p

Maurice Carbonaro: http://tools.wikimedia.de/~interiot/cgi-bin/count_edits?user=Maurice+Carbonaro&dbname=scnwiki_p

Cidricu: http://tools.wikimedia.de/~interiot/cgi-bin/count_edits?user=Cidricu&dbname=scnwiki_p

ecc.

Salutamu!

--Sarvaturi 14:10, 29 jinnaru 2007 (UTC)

Caitanu Cipudda e la sò sicilianitati[cancia la surgenti]

Ciau a tutti, l'assuciazzioni L'Altra Sicilia mi mannau la sò newsletter ntâ quali nfòrmanu ca lu prufissuri Gaetano Cipolla (assuciazzioni miricana "Arba Sicula") adirisci a lu Cumitatu Prumuturi "Lingua, Cultura e Media Siciliani". Nta na interview lu prufissuri ni cunta:


Ho scoperto la mia sicilianità quando sono tornato in Sicilia dopo 14 anni di assenza. E' stata una vera epifania. Mi sono accorto che in America non ero americano e in Italia non ero più italiano. Da questa crisi ho capito che nel mondo bisogna prendere coscienza della propria identità culturale e ho cominciato a studiare la Sicilia, la letteratura siciliana, cioè scritta in siciliano. Ho tradotto testi poetici siciliani cominciando con Meli, poi Martoglio,Tempio, Ancona, e altri con la coscienza che i poeti sono i migliori ambasciatori di un popolo. Tutto questo per dire che credo fermamente nella necessità di non lasciar perdere la nostra lingua perché come dice Ignazio Buttitta "un popolo che perde la lingua addutata dî patri diventa povero e schiavo degli altri".


Lassu stu missaggiu ntô Cìrculu pirchì sacciu ca ci sunnu cullabburatura ('n particulari chiddi ca pàrranu ngrisi comu a Pippu, Micheli, ecc.) di sta wikipedìa siciliana ca vonnu beni a stu prufissuri. Puru siddu a mia nun mi piàcinu sempri li formi siciliani ca Mastru Cipudda usa, lu rispettu. Arricanusciu la gana granni e lu mpegnu granni di stu prufissuri p'aiutari la nostra vera lingua, la lingua siciliana.

Grazzi Prufissuri Cipudda.

Salutamu!

--Sarvaturi 14:02, 1 Frivaru 2007 (UTC)

Ciau Turiddu, grazzi - sì, è veru ca lu pruffisuri ha fattu assai pâ lingua siciliana. Ti hai a ricurdari ca iddu fa edituri di dda rivista dâ littiratura siciliana, Arba Sicula - ma mi pari ca iddu havi la filusufìa ca sulu fa li canciamenti siddu si tràttanu di sbagghi chiari, altrimenti iddu cci lassa jiri assai p'ammustrari rispettu a l'auturi, vogghiu diri ca iddu nun custrinci a l'àutri a siquiri lu modu sou, nfatti, facirmenti iddu nun havi nudda prifirenza! Iddu voli ncurriggiri tanti a scrìviri pi sicilianu, iddu nun voli mpèdiri a nuddu. Sacciu ca quannu usau una dî nostri vuci pâ sò rivista - iddu la prubbricau comu era, littra pi littra. Spiramu ca lu tempu veni quannu iddu dicidissi a abbanniari la sò scrittura prifiruta. Ma puru siddu cci arrivamu - câ puisìa (e Arba Sicula pùbbrica assai puisìa) nun è sempri d'accussì facili aspittannu ca tutti scrìvinu ô paru. Salutamu! πίππύ δ'Ω∑ - (waarom? jus'b'coz!) 23:00, 1 Frivaru 2007 (UTC)


  • Ciau Pippu, t'arringrazziu pi la tò risposta ntirissanti. Ju criju ca nun avemu a aspittari ca tutti quanti li pueti siciliani scrìvinu lu sicilianu 'n modu aguali. E' picca prubbàbbili ca passa stu fattu siddu nudda liggi veni vutata prima di l'assimbrea riggiunali siciliana. Ju penzu ca siddu aspittamu troppu tempu (5-10-20 anni), è pussìbbuli ca un jornu nun ci sunnu cchiù abbastanti pirsuni capaci di scrìviri 'n sicilianu strittu littirariu o capaci di lèggiri li testi scritti 'n sicilianu strittu littirariu. Siddu nun si vota lestu lestu na liggi p'addiffènniri la lingua siciliana criju ca jamu a campari nta l'èbbica ntermedia tra l'era ca la maiuranza dî siciliani càpinu bonu lu sicilianu strittu urali (e certiduni lu sannu scrìviri) e l'era ca la maiuranza dî siciliani nun càpinu bonu lu sicilianu strittu urali (e nun c'è quasi nuddu ca lu sapi scrìviri). Siddu nun luttamu oi, forsi dumani è troppu tradu. Nzin'a ora, è veru c'avemu pirdutu arcuni battagghi ma nun avemu pirdutu la guerra! Speru ca, sintennu l'abbanniata di la liggi pi la lingua siciliana (di L'Altra Sicilia), li siciliani di Sicilia vannu a alliàrisi e fari succèdiri na rivuluzzioni culturali massiva. Salutamu! --Sarvaturi 21:32, 3 Frivaru 2007 (UTC)


Sarvaturi,si nun si rununu nà maniata chidhi p'addifenniri a lingua nostra,affaricuntu sta scumparennu.......sacciu cà fossi ana 'nzignari 'ndè scoli.....speriamu Siculu

  • Ciau Siculu, hai raggiuni, siddu li siciliani di Sicilia nun vòtanu massivamenti pi li partiti pulìtici siciliani boni (chiddi ca prupòninu lu nzignamentu dâ lingua siciliana ntê scoli di l'ìsula), nun succedi lu sarvamentu dâ nostra lingua millinaria. Pi sarvari la lingua siciliana, s'havi a nzignari ntê scoli siciliani. Salutamu! --Sarvaturi 11:17, 4 Frivaru 2007 (UTC)

Speriamo,speriamo e basta,speriamo che cuffaro da buon presidente della sicilia si dia una mossa,so anche che dovrebbe passare il decreto di legge per mettere la segnaletica in doppia lingua come fanno in friuli e in sardegna,vistro che la nostra lingua è differente dall'italiano come la loro.....forza sicilia....facciamo valere la nostra cultura amiamo la nostra lingua e uniamoci come popolo Siculu

  • Ciau Siculu, grazzi pi lu tò missaggiu, hai raggiuni: la lingua siciliana è abbastanti diffirenti di la lingua taliana e pirchissu ju penzu ca nun ci voli scrìviri lu sicilianu cu littri strammi pi diffirinziàrilu dû talianu. Ju penzu ca putemu cuntinuari a scrìviri "aciddùzzu" mmeci di scrìviri "ashiddhùtzu". Pi mia, mi veni cchiù fàcili di lèggiri la palora "aciddùzzu" di lèggiri la palora "ashiddhùtzu". Forsi chistu è duvutu a lu fattu ca la palora siciliana "aciddùzzu" si scrivi cu littri tìpichi latini, comu nta l'àutri lingui latini:

- "avicellus" 'n latinu

- "uccellino" 'n talianu

- "oiselet" 'n francisi

- "avecilla" 'n spagnolu

Salutamu! --Sarvaturi 22:56, 4 Frivaru 2007 (UTC)

Già,hai perfettamente ragione. Siculu

Carusi aja truvatu n'situ n'sicilianu[cancia la surgenti]

Ratici nà talìata,pirò ascriva stranu.

http://www.terralab.it/xaSishilia.htm

Siculu

  • Ciau Siculu, t'arringrazziamu pi stu situ ca ni signalasti. Difattu, già lu canuscemu, e è veru ch'è ntirissanti ma li sò rèuli ortugràfichi nun si ponnu appricari pi lu pruggettu dâ Wikipedìa siciliana. Salutamu! --Sarvaturi 21:14, 3 Frivaru 2007 (UTC)

'U sacciu cà mancu si ponu usari,ma aja vistu avutri siti c'ascrivunu raccussì.....avutri pueti stanu usannu ssu sistema ddhocu....macari 'ndò lìbbru rò mò prufissuri usa ssu metudu.... Ma ju staju nisciennu lesu,ma 'u sicilianu veru scrittu comu avissa siri?ju mancu ci staju capennu nenti chiù.... Siculu


  • Ciau Siculu, a nuàutri (li cullabburatura dâ Wikipedìa siciliana) ni piaci la pricisioni:

- Pi fauri ni poi dìciri asattamenti li nnirizzi dî siti c'ùsanu stu sistema ortugràficu, e li noma dî pueti c'ùsanu macari stu sistema ortugràficu?

- Pi fauri ni poi dìciri lu tìtulu dû libbru dû tò prufissuri, e lu nomu e cugnomu di l'auturi di stu libbru?

- Pi fauri ni poi dìciri lu nomu e cugnomu dû tò prufissuri, e nta chi scola/univirsità iddu travagghia?

Grazzi 'n antìcipu.

Salutamu!

--Sarvaturi 11:25, 4 Frivaru 2007 (UTC)

Scrittu doppu: Nuàutri dâ Wikipedìa siciliana, scrivemu 'n modu tradizziunali pirchì siquemu li modi di scrìviri di la maiuranza di l'autura siciliani clàssici ca scriveru 'n sicilianu (comu a Gnazziu Buttitta, Ninu Martogghiu, Juseppi Pitrè, ecc.). Voli diri c'avemu li fonti asistenti e sicuri dâ littiratura siciliana, chidda arricanusciuta ntô munnu nteru. Lu sistema ortugràficu dâ Wikipedìa siciliana è di tipu latinu (comu chiddu dû spagnolu, dû francisi, dû talianu, dû purtuchisi, ecc.) pirchì lu sicilianu è na lingua neolatina. Ci sunnu di li malilingui ca dìcinu ca lu modu di scrìviri usatu ccà banna ntâ Wikipedìa siciliana è troppu talianizzatu, ma ni nni futtemu pirchì nuàutri putemu giustificari la nostra scigghiuta, mentri chiddi ca vonnu usari littri comu "k", "trh", "xhj", çj", "tz", "rrh", "sh" (o àutri littri strammi), nun hannu mutivi seri. Pari cchiù nurmali e lòggicu usari l'ortugrafìa latina (comu nta tutti l'àutri lingui neolatini: spagnolu, purtuchisi, francisi, talianu, ecc.) pirchì la lingua siciliana è neolatina. Nta sta Wikipedìa siciliana "useremo" sempri lu sistema ortugràficu clàssicu, zoè chiddu di la littiratura siciliana. Salutamu! --Sarvaturi 11:52, 4 Frivaru 2007 (UTC)



http://www.linguasiciliana.org/documenti_file/fonetica%20siciliana.doc

http://it.groups.yahoo.com/group/Linguasiciliana/message/4322

altri siti dove si usa questo linguaggio,cmq il libro del mio professore si chiama "La fiera del Nigrò"parla della lingua siciliana e della produzione letteraria della sicilia,utilizza çiuri e bedha. Salutamu!

cmq in portoghese e in francese ci sono i fonemi tipo ç,poi la n spagnola,boh guarda non so dirti,anzi davvero non ci sto capendo nulla più.....

Comunque Sarvaturi sono d'accordo con il tipo di linguaggio utilizzato in questa wikipedia,anche perché il siciliano non è tutto uguale,ma cambia da zona a zona,figurati che ho amici di Gela e se parlano in dialetto stretto non li capisco bene,per cui è giusto utilizzare forme leggermente più italianizzate perché alcune parole in certe zone si usano,in altre no.Per cui concordo col tipo di linguaggio utilizzato qua.

Comunque non volevo dire poeti,ma scrittori correggo l'errore....

Certo che secondo me la k nel siciliano non dovrebbe esistere.....basta la c...o la ch per fare un suono più duro....forse la ç per scrivere çiuri oppure dh per dire bedha....o al massimo trh(ma in questa non sn molto d'accordo,gli inglesi hanno la stessa tr nostra e non usano nessun particolare fonema)ma il resto le x e le k non fanno parte del siciliano(forse la x che utilizzavano i sicilianisti del 1200)ma non serve scrivere sishilianu.....la nostra c ha si un suono diverso rispetto alla c italiana,ma non ha il suono della sh.....altrimenti dovremmo scrivere shiuri?è più latino çiuri.....giusto sarvaturi?secondo te ho ragione?non mi sembra giusto storpiare il siciliano...ma anzi cercare di latinizzarlo come le altre lingue romanze,visto che anche alcune lingue romanze utilizzano la ç.....ma alcuni fonemi tipo arabi no...assolutamente,sappiamo che la nostra lingua è in parte figlia dell'arabo ma la maggioranza del lessico e della grammatica è latino....che ne pensate ragazzi? Comunque nel libro del mio professore,egli non utilizza sh o altre lettere strane cambiano solo,rispetto alla grammatica utilizzata in questo fantastico progetto,gli articoli,'u anziché lu(dice che lu non esiste più e invece 'u è la forma utilizzata in sicilia)idem anche per 'a anziche la,e gli altri,poi usa soltanto ç e dh e basta...la forma di bedha ad esempio l'ho vista anche nell'inno "sicilia patria mia".Comunque,sinceramente ci sto capendo ben poco,bisognerebbe creare la lingua siciliana unica,come hanno fatto i sardi......speriamo di salvare la nostra lingua ragazzi sono molto preoccupato... Siculu


  • Ciau Siculu, grazzi pi la tò risposta.

Mi dispiaci ma lu nnirizzu (Linguasiciliana.org-funètica) ca ni manni nun è n'argumentu vàlidu pirchì l'auturi di stu cuntinutu è lu stissu di lu cuntinutu di lu situ (Terralab.it) ca ni dasti prima. Ju cunzìddiru ch'è la stissa fonti.

Mi dispiaci ma lu nnirizzu (Forum Linguasiciliana) ca ni manni nun è n'argumentu vàlidu pirchì è nu forum, zoccu signìfica ca lu cuntinutu è lìbbiru e l'autura ponnu parrari tra d'iddi ognidunu ô sò modu. Vogghiu dìciri ca puru ju pozzu jiri ddabbanna e scrìviri minchiati 'n modu stranu comu:

Sabbinirika, mi kiamu Sarbaturi, sùniu sishilianu e mi piashissi parrari ku-vvuiàutrhi. Mè matrhi è-ssishiliana ('a mè famigghja è-nnissena). Kanusciti 'a shitati ri Kattanissetta? E' na shitati sishiliana k'è-vveru bieddhra. Staju shirkannu 'u nomu ri nu çiuri ri ddhrà. Num-puotzu arrikurdàrimi 'u sò nomu. E'-nnu çiuri rrussu-giarnu ku-nnu çiàuru ri zàhara ma 'un è-nna zàhara. Siddu sapiti 'u nomu ri stu çiuri ca parru, ppi fahuri mû putiti rìshiri? 'Ratzi 'n antìshipu. Sarbaturi

Salutamu!

--Sarvaturi 23:49, 4 Frivaru 2007 (UTC)

In effetti,sembra molto strano sto siciliano di come scrive l'autore di questo sito. Poi quest'utilizzo delle K e della SH non mi piace assolutamente,solo la dh mi convince come lettera,perché fra "ADDIVENTA" e " ADDUMA" la pronuncia della DD cambia... Sarvaturi sei mai stato nel sito linguasiciliana.org?Magari potremmo farci aiutare da loro Siculu

Malauriu, Malâuriu o Malaûriu?[cancia la surgenti]

Ciau a tutti,

Penzu ca semu tutti d'accordiu ca si poti scrìviri âti (aviti) e âmu (avemu). Ju scrivìi l'abbozzu malauriu ("malaugurio" 'n talianu) e haiu na dumanna nica:

Pi fauri quarchidunu mi putissi dìciri comu s'havi a scrìviri sta palora?

  • malâuriu?
  • malriu?
  • malauriu?

Grazzi 'n antìcipu pi li risposti

Salutamu!

--Sarvaturi 21:14, 3 Frivaru 2007 (UTC)

Si nun ma sbagghiu,s'avissa scriviri malriu,fossi.... Siculu


  • Ciau Siculu, grazzi pi sta risposta, difattu ju penzu ca la megghiu forma è chidda "malâuriu" (o "malâùriu" siddu vulemu scrìviri l'accentu tònicu) pirchì pi mia la parti "ug" (di malaugùriu) scumpari e quinni malaugùriu addiventa malâuriu (o "malâùriu" siddu vulemu scrìviri l'accentu tònicu), ma forsi mi sbagghiu. Salutamu! --Sarvaturi 11:33, 4 Frivaru 2007 (UTC)

Scrittu doppu: Diciu chistu pirchì mi pari ca la parti "ve" (di avemu) scumpari e quinni avemu addiventa âmu e mi pari ca la parti "vi" (di aviti) scumpari e quinni aviti addiventa âti. Salutamu! --Sarvaturi 11:37, 4 Frivaru 2007 (UTC)


al mio paese abbiamo è ama,avete aviti o ata si usano entrambe.cmq è più siciliana la seconda,perché non si parla più il siciliano puro,solo quelli dai 55 in sù lo parlano bene....noi più giovani usiamo l'italiano sicilianizzato diciamo....oppure il siciliano stretto solo in famiglia...secondo alcuni parlare il siciliano è sinonimo di ignoranza...ma questi non sanno che il siciliano è stata la prima lingua romanza ad essere nata dopo il disfacimento del latino e non sanno nemmeno che per 100 anni è stata la lingua d'italia,e chiamarlo dialetto è proprio una vergogna,dovrebbe essere considerato allo stesso modo del sardo del friulano,del corso(che è molto più simile all'italiano del siciliano)e di altre lingue come catalano ecc.anzi ancora di più,è diversissimo dall'italiano,e poi ha altre regole grammaticali,altre prununcie,fonemi diversi ecc Facciamo valere la nostra lingua,la prima lingua romanza sorta dalle ceneri del latino,altro che friulano e corso..... ciao a tutti e w la TRINAKRIA!

Se non sbaglio sarvaturi,o almeno nella mia zona la v è muta,non si sente,ad esempio provate diventa pruati e non pruvati...ci sono altri termini così quando mi verranno in mente ve li segnalo Ciao ragazzi e grazie dell'ottimo lavoro Siculu

  • Ciau Siculu, sugnu d'accordiu cu tia, è nu prubbrema granni ca tanti siciliani crìdinu ca la sò lingua matri (lu sicilianu) è lingua di gnuranti. Piccatu! E' veru ca chiamari lu sicilianu "dialettu", "parrata", è na virgogna, n'errurazzu, e supratuttu na minzogna. Hai raggiuni lu corsu è cchiù "tuscanu" (talianu) di lu sicilianu. Sugnu d'accordiu cu tia a prupòsitu di la "v" ca spissu è muta ntô sicilianu, e siddu osservi bonu l'ortugrafìa usata ntâ Wiikipedìa siciliana poi nutari ca ccabbanna usamu spissu palori siciliani comu "fauri", "tàula", "nìuru", ecc. Salutamu! --Sarvaturi 23:18, 4 Frivaru 2007 (UTC)

Anche wikipedia[cancia la surgenti]

Riconosce il siciliano come una delle principali lingue romanze

Le principali lingue romanze attuali sono il portoghese (con le sue varianti, tra le quali è di gran lunga prevalente il brasiliano in quanto a locutori), lo spagnolo (o castigliano, con tutte le sue forme diffuse in America Latina), il catalano, il francese, il francoprovenzale, l'occitano, il piemontese, l'insubre, l'orobico, il romancio, il ladino, il friulano, il sardo, il siciliano, l'italiano, il rumeno, l'arumeno (lingua arumena) .

W sicilia Siculu

  • Ciau Siculu. Grazzi pi stu missaggiu. M'hai a scusari ma tutti li cullabburatura dâ Wikipedìa siciliana sannu bonu ca lu sicilianu è na vera lingua, e quinni nun servi a nenti abbanniari ccabbanna ca lu sicilianu è na lingua autèntica. Criju ca sarìa cchiù ùtili di nfurmari a li siciliani gnuranti ca canusci tu: chiddi di la tò citati, forsi li tò amici giùvini, ecc. T'arricordu ca tutti li citadini taliani maiuri di 18 anni hannu lu drittu di votu, dunca tu c'hai 19 anni poi vutari li partiti boni ca vonnu aiutari la nostra lingua, chidda siciliana. Salutamu! --Sarvaturi 23:28, 4 Frivaru 2007 (UTC)
  • Ciau Siculu. Chi lu sicilianu è na lingua rumanza, nun è la wikipedia chi lu nvintau. Li studiusi di linguistica a liveddu ntirnazziunali dìcinu accussì (talìa pi esempiu Ethonologue). Nuatri di wikipedia nun semu linguisti e comu dissi Turi, scrivemu comu li scrittura cchiù rapprisintativi dâ sicilianitati scrissiru nzinu a ora. Salutamu. Peppi. PS. Quann'è chi cuntribbuisci macari tu â nostra wikipedia, pi esempiu traducennu (o riassumennu n sicilianu) n'articulu di la wikipedia italiana ? --Gmelfi 08:53, 5 Frivaru 2007 (UTC)

Se mi dite come fare..... Siculu

Appostu 'mbare!

Siculu

Le mie opinioni e i miei pensieri sul siciliano[cancia la surgenti]

Dunque sappiamo benissimo che il siciliano è stata la prima lingua letteraria dell'europa romanza dopo il disfacimento del latino.O comunque una delle prime. Ebbene quando dico queste cose ai miei coetanei,mi ridono in faccia,la colpa sta alle scuole,che fanno studiare Dante,Boccaccio ecc(Grandissmi per carità),trascurando i nostri Jacopo da Lentini e tutta il movimento sicilianista del 1200. Io alle superiori ho studiato soltanto i poeti toscani e del nord italia,e hanno trascurato i nostri grandissimi autori,personalmente,prima di entrare a far parte di questo fantastico sito,non conoscevo nè Pitrè,nè Martoglio nè tutti gli altri. Al massimo avevamo studiato Giovanni Verga,che non scriveva in siciliano,ma adattava il linguaggio in base alle classi sociali;noto con piacere che il mio professore universitario invece a volte ci fa esempi sul siciliano e tutti i miei colleghi rimangono veramente scioccati,c'erano alcuni che non sapevano il significato di tintu. Io spero che questo progetto nel nostro piccolo possa fare solo bene alla mentalità di alcuni snob siciliani.

Adesso vengo a ciò che penso io sul siciliano a livello linguistico. Ovvero,io parlo,ben o male il siciliano(solo in famiglia,perché fuori chi parla siciliano è considerato un ignorante,fra i ragazzi),mi rendo conto che abbiamo diverse pronuncie particolari. Ebbene,io non sono linguista,ma studio lingue e nel mio piccolo qualcosina la so. Quando noi parliamo siciliano,ad esempio diciamo "'u çiuri",però cambia la pronuncia quando si dice "un ciuri",fateci caso,sembra strano invece con la consonante prima della ç il suono si rafforza. E un'altra considerazione,addiventa presenta un dd gutturale,invece add(h)uma una dd più morbida. Ad esempio,nella mia zona non si usa la parola "Siddu" la doppia d come si pronuncia come addiventa o come add(h)uma?

Non è una critica,anzi visto che ognuno sta scrivendo la nostra lingua con regole diverse(non parlo di questo sito,ma di quello che ho trovato cercando su internet,è scritto in tutte le lingue tranne quella latina),non sarebbe meglio invece cercare di studiare più a fondo la nostra lingua,e fare una sorta di grammatica unitaria,come hanno fatto i sardi con la loro "limba sarda unificada" altrimenti ognuno comincia a scrivere il siciliano con regole inventate e regole inesistenti. Attendo vostre opinioni in merito a questa discussione,sperando che lo legga qualche linguista che ci dia una mano!

Ciao a tutti ragazzi! Siculu


  • Ciau Siculu, prima di tuttu hai a sapiri ca ci sunnu pochi giùvini di la tò età a ntirissàrisi a la lingua siciliana. E' veru ca li giùvini nun càpinu sempri bonu pirchì arcuni pirsuni si ntirèssanu a zocca iddi chiàmanu " 'u dialettu". Ma nun ti prioccupari, chistu nun signìfica ca sî tu lu foddi. Chistu signìfica sulu ca l'àutri hannu àutri hobbies e ca sunnu tanticchiedda cchiù gnuranti supra la propia cultura, la cultura siciliana. La curpa nun sta a li scoli, la curpa sta a l'Assimbrea Riggiunali Siciliana ca nun fa nenti pi sviluppari prugrammi di nzignamentu dâ cultura siciliana (lingua siciliana, tradizzioni siciliani, storia di la Sicilia, ecc.). Puru ju speru ca stu pruggettu poti fàciri beni â mintalità d'arcuni siciliani ca si crìdinu tuscani.

Criju ca la parola "siddu" o "s'iddu" si prununza "siddhu" (sta palora asisti puru ntâ Lingua Corsa: li formi "s'ellu"/"sellu" câ prununza "sèllu", e li formi "s'eddu"/"seddu" câ prununza "sèddhu"). Ma ci sunnu zoni dâ Sicilia (p'asempiu a Lìpari nta l'Ìsuli Eoli) unni la "dd" di "siddu" veni prununzata comu la "dd" di "addiventa".

Sì, hai raggiuni, sarìa megghiu circari di studiari cchiù a funnu la nostra lingua, e fàciri na sorta di grammàtica unitaria, comu hannu fattu li sardignoli cu la sò "limba sarda unificada", ma nuàutri nun semu di li linguisti, sulu semu di l'appassiunati ca scrìvinu artìculi 'n sicilianu nta n'enciclopedìa 'n lìnia.

Salutamu!

--Sarvaturi 14:31, 5 Frivaru 2007 (UTC)

Sarvaturi due consigli:Giovani non si dice giuvini ma carusi,e sarìa non esiste,si usa fussi. Siculu



Ciau Siculu,

M'hai a scusari ma criju ca ti stai sbagghiannu assai, pirchì ntô sicilianu littirariu si ponnu usari tutti quanti "sarìa/sarrìa/fussi/forra/fuorra", ma forsi ntâ tò zona la genti sulu usa "fussi".

E a prupòsitu di "giùvini/carusi", talìa zoccu haiu attruvatu:

  • In sicilianu si dici: " i giuvini hannu aspirazioni ca non diventunu mai rialtà"

Fonti: http://www.logosdictionary.org/pls/dictionary/new_dictionary.gdic.sl?phrase_code=4953268


  • In sicilianu si dici "Tra i giuvini ci sunu chiddi vili"

Fonti: http://www.paternogenius.com/pagine/poetidialettali/fiorito/fioritopoesie7_1.htm


  • In sicilianu si dici "mi preoccupu; picchì i giuvini non sannu parrari sicilianu, non sannu parrari 'talianu, e parranu na via di menzu"

Fonti: http://groups.google.com/group/it-alt.cultura.lingua.sicilianu/browse_thread/thread/94ccbfbde2311caa/388b55c98f3dd56e?lnk=raot


  • E in calabbrisi miridiunali (varianti siciliana parrata ntâ Calabbria) attruvamu "I giuvini e l'anziani"

Fonti: http://www.decrea.it/sinopoli/ULIVO.htm


Quinni 'n sicilianu si poti dìciri "li giùvini" mmeci di "li carusi".


Dunca, pi fauri, nun mi cuntari minchiati. Grazzi. Salutamu! --Sarvaturi 19:53, 5 Frivaru 2007 (UTC)

  • L'esprission chi mi piaci cchiossài pi giuvani/carusi è picciottu. Si usa assai ntè mè banni, e mi pari chi è assai pansiciliana. Comunqui libbiri tutti di usari l'esprissioni chi vuliti. Salutamu. Peppi (nun luggatu, ma sugnu iu)
    • Nun sugnu sicuru siddu si tratta di n'assirvazzioni assai scintìfica - ju avissi pinzatu ca li tèrmini pî cchiù giùvini finu ê cchiù vecchi sunnu: bamineddi, picciriddi, carusi, giùvini/picciotti, òmini/fìmmini/adulti, anziani/vichiareddi (cadàvari) - ma facirmenti cci nn'attròvanu nu munzeddu di sti tipi di palori ca nun finìscinu mai!! πίππύ δ'Ω∑ - (waarom? jus'b'coz!) 07:18, 6 Frivaru 2007 (UTC)

Lingua "Interlingua"[cancia la surgenti]

Ciau a tutti, haiu agghiunciutu (ntâ pàggina principali) na liami a la Wikipedia scritta in Interlingua. L'Interlingua è na lingua ausiliaria nternazziunali nasciuta attornu a lu 1951 doppu cchiù di vent'anni di studi linguìstici a òpira di l'IALA (International Auxiliary Language Association). Lu vucabbulariu di l'Interlingua è lu vucabbulariu cumuni di lu munnu uccidintali, armunizzatu nta na struttura linguìstica cuirenti. Li lingui supra cui si basa maiurmenti sunnu lu talianu, lu francisi, lu spagnolu, lu purtughisi, lu latinu, e lu ngrisi. Salutamu! --Sarvaturi 23:28, 8 Frivaru 2007 (UTC)

Ortugrafìa strammata[cancia la surgenti]

Ciau a tutti,

Siddu visitati stu situ: http://www.operaincerta.it/carlo/idioma%20siciliano/ viditi nu modu strammatu di scrìviri 'n sicilianu, ma è sempri ntirissanti nutari comu l'àutri pènzanu, allura ju v'accunzigghiu di visitàrilu. Salutamu! --Sarvaturi 02:47, 11 Frivaru 2007 (UTC)

Grazzi Turiddu pâ liami - l'haiu vistu na vota tempu fa. Cci sunnu tanti chi pròvanu a criari sti tipi d'ortugrafìi - ma viramenti, ju nun capisciu picchì quannu tanti libbra, vucabbulari e òpiri asìstinu gìa. E poi, semu sempri ddà, c'ognunu voli scrìviri pi modu sou. Salutamu! πίππύ δ'Ω∑ - (waarom? jus'b'coz!) 06:01, 11 Frivaru 2007 (UTC)
  • Ciau Pippu. T'arringrazziu pi la tò risposta. Criju ca li siciliani di Sicilia sunnu di li "ribbelli" (rebels). Diciu chistu pirchì mi pari ca ci piàcinu dìciri di no, e/o fàciri a sò modu. Ogni sicilianeddu cridi d'aviri la megghiu suluzzioni ortugràfica pi scrìviri lu sicilianu ma nun havi mai fonti stàbbili (p'asempiu n'òpira di nu littiratu famusu) p'addimustràrila, sparti di la sò parrata lucali (ch'è nenti di cchiù di nu dialettu dâ lingua siciliana). Picca siciliani vonnu capiri ca si poti a lu stissu tempu scrìviri la lingua siciliana scritta ('n modu unificatu), e cuntinuari a parrari lu dialettu sicilianu urali e lucali (chî particularità funètichi). Nun sacciu pirchì li siciliani nun sunnu capaci di capiri chistu. Li catalanòfuni scrìvinu la lingua catalana 'n modu unificatu, ma nu catalanòfunu di Barcellona (Riggiuni autònuma catalana, Spagna), nu catalanòfunu di Perpignan (Francia), nu catalanòfunu di Tarragona (Riggiuni autònuma catalana, Spagna), nu catalanòfunu di Maiorca (Ìsuli Baleari, Riggiuni autònuma catalana), nu catalanòfunu di Valencia (Riggiuni autònuma valinciana, Spagna), nu catalòfunu di Alicante (Riggiuni autònuma valinciana, Spagna) cuntìnuanu, tutti sei, di parrari a lu stissu tempu la sò varianti catalana urali lucali (ognidunu pi lu sò versu). Pi mia la situazzioni di sti siciliani "tistaruti" (stubborn) è na cosa di nèsciri foddi. Salutamu! --Sarvaturi 18:44, 11 Frivaru 2007 (UTC)
  • Ciau Turiddu - giustu - la situazzioni dâ lingua catalana rapprisenta n'asempiu ùtili pi nuiàtri. È veru ca tanti nun capìscinu ca scrìviri a modu unificatu si tratta di na quistioni diffirenti d'usari la parrata lucali. Salutamu. πίππύ δ'Ω∑ - (waarom? jus'b'coz!) 05:28, 12 Frivaru 2007 (UTC)

Certo che i linguisti siciliani dovrebbero darsi una mossa a creare una lingua siciliana unitaria nel modello della lingua sarda,altrimenti ci saranno sempre pareri contrastanti e intanto la nostra lingua pian piano si sta italianizzando,ad esempio ho tantissimi dubbi su come scrivere il siciliano,alcuni usano la X e la K altri no. Poi ho visto scritto sia "Figghju" e sia "Figghiu" e poi ho vistro scritto "Sicilianu" "Siçilianu" "Sishilianu".....buh..... User:87.10.100.32




Ciau anònimu. Lu sicilianu è na lingua neolatina. Picca littirati siciliani ùsanu la "k" e la "x". Chiddi ca lu fannu, nun sèquinu la tradizzioni littiraria siciliana, e nvèntanu littri ca nun sèrvinu a nenti:

- Pirchì usari la "k"? Avemu già la "ch/c" latina di "schola" (scola), "caballus" (cavaddu), "architectus" (architettu), .

- Pirchì usari la "x"? Avemu già la "c" pi lu latinu "fl" di "flumen" (ciumi).

- Pirchì usari la "ç" o la "sh"? Avemu già la "c" latina di "siciliensis" (sicilianu).

A chiddi ca dìcinu ca nun si poti usari ô stissu tempu la "c" pi la "c" di "sicilianu", e la "c" pi la "c" di "ciumi", ju ci diciu ca si poti usari, e ci l'addimustru cu l'asempi di l'àutri lingui neolatini, ca sunnu li "soru" di la nostra lingua siciliana:

  • Ntâ lingua francisa (ch'è na lingua neolatina comu lu sicilianu) s'usa la littra "t" accussì:

- "démocratie" (prununza: "democrassì", zoè "dimucrazzìa")

- "démocratique" (prununza: "democratìch", zoè "dimucràticu")

Nuddu sbagghia liggennu la prima palora o la secunna palora. Tutti li francòfuni sannu bonu ca nun si poti lèggiri:

- "democratì"

- "democrassìch"

Ntô francisi, la littra "t" si prununza a li voti t e àutri voti si prununza ss.

  • Ntâ lingua spagnola (ch'è na lingua neolatina comu lu sicilianu) s'usa la littra "r" accussì:

- "rodilla" (prununza: "rrodìja", zoè "ròtula")

- "árabe" (prununza: "àrabe", zoè "àrabbu")

Nuddu sbagghia liggennu la prima palora o la secunna palora. Tutti l'ispanòfuni sannu bonu ca nun si poti lèggiri:

- "rodìja"

- "àrrabe"

Ntô spagnolu, la littra "r" si prununza a li voti rr e àutri voti si prununza r.

E pi li gnuranti ca dìcinu ca nun si poti scrìviri lu sicilianu 'n modu unificatu, taliati l'asempiu dû spagnolu:

La ll spagnola poti èssiri prununzata n tanti modi:

- Pi la palora spagnola "rodilla", asìstinu li prununzi "rrodìja", "rrodìgia", "rrodìlia", "rrodìddha"

- Pi la palora spagnola "gallina", asìstinu li prununzi "gajìna", "gana", "galiìna/"galjìna", "gaddhìna"

- Pi la palora spagnola "botella", asìstinu li prununzi "botèja", "botègia", "botèlia", "botèddha"

- ecc.

Ma tutti l'ispanòfuni scrìvinu sempri "rodilla" (zoè "ròtula" 'n sicilianu), "gallina" (zoè "jaddhina" 'n sicilianu), "botella" (zoè "buttigghia" 'n sicilianu).


La v spagnola poti èssiri prununzata n dui modi:

- Pi la palora spagnola "vaca", asìstinu li prununzi "vàca", "bàca"

- Pi la palora spagnola "vale", asìstinu li prununzi "vàle", "bàle"

- ecc.

Ma tutti l'ispanòfuni scrìvinu sempri "vaca" (zoè "vacca" 'n sicilianu), "vale" (zoè "vabbeni" 'n sicilianu).


La d finali spagnola poti èssiri prununzata n tri modi:

- Pi la palora spagnola "libertad", asìstinu li prununzi "libertàd", "libertàss", "libertà"

- Pi la palora spagnola "red", asìstinu li prununzi "rrèd", "rrèss", "rrè"

- ecc.

Ma tutti l'ispanòfuni scrìvinu sempri "libertad" (zoè "libbirtà" 'n sicilianu), "red" (zoè "riti" 'n sicilianu).

Salutamu!

--Sarvaturi 16:23, 13 Frivaru 2007 (UTC)

Tu parli di tradizione letteraria siciliana,ma lo sai che proprio nel siciliano del 1200 si usava la lettera x? Lo sai poi che la lettera ç esiste nel portoghese e nel francese?lo sapevi?ed entrambe sono lingue neolatine,siccome noi siciliani non andiamo mai fieri della nostra lingua allora preferiamo utilizzare termini più italianizzati.In questo sito non si fa altro che utilizzare un italiano tradotto con le forme siciliane,ovvero u al posto di o,i al posto della e. Noi siciliani ci rendiamo conto del cambio di suono fra Siçilianu e articulu vedi la c non ha lo stesso suono. Tu fai l'esempio alla sola lingua latina,eppure sappiamo bene che nel siciliano esistono termini,suoni,accenti e quant'altro che non derivano dal latino,bensì dalle lingue dei nostri antenati Siculi,dei Greci e degli Arabi;ma tu dai solo il merito alla lingua latina,ebbene noi Siciliani non dovremmo mai dimenticare le nostre origini,eppure noto che tu preferisci utilizzare forme più italianizzate,ebbene fai tu,dai il merito del siciliano solo al latino,ma chiunque sa che non è così.

Sabbenedica(la forma salutamu che usi tu in siciliano non esiste)

Dimenticavo inoltre che in spagnolo esistono sia la x che la y,lettere che non esistono in latino.

Sabbenedica

_________________

Mizzica! ma na stu wichipedia faciti sempri a sciarriarivi! ma sarà chi è bonu pa lingua siciliana chi ... sciarrìa di cca e sciarrìa di dda, finarmenti pò attruvari u sò giustu equilibbriu.

Haiu na dumanna di farivi ... ma vuautri ca vi canusciti tuitti in Sicilia, cu ci sunnu pir ora Linguisti prufessionisti ca ponnu aiutari a mettiri in chiaru tutti sti reuli pa lingua siciliana? a parti i reuli chi già esistunu no wikipedia.

Fussi bonu chi, quannu c' esti na cosa chi veni u dubbiu s' è giusta, ci fussiru prufessionisti chi virissiru i cosi comu stannu e dicissiru u so pareri difinitivu.

Ma iu chi abbitu in sicilia sacciu pi espirenza chi nun èni facili fari manciari tanti cani no stessu piattu, pi kissu ci vulissi un patruni (i linguisti prufessionisti) chi assicutassi a dditta e a manca i cani chiù nturdi o sciarriusi. Putiti numinarini quarche d' unu?

Grazzi, Vasamu li manu.

Drepan


  • Ciau Drepan, hai raggiuni: unni si parra d'ortugrafìa siciliana, unni si sciarrìa! Purtroppu nun canuscemu a li linguisti siciliani. Li règuli ortugràfichi usati nta la wikipedia siciliana sunnu chiddi di lu sicilianu littirariu (di la littiratura siciliana cchiù famusa), nun avemu nvintatu nenti, sulu usamu zoccu già esisti e ch'è arricanusciutu nternazziunarmenti comu "sicilianu scrittu". Comu tutti li lingui neolatini, è megghiu scrìviri lu sicilianu cu n'arfabbetu di tipu latinu e cu na basi etimulòggica latina (quannu è pussìbbili), pirchì la maiuranza di li palori siciliani sunnu d'urìggini latina. La lingua siciliana putissi èssiri la lingua ufficiali di la Sicilia, ma lu prubbrema è ca li siciliani sunnu divisi: ognidunu voli èssiri lu capu e fari a modu sou. Quannu li siciliani accèttanu di travagghiari nzèmmula, la lingua siciliana arrinasci e arrinesci. Salutamu! --Sarvaturi 08:02, 15 Austu 2007 (UTC)


  • Salutamu a tutti ! Vulissi dìciri macari jù quarchi cosa: havi na para di misi ca scrivu nta sta wikipedia e, a parti quarchi nica reula, scrivu accussì comu parru e zoè 'n sicilianu.

Vulissi sapiri, di tutti chiddi ca storcunu û nasu, quali fussi ssu sicilianu c'avìssumu usari ppi scrìviri 'n sicilianu! Chiddu ca si parrava ntô 1200 ? Chiddu ca si parrava a l'èbbica di l'àrabbi? Chiddu ca si parrava quannu c'erunu î grechi?
Jù ssu sicilianu lu scanusciu e vi garantisciu ca sugnu sicilianu (catanisi), pi quantu nni sacciu, armenu di quarchi cincu ginirazzioni.
Tornu a rebbricari ca accussì comu parru, accussì scrivu 'n sicilianu e li reuli ca attruvai nta sta wikipedia mi l'haiu nzignatu subbutu e cu facilitati sulu picchì, macari ca ntâ parrata catanisi quarchi cosa è diversa, abbasta ca nesciu fora di quarchi chilomitru, attrovu nta àutri paisi quarcuna di li reuli dû cumpenniu usatu cca. P'asempiu nto catanisi l'articuli lu, li, la vènunu prununciati û,î,â, ma abbasta ca si va a Bronti (30 Km di Catania) s'attrova lu, li, la. -

Allura, tuttu chiddu c'haiu scrivutu cca sùpira è sicilianu o no ?

No ?

Scusati, quarcunu mû vulissi spiecari chi lingua parru jù ?

(amicu anònimu, o megghiu caru amicu scanusciutu, ti fazzu sapiri ca "sabbenedica" s'usava ê tempi di me nannu ! Oggi nuddu dici cchiù sabbenedica - nuddu dici cchiù voscenza binidica - nuddu dici cchiù vasamu li manu . Allura chi facemu ? Pi scrìviri 'n sicilianu s'hanna usari palori ca nun si dìciunu cchiù ?)

Salutamu!--Santu 20:56, 15 Austu 2007 (UTC)

Lingua a dialettu[cancia la surgenti]

Ciau a tutti, liggiti st'artìculi:


  • Prima parte:

Siciliano ed italiano: quale dei due è il dialetto?

http://www.laltrasicilia.org/modules.php?name=News&file=article&sid=917


  • Seconda parte:

Un xciuri nel deserto di Sicilia

http://www.laltrasicilia.org/modules.php?name=News&file=article&sid=918


  • Terza parte:

Dialetto siciliano o linguaggio politico italiano?

http://www.laltrasicilia.org/modules.php?name=News&file=article&sid=919


Salutamu!

--Sarvaturi 15:37, 13 Frivaru 2007 (UTC)

Com'è scritto fiore?mica ciuri,vedi?xciuri....proprio come scrivevano i sicilianisti del 1200. E tu ancora dici che ne siciliano la x e la k non si devono usare e perché?chi sei tu?sei jacopo da lentini?ma finiscila

Chi la forza sia cu tia![cancia la surgenti]

Ciau a tutti, vi mannu nu situ wiki didicatu a... Guerri Stiddari (Star wars).

E' n'enciclopedia ca funziona comu na wikipedìa, ma lu sò tema è Star wars:

http://starwars.wikia.com/wiki/Main_Page

Join the rebellion and may the force be with you! ;-)

Salutamu!

--Sarvaturi 20:24, 13 Frivaru 2007 (UTC)

Guerra in siciliano presenta diverse forme rispetto a quella che hai detto tu,ovvero Verra o Scierra.

Sabbenedica

FAQ[cancia la surgenti]

Tempu fa Turiddu fici na pruposta pi criari na vuci ntitulata FAQ (Frequently Asked Questions o li dumanni cchiù cumuni) unni putemu fari li nostri argumenti pi quantu riquarda certi quistioni linguìstichi, p'asempiu:

Cridu ca fussi megghiu criari na suttapàggina dû nostru cumpenniu: Wikipedia:Cumpenniu Stilìsticu; p'asempiu: Wikipedia:Cumpenniu Stilìsticu/FAQ unni, sulu p'accuminzari, putemu spiegari ssi quistioni, criannu na lista di spiegazzioni linguìstichi. Ogni pàggina pò cumprènniri nfurmazzioni dî nostri rifirimenti e quattru asempi di puisìi ammustrannu picchì usamu na certa reula o forma. Cu tempu, speru ca nni putemu aviri na dicina di vuci cu ssi tipi di raggiunamenti. Pò èssiri n'aiutu p'ammustrari a l'utenti novi c'asìstinu li raggiuni boni a rispettu dî nostri formi prifiruti e ca zoccu facemu nun si tratta di na cosa ammuzzu. Salutamu! πίππύ δ'Ω∑ - (waarom? jus'b'coz!) 03:21, 2 Marzu 2007 (UTC)


  • Ciau Pippu, sugnu d'accordiu cu tuttu zoccu dicisti susu, ma c'è nu prubbrema: tutti avemu nutatu ca sfurtunatamenti semu sempri menu a scrìviri artìculi 'n sicilianu ccà, e chistu nun è nu fattu novu: è na cosa ca data già di arcuni misi:

- Anakletos e Maurice cullàbburanu spissu.

- Tu, Peppi, e ju cullabburamu a li voti.

- Giusi, Micheli, Daniele, Sergix, Cidricu, 1204grandine, Ereo85, Roberto, ecc. nun cullàbburanu cchiù.

Quannu la genti si mpegna cchiù nta stu pruggettu, ju accumenzu a scrìviri la parti FAQ, masinnò nun servi a nenti.

Salutamu!

--Sarvaturi 10:20, 2 Marzu 2007 (UTC)

Gallo Siculo[cancia la surgenti]

Avete mai sentito parlare di questo dialetto?Me ne hanno parlato proprio oggi,e vorrei chiarimenti,magari da qualcuno che scrive su questa Wikipedia,che parla quel particolare dialetto. Ma in cosa differisce dal siciliano normale?Hanno un particolare accento,simile al Francese?Dunque se magari parliamo in dialetto stretto,fatichiamo a capirci?Scusatemi ma voglio chiarimenti,magari da uno che viene da quelle zone e scrive in questa wikipedia,sono davvero curioso. Grazie Ciao 87.6.102.75


  • Caro anonimo, sì sappiamo che ci sono dialetti gallo-siculi in Sicilia:

- c'è un'articolo (in siciliano) nella wikipedia siciliana: Gallu-sìculu.

- c'è anche un'articolo (in italiano) nella wikipedia italiana: Gallo-siculo.

Attenzione, in questa wikipedia non accettiamo i dialetti gallo-siculi perché sono troppo diversi dalla lingua siciliana letteraria (ed anche dalle sue varianti orali locali: palermitano, trapanese, ragusano, catanese, messinese, ecc.).

I dialetti gallo-siculi sono il risultato di parlate lombarde e/o provenzali antiche che si "sicilianizzarono" mescolandosi con parlate siciliane di alcuni comuni della Sicilia. Per la maggioranza del tempo, le persone che parlano i dialetti gallo-siculi di diversi comuni siciliani non si possono capire bene fra di loro.

E' interessante di notare che gli altri siciliani, cioè quelli che parlano il siciliano (la lingua che usiamo in questa enciclopedia) non capiscono i dialetti gallo-siculi, perché le pronuncie e le origini di molte parole gallo-sicule sono diverse da quelle siciliane.

I dialetti galli-siculi assomigliano più alle parlate lombarde dell'Italia del Nord, piuttosto che alla lingua francese. Il prefisso "gallo" è usato solo per ricordare:

- sia le origini gallo-romanze italiche antiche (cioè francesi-italiane: i dialetti lombardi)

- sia le origini gallo-romanze occitane antiche (cioè provenzali: i dialetti provenzali)

Ti abbiamo detto tutto quello che sappiamo, e non conosciamo nessuno che ti possa aiutare.

Ciao.

--Sarvaturi 20:03, 5 Marzu 2007 (UTC)

Grazie,dunque loro non capiscono il siciliano normale,nè noi capiamo loro. 87.6.101.218


  • Caro anonimo,

Una persona che parla un dialetto gallo-siculo capisce e parla:

- il dialetto gallo-siculo del suo comune

- la parlata siciliana della sua zona

- la lingua italiana


Una persona che parla il siciliano parla:

- la parlata siciliana della sua zona

- la lingua italiana

- e capisce alcune parole, espressioni o frasi in dialetti gallo-siculi

Ad esempio, nel comune gallo-siculo di Sanfratello (nella provincia di Messina), si usano queste parole:

- almòtt (italiano: elmetto, siciliano: ermettu)

- ami (italiano: uomini, siciliano: òmini)

- anära (italiano: annata, siciliano: annata)

- ar (italiano: oro, siciliano: oru)

- arogi (italiano: orecchie, siciliano: aricchi)

- capièu (italiano: cappello, siciliano: cappeddu)

- card ver (italiano: carnevale, siciliano: carnilivari)

- carp (italiano: colpo, siciliano: colpu)

- cavai (italiano: capelli, siciliano: capiddi)

- chièi (italiano: cani, siciliano: cani)

- cià (italiano: chiodo, siciliano: chiovu)

- dàngua (italiano: lingua, siciliano: lingua)

- darmiji (italiano: lacrime, siciliano: làgrimi, larmi)

- dàuv (italiano: lupo, siciliano: lupu)

- dievr (italiano: lepre, siciliano: lepru, lebbru)

- dvantära (italiano: vento, siciliano: ventu)

- èua, ièua (italiano: acqua, siciliano: acqua)

- fecc (italiano: faccia, siciliano: facci)

- fièji (italiano: fichi, siciliano: ficu)

- (italiano: fede, siciliano: fidi)

- fòmna (italiano: donna, siciliano: fìmmina)

- frod (italiano: freddo, siciliano: friddu)

- ièngiu (italiano: angelo, siciliano: àncilu)

- ierab (italiano: arabi, siciliano: àrabbi)

- marnèr (italiano: marinai, siciliano: marinari, marinara)

- meu (italiano: male, siciliano: mali)

- mièu (italiano: miele, siciliano: meli)

- mtea (italiano: metà, siciliano: mità, mitati)

- mu (italiano: mulo, siciliano: mulu)

- niev (italiano: nipote, siciliano: niputi)

- pardara (italiano: parlata, siciliano: parlata, parrata)

- pari (italiano: pere, siciliano: piri, pira)

- parta (italiano: porta, siciliano: porta)

- pesg (italiano: pace, siciliano: paci)

- pessea (italiano: passato, siciliano: passatu)

- pèu (italiano: palo, siciliano: palu)

- p'uògg (italiano: pidocchio, siciliano: pidocchiu)

- rracca (italiano: rocca, siciliano: rocca)

- sai (italiano: sete, siciliano: siti)

- stama (italiano: stomaco, siciliano: stòmacu)

- stodi (italiano: stelle, siciliano: stiddi)

- tamp (italiano: tempo, siciliano: tempu)

- t'sar (italiano: tesori, siciliano: tisori, trisori)

- veu (italiano: valle, siciliano: valli)

- vidèi (italiano: contadini, siciliano: viddani)

- zièu (italiano: gelo, siciliano: jelu)

- zzonir (italiano: cenere, siciliano: cìnniri)

Si vede che un dialetto gallo-siculo è spesso differente dal siciliano normale.

Ti consiglio di visitare queste pagine sul dialetto gallo-siculo sanfratellano:

Poesie gallo-sicule

Vedere le parti gallo-sicule II, III, IV, V, VI, VII

Proverbi gallo-siculi sanfratellani

Ciao

--Sarvaturi 10:37, 6 Marzu 2007 (UTC)


Grazie ancora Sarvaturi,dunque tali idiomi sono nati fra la fusione del siciliano con i dialetti lombardi,tutto coò è davvero interessante. Là curiosità mi è venuta perché a 20 km dal mio paese,c'è un piccolo centro dove parlano tale idioma,ed ho anche amici di quel posto,però ci capiamo normalmente,senza problemi,ho notato per di più differenze nella pronuncia e in alcuni vocaboli,ad esempio in siciliano non esistono le e e le o atone mentre da loro si. Comunque alcuni dei vocaboli che mi hai elencato sopra,ci sono traduzioni in siciliano,che già ad esempio nel mio paese sono diverse tipo pidocchio da me si dice pirucchiu,lepre si dice lebbùru e carnevale si dice carnaluari. Tutto ciò se ci fai caso,è estremamente affascinante perché esistono parole diverse già nel siciliano standard,figuratevi in questi dialetti che hanno subito l'influenza settentrionale. Ma davvero il siciliano è diverso in ogni zona,eppure siamo tutti figli della stessa terra. Grazie ancora dell'informazione. 87.6.101.218

  • Caro anonimo, hai ragione il siciliano (quello normale) è diverso in ogni zona, ad esempio per la parola "pidòcchiu" ("pirùcchiu" nella tua zona) troviamo anche "piduòcchiu" "piròcchiu" "piruòcchiu" e "pidùcchiu" (latino: "pedùculus"). Ma in questa enciclopedia siciliana, usiamo soprattutto il siciliano letterario, dunque preferiamo la forma più pansiciliana: "pidòcchiu". Hai ragione, siamo tutti figli della stessa terra. Per favore, puoi dirmi come si chiama il piccolo centro (a 20 km dal tuo paese) dove parlano un'idioma gallo-siculo? Ciao. --Sarvaturi 11:50, 6 Marzu 2007 (UTC)

Questo piccolo centro si chiama Buccheri. 87.6.101.218

  • Ti ringrazio. Ciao. --Sarvaturi 11:59, 6 Marzu 2007 (UTC)

Di nulla. 87.6.101.218


  • Non ho trovato molte cose sul dialetto gallo-siculo di Buccheri ma ho trovato altre cose interessanti:

- Caratteristiche del galloitalico di Sicilia (cioè del gallo-siculo):

http://66.102.9.104/search?q=cache:qEp-OV9e-OkJ:www.iti-itas.com/galloitalico/galloitalico_caratteri_diffusione.htm+gallo+italico&hl=fr&ct=clnk&cd=1&gl=fr

- Tabella di confronto fra 4 dialetti gallo-siculi: aidonese, piazzese, sperlinghese e nicosiano

http://66.102.9.104/search?q=cache:www.iti-itas.com/galloitalico/tabella_di_confronto.htm

- Testi poetici in gallo-siculo:

http://66.102.9.104/search?q=cache:www.iti-itas.com/galloitalico/poesie.htm

- Proverbi aidonesi:

http://66.102.9.104/search?q=cache:www.iti-itas.com/galloitalico/raccolta_proverbi_aidonesi.htm

- Proverbi piazzesi:

http://66.102.9.104/search?q=cache:vyUp10OFh2oJ:www.iti-itas.com/galloitalico/raccolta%2520proverbi%2520piazzesi.htm+proverbi+piazzesi&hl=fr&ct=clnk&cd=1&gl=fr

- Una favola in gallo-siculo:

http://66.102.9.104/search?q=cache:www.iti-itas.com/galloitalico/favola.htm

- Le origini dei dialetti gallo-siculi:

http://66.102.9.104/search?q=cache:www.iti-itas.com/galloitalico/le_origini.htm

- Quando i lombardi...

http://66.102.9.104/search?q=cache:www.iti-itas.com/galloitalico/quando_i_lombardi.htm

Ciao

--Sarvaturi 12:27, 6 Marzu 2007 (UTC)


Grazie ancora,comunque ti dirò che anche se io parlo nel mio dialetto e i miei amici di questo paese nel loro dialetto ci capiamo benissimo. 87.6.101.218


  • Sì, si possono capire frasi complete. Dipende dal dialetto gallo-siculo e dal siciliano della zona. Ad esempio, se una persona di Aidone che parla il dialetto gallo-siculo aidonese dice:


- Càl’t’ pont’ ch’ passa la cchjìna.

(abbassati ponte e lascia passare la piena)

Siciliano letterario: Càlati ponti ca passa la china.


- Ciù sim’ e migghj’ iè.

(più siamo e meglio è)

Siciliano letterario: Chiù semu e megghiu è.


- Dìsgia a mamma Rocca / s’ guarda ma nan s’ tocca.

(dice mamma Rocca: si guarda ma non si tocca)

Siciliano letterario: Dici 'a mamma Rocca, si guarda ma nun si tocca.


- Du iadd’ nan pon’ ster nô stess’ iadd’nìr’.

(due galli non possono stare nello stesso pollaio)

Siciliano letterario: Dù iaddi nun ponnu stari nnô stissu iaddinaru.


- I figghj’ su pruv’dìnza.

(i figli sono provvidenza)

Siciliano letterario: 'I figghi sù pruvidenza.


- I sord’ fan’ sord’.

(soldi fanno soldi)

Siciliano letterario: 'I sordi fannu sordi.


- I sord’ fan’ v’nìr’ a vista a l-urb’.

(i soldi fanno venire la vista ai ciechi)

Siciliano letterario: 'I sordi fannu viniri 'a vista a l'urbi.


Ovviamente, si capisce bene. Forse a Buccheri la gente parla un dialetto gallo-siculo molto sicilianizzato (come quello di Aidone, o quello di Caltagirone). Ciao.

--Sarvaturi 13:18, 6 Marzu 2007 (UTC)

Si vero,ho sentito che tale dialetto gallo-siculo si parla pure a paternò,bronte,randazzo e maletto. Alla fine comunque all'incirca somigliano al siciliano,cambia si anche di molto ma c'è sempre la radice siciliana in tali idiomi.Altrimenti,come facevano a capirsi questi monferrini quando vennero in sicilia,con i siciliani?Furono obbligati a capire e imparare il siciliano,almeno dai link che mi hai dato tu,c'è scritto proprio quello. 87.6.101.218


  • In passato, il lombardo si mescolò col siciliano nelle varie colonie lombarde di Sicilia. E oggi le colonie "gallo-italiche" di Sicilia usano:

- parole lombarde antiche con pronuncie sicilianizzate

- parole siciliane con pronuncie lombardizzate

E' normale che i dialetti gallo-siculi assomiglino al siciliano: il lombardo è una lingua neolatina come il siciliano. Se mescoli due lingue neolatine, ottieni una terza lingua neolatina. E' vero che nei dialetti gallo-siculi più sicilianizzzati, la radice è spesso siciliana, ma questo non è vero per tutti i dialetti gallo-siculi della Sicilia (ad esempio: il dialetto sanfratellano).

E' vero, i coloni lombardi continuarono a parlare lombardo fra di loro, ma furono obbligati a capire il siciliano, e quindi impararono il siciliano della loro zona. Il lombardo di queste colonie si sicilianizzò nel corso dei secoli.

Oggi questi gallo-siculi parlano:

- il dialetto gallo-siculo del loro comune (se molto diverso dal siciliano: a San Fratello)

- la parlata siciliana "normale" della sua zona

- la lingua italiana

O parlano:

- la parlata siciliana "normale" della sua zona (ma arricchita di molti elementi fonetici e di alcuni elementi lessicali del dialetto gallo-siculo del loro comune)

- la lingua italiana

Per questo motivo, Giuseppe Pitrè studiò anche alcuni dialetti gallo-siculi (quelli più sicilianizzati) quando stava studiando la lingua siciliana (l'insieme di tutte le parlate siciliane "normali"). Ma ci sono altri studiosi che non accettano i dialetti gallo-siculi.

Saluti.

--Sarvaturi 06:14, 7 Marzu 2007 (UTC)

Sono assolutamente d'accordo con te,pensa che persino fra i dialetti siciliani "normali" esistono differenze talvolta pure notevoli,il dialetto del mio paese ad esempio ha subito un enorme influsso dal greco,tant'è che fino ad oggi vengono usati termini,come tuppulìa,lippu,babbìari e molti altri. 87.6.101.218

  • Sì, siamo d'accordo. --Sarvaturi 18:12, 7 Marzu 2007 (UTC)

Se non vado errato,Sarvaturi,pure nel siciliano standard esiste qualche termine lombardo,tipo unni che deriva da ond,ammuntuari e qualcun'altro.Se non erro. 87.6.101.218

  • Non sono sicuro per le parole che dici tu:

1 - "Unni/Dunni" può derivare dal latino "de unde", dallo spagnolo antico "de onde" o da quello moderno "donde", o dal portoghese "onde". Da notare: l'italiano "dove" viene dal latino "de ubi", e il francese "où" viene dal latino "ubi". Non so se "unni/dunni" viene dal lombardo "ond".

2 - "Ammuntuari/Ammintuari/Muntuari/Mintuari/Ammuntuvari/Muntuvari/Mintuvari" è la forma sicilianizzata del verbo italiano "mentovare" (far menzione, nominare) che è venuto in Italia di Provenza ("amentaver" in lingua provenzale) o direttamente di Francia ("mentevoir" o "amentevoir" in francese antico). Da notare: la forma francese "mentevoir" viene dal latino "mente habere", mentre la forma francese "amentevoir" viene dal latino "ad mentem habere" (cioè "avere a mente").

Ciao

--Sarvaturi 18:26, 7 Marzu 2007 (UTC)

Ho letto su Ethnologue che gli abitanti gallo-siculo fanno parte del dialetto lombardo,ma come può essere?Questo dialetto è nato da un miscuglio fra lombardo e siciliano per cui è un dialetto a parte....82.59.55.250

  • Ciao. Non sapiamo, non siamo dei linguisti. Salutamu! --Sarvaturi 03:30, 3 Aprili 2007 (UTC)

Novi numinazzioni p'amministraturi e bureaucrat[cancia la surgenti]

Ora ora pruposi Turiddu pi fari lu bureaucrat e Anakletos pi fari l'amministraturi a Wikipedia:Amministraturi. Cci vutati pi fauri. πίππύ δ'Ω∑ - (waarom? jus'b'coz!) 10:46, 6 Marzu 2007 (UTC)

Minchitanu[cancia la surgenti]

Ciau a tutti, nu visitaturi (87.16.162.57) lassau stu missaggiu (biografìa):

Minchitanu: Nasciu n'palermu,(1935-1998).Nasciu à vanedda ì l'api,si rapiu una taverna,pigghiò lu postu a spazzinu,dinta la taverna si faceva lu toccu di la birra,cù tanti picciotti di la zona, da ricurdari Maurizio Felice,Francu Tirenna detto(francuneddu),ù topo,Andrea Maggio, i figghi rù minchitanu:Salvatore e Gaetano, chistu muriu in un incidenti stradali. Ogni 19 marzu giuseppe ù minchitanu, faceva arricogghiri la ligna a lì picciutteddi,pì fari la vampa di san Giuseppi, na chiazza di nanzi alla taverna, e lanciava ghiaccioli e muniti pì tutti i picciutteddi.

Quarchidunu sapi siddu stu cristianu è nu sicilianu cèlibbri? Ju nun haiu attruvatu lu nomu "minchitanu" e mancu chiddu "minchitano" nta Google. Salutamu! --Sarvaturi 14:22, 6 Marzu 2007 (UTC)

A mia mi pari chi stu cristianu vulìa babbiàri. Salutamu. Peppi. --Gmelfi 07:44, 8 Marzu 2007 (UTC)

  • Ciau Peppi, grazzi pi la tò risposta. Criju c'hai raggiuni. Salutamu. --Sarvaturi 12:18, 8 Marzu 2007 (UTC)

Al via la lingua siciliana su www.omegawiki.org[cancia la surgenti]

Salve a tutti. Non so se già lo sapete, comunque ripeterlo non fa di certo male. Ho visto che su www.omegawiki.org (vecchio ZWiktionary), un wikizionario multilinguistico integrato (ovverosia con la definizione multilinguistica di qualsiasi parola di qualsiasi lingua) hanno inserito la lingua siciliana. Per ora è tutto in versione alpha (pagine modificabili solo da persone registrate e autorizzate e poche traduzioni), però già qualche parola c'è. Siccome io sono siciliano ma (come molti) non lo so scrivere correttamente, se qualcuno è interessato può registrarsi e dare una mano. p.s. Per collaborare è auspicabile la conoscenza almeno dell'inglese. Grazie dell'attenzione --Gaetanogambilonghi 14:54, 8 Marzu 2007 (UTC)

  • Ciao Gaetano, grazie per il tuo messaggio. Saluti cordiali. --Sarvaturi 15:53, 8 Marzu 2007 (UTC)

Dialettu sicilianu[cancia la surgenti]

Ma ta Scusari,ma ppi parrari cu l'autri Siciliani na stu situ chi a vissaffari?Poggh'esseri ca sugnu iu ca nun ci capiì nenti però mi piacissi canusciri a l'autri na stu forum.Vulissi diri n'autra cosa....u dialettu Siciliano cancia di zona a zona,non si pò creari u stissu dialettu ppì tutti....como facemu???V'arringraziu! Kat 87.6.105.22

Ciau Kat - ccà nun stamu pruvannu a criari nu dialettu - pruvamu a usari lu sicilianu littirariu chi tanti hannu già usatu pi quattru sèculi, e pruvamu a usari li normi già spicificati di tanti studiusi dâ lingua siciliana, comu Piccittu, Camilleri e Pitrè. Nuiàtri ccà nun semu sperti dâ linguìstica, ma usamu la lingua scritta chi già asisti (pâ maggiuranza). Salutamu! πίππύ δ'Ω∑ - (waarom? jus'b'coz!) 01:56, 9 Marzu 2007 (UTC)

Eni macari bellu,usar'ù sicilianu chidhu rè scrittura rò 1200. Tipu Protonotaro,Jacopo da Lentini e tant'avutri. 87.16.96.69


  • Ciau a tutti, è veru ca lu sicilianu orali cancia di zona a zona, ma esisti nu stissu modu di scrìviri pi tutti li siciliani: chiddu di la littiratura siciliana famusa (scritta 'n sicilianu strittu). Nun ci voli nvintari na nova lingua siciliana unificata pirchì nn'avemu già una, chidda dî nummarusi studiusi:

-> di lu Setticentu (diciuttèsimu sèculu):

Giuvanni Meli (1740-1815)

Dumìnicu Tempiu (1750-1820)

ecc.

-> di l'Ottucentu (diciannuvèsimu sèculu):

Ninu Martogghiu (1870-1921)

Giuseppi Pitrè (1875)

Gnazziu Buttitta (1899-1997)

ecc.

-> di lu Novicentu (vintèsimu sèculu):

Santu Calì (1918-1972)

Giorgiu Piccittu (1950)

Sarvaturi Camilleri (1998)

ecc.

Lu modu di scrìviri dî littirati di sti tri ùrtimi sèculi abbasta pi scrìviri 'n sicilianu oggi. Quinni nun servi a nenti scrìviri lu sicilianu 'n modu arcàicu comu a "Jacopo da Lentini" (canusciutu 'n Sicilia comu "Iacobus de Lentino" ntô 1240), pirchì nun semu cchiù a lu mediuevu!

Salutamu. --Sarvaturi 16:08, 9 Marzu 2007 (UTC)


Ma Domenico si ricia Mimmu o Minicu. 80.116.5.226

  • Ciau caru anònimu. "Mimmu" e "Mìnicu" sunnu di li diminutivi dû nomu sicilianu Dumìnicu. Pi sapìrinni chiossai supra li formi siciliani di stu nomu, vai a lèggiri sta discussioni. Salutamu! --Sarvaturi 20:49, 12 Marzu 2007 (UTC)
  • Caru Sarvaturi,nun zugnu d'accordu cu ttìa picchì ndò mò paisi,Minicu eni nu nnomu cumpletu. 87.16.96.154.
  • Caru anònimu, nta sta Wikipedìa siciliana scrivemu suprattuttu lu sicilianu littirariu. Pirchissu prifiremu li formi scritti (chiddi littirari, comu "Dumìnicu") mmeci di chiddi orali (comu "Mìnicu"). Ju nun nvintai la forma "Dumìnicu"! Lu poi cuntrullari nta li liami ca lassai nta sta pàggina. "Dumìnicu" è tantu sicilianu comu "Mìnicu". Ntâ Sicilia s'ùsanu assai li diminutivi (comu li formi Mìnicu, Turi, Peppi, ecc.) ma asìstinu li formi cumpleti dî noma siciliani (e spissu attruvamu sti formi cumpleti nta la littiratura siciliana). Salutamu! --Sarvaturi 17:50, 15 Marzu 2007 (UTC)

Allura,ssà forma panziciliana eni chidha chiò italiana.Ma pò siri ca nijautri siciliani ama siri sempri streusi?Minchia,cujedderè ca parra nnu ddjalettu re so banni u cecca ri cangiallu ri l'italianu e nijautri am'avvicinari?Avaja và carusi. 87.17.101.54

  • Caru anònimu. Ju ti dissi: prifiremu usari li formi littirari siciliani! Hai raggiuni, li formi panziciliani sunnu spissu chiddi c'assumìgghianu a lu talianu littirariu ma chistu è nurmali pirchì lu sicilianu (comu lu talianu) veni di lu latinu, e lu sicilianu apparteni a la stissa famigghia linguìstica di lu talianu (gruppu rumanzu urientali):

- lu talianu (gruppu rumanzu urientali - gruppu talianu cintrali)

- lu corsu (gruppu rumanzu urientali - gruppu talianu cintrali)

- lu napulitanu (gruppu rumanzu urientali - gruppu talianu àutu-miridiunali)

- lu sicilianu (gruppu rumanzu urientali - gruppu sicilianu "tricàlabbru")

T'arricordu ca nuàutri nun semu linguisti: semu di li appassiunati di lingua siciliana e usamu suprattuttu li formi littirari (chiddi scritti nta li libbra di puisìi siicliani, nta li dizziunari siciliani, nta li rumanzi 'n sicilianu, ecc.). Nun avemu lu drittu di nvintari nu novu modu di scrìviri lu sicilianu. Abbasta usari chiddu asistenti (la littiratura siciliana 'n sicilianu). Nun capisciu pirchì tu usi "ddjalettu" (ca veni dû latinu "dialectus") quannu si poti usari la forma "dialettu" ch'è cchiù sìmprici. Salutamu! --Sarvaturi 12:37, 17 Marzu 2007 (UTC)

Box dâ pàggina principali[cancia la surgenti]

Ciau a tutti, picca fa, ju scrivìi nu missaggiu a Peppi:


Ciau Peppi. Lu wikipidianu Nick1915 mi scrissi nu missaggiu (ntâ mè pàggina di discussioni) a prupòsitu di lu box dâ pàggina principali (chiddu dâ liggi di nizziativa pupulari di L'Altra Sicilia):

Conformemete alle policy di WikiMedia ti ricordo che Wikipedia non è il posto per fare politica. Ti chiedo se gentilmente puoi rimuovere il box in pagina principale.


Ciao Nick1915, sono Sarvaturi, uno degli amministratori della Wikipedia in lingua siciliana. Ti rispondo: Se leggi questa discussione, puoi notare che tutti gli amministratori ed i bureaucrates di scn-wiki erano d'accordo per mettere il box in pagina principale. La votazione era democratica. Avvisare i sicilianofoni (siciliani, calabresi, salentini) dell'esistenza di una proposta di legge di promozione culturale della lingua siciliana non è politico. La Sicilia, la Calabria, e la Puglia (in particolare il Salento) sono tre regioni sicilianofone della Repubblica Italiana, e rimarranno italiane. L'Altra Sicilia è un'associazione. Ma sono d'accordo che invece di scrivere "Addifinnemu la lingua siciliana!" (Difendiamo la lingua siciliana), sarebbe forse meglio scrivere "Aiuta la lingua siciliana".


  • Appoi, Nick1915 m'arrispunnìu (ntâ mè pàggina di discussioni) chistu:

Ho visto, ma il box va rimosso perché quell'iniziativa non è in alcun modo collegata o inerente al contesto enciclopedico del progetto WikiMedia. Gli eventuali contatti con l'associazione devono poi essere tenuti dal chapter italiano della WMF e non dalle singole comunità dei progetti.


  • E ora ju nun sacciu zoccu ci haiu a diri a Nick1915. Criju c'avemu a parrari di stu prubbrema a Pippu e supratuttu a Giusi pirchì criju ch'idda sapi chi avemu a fari e chi avemu a diri (l'argumenti boni). Pi fauri dimmi chi nni penzi tu? Grazzi 'n antìcipu pi la tò risposta. Salutamu! --Sarvaturi 19:46, 9 Marzu 2007 (UTC)


  • Peppi m'arripunnìu (ntâ mè pàggina di discussioni) chistu: Ciau Turi. Forsi avissimu a pinsari di canciari la pàggina principali. Havi già tri misi (di Natali) chi cumpari l'appellu pi la difisa dû sicilianu. Mi pari giustu chi s'avissi a livari prima o poi. Ma chistu nun ci trasi nenti cu chiddu chi l'utenti chi ti scrissi dici. L'avìamu a fari prima o poi. Salutamu. --Gmelfi. 22:30, 10 Marzu 2007 (UTC)


  • Grazzi Peppi pi la tò risposta. Abbisugnamu lu cunzenzu di tutti l'amministratura pi la mudìfica (livata dâ tàvula) nta la pàggina principali. Aspittamu li vostri risposti (cunzenzi o rifiuti). Grazzi. Salutamu. --Sarvaturi 11:46, 11 Marzu 2007 (UTC)
Facirmenti stu Nick havi raciuni, ca fari stu tipu d'abbanniata nun è d'accordu câ duttrina nurmali dâ Wikipedia. Semu nichi, pi chissu nuddu mpurtanti (di wiki) abbada cu nuiàtri - ma nun significa ca nun asisti lu prubbrema! E poi, comu dissi già Peppi, o ora, o doppu, nfini l'am' a livari stu tàulu. Cridu c'avemu già fattu tuttu chi putìamu fari, e forsti basta d'accussì. Dunca, forsi è meggiu riturnari comu èramu. πίππύ δ'Ω∑ - (waarom? jus'b'coz!) 12:19, 11 Marzu 2007 (UTC)
Sì, mi pari chi semu d'accordu. Manca sulu Giusy. Turi, chi'è, la cuntattasti a idda ? Salutamu. Peppi
  • Ciau Pippu e ciau Peppi. Sì, ju ci haiu mannatu (a Giusi) nu missaggiu alittrònicu. Salutamu! --Sarvaturi 21:05, 12 Marzu 2007 (UTC)

Poco fa nun si ricia picca fa,ma andùra. 87.17.101.54

  • Li sprissioni "picca fa" e "antura" (cu na "t") sù sinònimi. Salutamu. --Sarvaturi 12:44, 17 Marzu 2007 (UTC)

Proverbi alfanesi[cancia la surgenti]

Ciau a tutti, vi scrivu na lista di pruverbi cilintini (proverbi cilentini) dû cumuni di Alfano. Stu cumuni è situatu nta la pruvincia di Salerno, ntô Parcu dû Cilentu.

  • Si frivaru nu frivarìa, veni marzu e mali penza.
  • Natali a lu suli e Pasca a lu tizzuni.
  • Fiesti e mali tiempu e genti a la casa.
  • Ci voli inchi lu vuttaru, puta e cingi lu jnnaru, chi voli inchi lu granaru, zappulia lu jnnaru.
  • Nun c'è sàbatu senza lu suli, nun c'è fìmmina ca nun faci l'amuri.
  • Tira la preta e ammuccia la manu.
  • Chi tri soldi nun cura, tri soldi nun voli.
  • Quanna lu zicu parla, lu gruosso è già parlatu.
  • L'acqua ca nun curri, feti.
  • Chi voli abbà lu suu vicinu, si curca priestu e si àuza lu matinu.
  • Tanta vai lu sùrici a lu lardu ca nci resta l'ugna.
  • Ietta nu mazzu ri pinni ppi l'ariu e biri si li può accogli.
  • Baccu, tabaccu e Veneri purtaru l'uòmmini a la cìnniri.
  • Fatti lu liettu ca nun sai c'aspietti.
  • Quanna nun c'è lu attu,lu sùrici abballa.
  • Quanna chiovi lu misi ri giugnu, ti lu ppani ra inta lu furnu.
  • Chi voli, vai, e chi nun voli, manna.
  • La matina faci la jurnata.
  • I cosi longhi, addiventanu serpi.
  • C'e' lu duci e c'e' l'amaru, ma ppi minchia nun c'e' riparu.

Fonti: http://www.comune.alfano.sa.it/contenuti.asp?contenutiID=32 (Comune di Alfano, Salerno - Parco del Cilento)

Salutamu!

--Sarvaturi 18:26, 15 Marzu 2007 (UTC)

Sarvaturi[cancia la surgenti]

Semplicemente le tue provocazioni non mi interessano,io conosco il siciliano perché lo parlo sempre e ho avuto il piacere di documentarmi sulla letteratura siciliana. Non volevo scoraggiarti,volevo solo farti abbassare la cresta,perché credi di sapere tutto,e invece non è così. Ti credi sapientone,ma in realtà sei solo testardo,non chiedevo certo di inventare nuove forme,ma soltanto di usare quelle più dialettali,anziché quelle "pansiciliane"(che poi sono italiane,con le caratteristiche del siciliano parlato,i anziche e,u anziché o),ma fai tu. Non ti preoccupare,io non sono così deficiente e bambino da cadere nelle tue provocazioni,se tu avessi studiato un pò di dialettologgia siciliana,la penseresti come me,ma evidentemente non l'hai mai fatto. A me dispiace che questo siciliano che usi tu,non c'entri nulla con quello parlato,ad esempio:caratteristica del siciliano è il raddoppiamento della consonante iniziale,così abbiamo parole come zzita,ddialettu,bbanna eccetera. Invece tu cerci soltanto di utilizzare forme più italiane. A proposito,il tuo nome Sarvaturi in sicilia non esiste,ci sono altre forme come turi,turiddhu e totò.

PS:a lecce(il dialetto salentino è una variante del siciliano)dicono beddha con la stessa pronuncia nostra solo che tu usi bedda.

Vergogna

Scritto dopo:ho letto che in questo sito usate solo essiri per il verbo essere e la forma siri non la conoscete?Come la terza persona singolare del presente del verbo essere è,tu usi è come in italiano,ma ci sono altre forme,iè,jè,eni. 87.17.101.54


  • A tia l'anònimu, ti bluccai pirchì m'attaccasti pirsunalmenti. Li attacchi pirsunali nun sunnu accittati nta stu situ. Nun fari pèrdiri lu tempu a chiddi ca vonnu travagghiari! Salutamu. --Sarvaturi 13:40, 17 Marzu 2007 (UTC)

Scrittu doppu: Minchia! Sî tu ca mi pròvuchi! E tu dici ca hai avutu lu piaciri di ducumintàriti supra la littiratura siciliana, ma chistu è na minzogna pirchì siddu chistu fussi veru allura tu sapissi ca la maiuranza di li scrittura siciliani usaru la forma scritta "bedda" mmeci di chidda "beddha" (ma ovviamenti si prununza "beddha"). Nun criju di sapiri tuttu, ma nni sacciu abbastanti pi diri ca li tò formi "ddjalettu", "beddha", ecc. sunnu di li formi scritti ca nun putemu accittari nta sta wikipedìa 'n lingua siciliana pirchì la maiuranza dî littirati siciliani nun li usaru. La dialettoluggìa siciliana, la studiau macari Giusi e idda è d'accordiu cu lu cumpenniu stilìsticu di sta wikipedìa siciliana (dunca idda è d'accordiu cu mia) pirchì fu idda ca cuntribbìu assai a criàrilu stu cumpenniu. A tia l'anònimu ca cridi di aviri liggiutu tutta la littiratura siciliana, ju t'accunzigghiu di lèggiri arcuni puisìi siciliani di Gnazziu Buttitta e àutri scrittura, e poi vìdiri ca sunnu picca chiddi ca ùsanu lu raduppiamentu dâ cunzunanti nizziali. E 'n Sicilia asìstinu li noma Sarvaturi, Savvaturi, Sarbaturi, Sabbaturi e asìstinu li diminutivi Turi, Turiddu, ecc. Abbasta circari nta Google pi vidillu. E ntâ wikipedìa siciliana nun usamu sulu lu verbu sicilianu "èssiri" pi lu verbu "essere" ma usamu macari la forma siciliana "siri" (forsi dû spagnolu equivalenti "ser"). Tu dici minchiati, e parri sempri senza provi, senza fonti, senza nenti. E usamu macari "eni", "è", "esti" (e ovviamenti canuscemu tutti li formi siciliani ca diciti tu e macari àutri "èvi", "èti", "ièni", ecc.). Pirchì nun ti riggistri, e pirchì nun scrivi artìculi accabbanna p'ammustràrini lu tò sapiri? Salutamu! --Sarvaturi 14:01, 17 Marzu 2007 (UTC)

Lingua scritta, parata e pronuncia[cancia la surgenti]

Scusati si mi 'ntrumettu 'nta sta "diatriba", ma vulissi diri qualche cosa macari ju.

All'anonimu ci vulissi diri ca c'è modu e modu pi 'ntavulari na discussioni: 'n modu è chiddu ca s'usa pi fari prisenti u sò puntu di vista, ca pò essiri giustu o magari sbagghiatu, e n'autru modu è attaccari tantu pi fari casinu.

LIGGENNA DE PALORI:

essiri - si usa éssiri n'ta quasi tutta la Sicilia - si usa siri 'nta pruvincia di Siracusa

magari - a Catania si scrivi magari e si leggi macari

Dittu chissu, volussi diri ca li diffirenzi dè palori 'tra na reggioni e nautra ci sunnu magari 'nto talianu: si dicemu pi esempiu " Me lo hai detto tu..." u ricemu e u scrivemu da Sicilia fino a Toscana, ma si ni spustamu cchiù a nord addiventa "Me lo hai detto te.." U tu ca è la forma curretta 'ntalianu, addiventa te, ca non esisti propiu. Tanti autri esempi si putissunu fari: Claudia a nord addiventa La Claudia, ecc. Sti cosi succedunu pi causa da 'nfluenza do dialettu locali, ca, non sulu s'arripercuotunu 'nta forma parata, ma magari 'nto scrittu (basta leggìri i giurnali taliani). Cu ciò, però, non putemu certu affirmari ca succomu a Milanu si dici te, anveci di tu, è giustu scriviri te

Oltri a quantu supra, c'è poi magari a "pronuncia" ca joca 'n ruolu 'mpurtanti: ppi esempiu a Bari non si sapi diri la A aperta, ma si pronuncia a tipu la A miricana, ca sona comu na E. Ma cu chissu non è ca a Bari scrivunu "BERI", iddi scrivunu u stissu Bari.

Autru esempiu: a Catania ni mangiamu a R, quann'idda e duppia (terra diventa tera), ma cu ciò la scrivemu cu du R ( magari quannu paramu 'ntalianu ni mangiamu na R).

Pi finiri, s'ha teniri prisenti ca 'n Sicilia ci sunnu stati 'nfruenzi linguistici di tantissimi populi straneri cu 'nvasioni non omugenii, pi cui mi pari chiaru ca ci ponnu essiri diffirenzi tra 'n postu e l'autru. Vi pozzu però assicurari ca chissu succedi magari 'nta autri Rigiuni, 'n dipinnenza de cuntatti, de scanci cummicciali, dè spustamenti a nesciri e a trasisi de cristiani( 'mmagginamu 'nta Sicilia).

A propositu di essiri o siri, pà paci di tutti, vi pozzu diri ca macari (scrivu macari comu si dici a Catania) ppi i granni littirati siciliani esistunu tutti dui i formi.

Ninu Martoglio 'nta so raccolta di poìsii siciliani Centona, usa lu verbu "essiri" 6 voti, la forma "siri" 4 voti e la forma "sirj" 2 voti.

Vidi esempiu sutta:

da poisia ONOMASTICU

Vogghiu sanari tutti li tò chiaja, vogghiu fáriti ricca e vogghiu 'siri lu vastuneddu di la tò vicchiaja!

da poisia TIDDA

Sa lu Distinu zoccu m'ha sarvatu! La me' sintenza già fu data a 'st'ura; sa si m'aspetta d'essiri scurdatu, lu 'ngannu, la pazzìa, la sipurtura!


P.S. : Sarvaturi è USATU.


Salutamu. Santu 17.03.2007

Box di L'altra Sicilia[cancia la surgenti]

Ci livai lu box supra l'inizzativa di L'Altra Sicilia. Doppu diversi simani, stu box fu vistu di cintinara di pirsuni e esaurìu cchiù la sò funzioni. Ci misi na nfurmazzioni supra st'inizziatica ntâ vuci Lingua siciliana. Salutamu. User:Gmelfi Peppi. --Gmelfi 17:08, 17 Marzu 2007 (UTC)

  • Ehi Peppi, facisti bonu. Salutamu e a prestu! --Sarvaturi 21:48, 17 Marzu 2007 (UTC)
  • Nnanzituttu m'aviti a scusari si nta l'ùrtimi tempi m'haju fattu vìdiri picca: chissu nun signìfica chi scumparivi pi sempri!!! Arringrazziu a Turi ca mi scrissi e m'avvisau di sta discussioni. Iu sugnu daccordu cu la livata di lu box però non picchì lu dissi stu Nick ccà (di pulìticu nun ci vidu nenti) ma picchì era assai tempu ca lu tinìamu. Penzu ca s'avissi a mèttiri n'àutra vota ntô mumentu ca st'assuciazzioni accumincia a ricògghiri li firmi.

Canciannu tema, sugnu cuntenta c'avemu novi buròcrati e amministratura! Cumplimenti a Turi e a Anakletos e mi dispiaci ca nun vi potti vutari!! Salutamu. --Giusi 00:16, 20 Marzu 2007 (UTC)

  • Scusatemi, ahimè sono scn-0, scriverò in italiano: il box in pagina principale è stato un grave abuso dello spazio dedicato all'enciclopedia. L'associazione in questione non ha nessun collegamento o relazione con Wikipedia nè con WMF; ripeto quello che ho detto nella talk di Sarvaturi: la comunità locale non può farsi carico di queste iniziative; una prossima azione illecita di questo tipo sarà seguita da una fastidiosa rimozione forzata. Nick1915-15:16, 20 Marzu 2007 (UTC)

Buròcrata novu e amministraturi novu[cancia la surgenti]

  • Ciau Pippu. Grazzi pi stu missaggiu. Salutamu! --Sarvaturi 15:22, 19 Marzu 2007 (UTC)

Emigrazzioni[cancia la surgenti]

Ciau a tutti, haiu attruvatu na pàggina supra li mmigrati ca arrivaru a l'Amèrica (Portu di Nova Jorca) ô nizziu dû sèculu passatu. C'èranu tanti siciliani... Salutamu. --Sarvaturi 14:21, 22 Marzu 2007 (UTC)

Tiritera[cancia la surgenti]

Ju vulìa attruvari cchiosai nfurmazzioni supra sta palora, ma pi casu, attruvai sta palora ntô mè dizziunariu talianu-ngrisi, e poi nta Camilleri - ma comu na vuci taliana.

Dunca, lu mè dizziunariu talianu-ngrisi dici: tiritera sf drivel, hot air (voldiri chiàcchira, sfròttula, smafarata).

Camilleri dici: tiritera sf filastrocca, catarazzò, filinghera, nfilata...

Di «catarazzò» Piccittu dici: catarazzò m. tiritera, racconto prolisso e noioso.

Di «filinghera» Piccittu dici: filinghera tiritera (a Tràpani).

Facirmenti zoccu ntinnemu cu «tiritera» è zoccu chiamamu 'n ngrisi nursery rhyme e ca l'usu sicilianu di «tiritera» signìfica propiu chissu, e è diversu di l'usu dû talianu tiritera (zzoè rapprisèntanu false friends chi succedi a li voti tra lu sicilianu e lu talianu).

Ju nun sacciu nenti di sti cosi, e sti palori, ma sulu vulìa fàrivi sapìrinni. Salutamu! πίππύ δ'Ω∑ - (waarom? jus'b'coz!) 23:49, 23 Marzu 2007 (UTC)


  • Ciau Pippu, grazzi pi sta nfurmazzioni ntirissanti assai! Sugnu d'accordiu cu tia, ci sunnu assai "farsi amici" tra lu sicilianu e lu talianu. Spissu palori taliani si sicilianizzaru e crisceru lu significatu:

- "Lumbardu" o "Lummardu" ca veni a diri "tavirneri" mentri prima sta palora sulu era usata pi li pupulazzioni gallu-itàlichi ca vinìanu dâ Lummardìa

- "carusu latinu" ca veni a diri "carusu assai studiusu" mentri prima la palora "latinu" era usata pi lu nativu (o abbitanti) di l’anticu Lazzio o di l’antica Roma.

- "calabbrisi" o "testa di calabrisi" è usata comu sinònimu di "testardo", e chistu veni prubbabbirmenti di la sprissioni "testa dura come un calabrese". Vìdiri: http://www.linguasiciliana.org/documenti_file/soprannomi%20siciliani.doc

Salutamu! --Sarvaturi 01:39, 24 Marzu 2007 (UTC)


Ciau Pippu e Sarvaturi,

Haiu taliatu macari jù, pi truvari nfurmazioni supra sta palora e certi voti…. i cosi su chiù semprici di nzoccu ponnu pàriri:

cunsultannu lu diziunariu online di “Garzanti linguistica” ( http://www.garzantilinguistica.it/interna_ita.html#1 ) truvai ca la difiniziuni ‘n talianu di la palora “tiritera” jè praticamente a stissa di la palora “filastrocca”

Lemma: tiritera

Sillabazione/Fonetica [ti-ri-tè-ra]

Definizione: s. f. filastrocca | (estens.) discorso lungo e noioso in cui si ripetono sempre le stesse cose.

Lemma: filastrocca

Sillabazione/Fonetica [fi-la-stròc-ca]

Definizione: s. f. 1 serie lunga e noiosa di parole; tiritera: una filastrocca di nomi 2 poesiola infantile, cantilena: una filastrocca natalizia.

pi cui tutti dui li palori su macari taliani (ca comunqui lu talianu non è ca è tantu diversu di lu sicilianu !)

Riflettennu, pirò, supra sti du palori , pensu ca ‘n talianu veni usata cchiù assai la palora filastrocca quannu si voli nnicari na cantilena di palori ‘n rima ca risurtanu piacevoli a ccu l’ascuta, mentri cu tiritera si voli nnicari na serie di palori lunghi e noiosi: quannu unu cunta sempri la stissa cosa si dici ca “cunta sempri la stissa tiritera”.

Picciò, pensu c’havi ragioni Sarvaturi dicennu ca ‘nsicilianu la palora giusta è “filastroccula”, ma nta certi àrii di la stissa Sicilia veni usata cchiù assai la palora “tiritera” (ca veni usata sia pi nnicari na filastroccula e sia pi nnicari ‘n discursu ripititivu e siddiusu).

- Mi pari ca ligìi nta na paggina di discussioni supra a sti palori, ca la palora filastrocca nni veni di la Toscana e poi calau ‘nsicilia divinnannu filastroccula – Fussi ‘ntirissanti sapiri ‘nveci di unni ni veni la palora Tiritera, ca non sempri è lu sicilianu ca veni talianizzatu, ma po’ sucediri ca tanti palori siciliani ponnu trasiri nto linguaggiu cumuni talianu -


Salutami Santu 24.03.2007


  • Ciau Santu - qual'è gghie ca voi usari, cuntentu m'attrovu. La sula quistioni ca m'arresta è siddu cc'è la diffirenza di senzu sùttili tra «filastròccula» e «tiritera», o siddu tutti dui signìficanu la stissa cosa pricisamenti (pi sicilianu). Siddu cci nni sunnu li diffirenzi, mèritanu dui vuci siparati, ma siddu hannu lu stissu significatu, una o l'àutra avissi a èssiri lu tìtulu dâ vuci, e poi l'àutra palora avissi a'ddivintari nu redirect (o puru pò addivintari na pàggina di disambigua). Salutamu. πίππύ δ'Ω∑ - (waarom? jus'b'coz!) 11:56, 24 Marzu 2007 (UTC)


  • Ciau Pippu, non sacciu siddu c'è 'nginirali quarchi diffirenza di senzu sùttili. Sta chistioni nasciu do fattu ca avennu jù fattu na paggina ntitulata FILASTROCCA, m'arrivuddai doppu, ca quann'era picciriddu e ntra nuatri carusi, ppi fari siddiari, nni dicevumu i "TIRITERI" supra i nomi, usavamu sempri u termini TIRITERA - La palora filastrocca trasiu nto miu vucabulariu quannu fui cchiù granni, a scola (A me casa e nte quarteri uni jù nascij e criscij si parava 'n dialettu); picciò ci spiai a Sarvaturi si la palora filastrocca fossi era na palora taliana.

Penzu ca la chistioni pò essiri risolta, accussì comu già hai suggeritu tu lu 21 di stu misi, nta paggina di Sarvaturi e ca già Sarvaturi pruvviriu secunnu tò suggerimentu.

Salutamu - Santu 24.03.2007


Poeti dialettali nel Salento (dialetto salentino)[cancia la surgenti]

Ciau a tutti, siddu visitati la liami ccà-ssutta, liggiti di li puisìi "in tialettu salentinu".

http://www.bpp.it/Apulia/html/archivio/1992/I/art/R92I022.html

Li parlati di lu Salentu sù assai beddi.

Bona littura

Salutamu! --Sarvaturi 05:51, 26 Marzu 2007 (UTC)

Sicilianità[cancia la surgenti]

Nta l'articulu "Sicilianità", vitti ca pi nnicari 'n "classicu omu sicilianu" è misa na futografia di 'n cristianu cu la classica "coppula". Ora, senza nenti diri pi ssa futografia, penzu ca idda non rapprisinta "lu classicu omu sicilianu", ma, casu mai, rapprisinta nu tipu di omu sicilianu.

Nta Sicilia di oggi ci sunnu beddi carusi, auti, che jeans o ca crivatta!

Succomu jù non sugnu tantu bravu cò cumpiuter e non sacciu comu si carica n'immaggini, c'è quarchi d'unu ca ci pò mettiri macari na futografia ca rapprisinta l'omu sicilianu di oggi? Salutamu User talk:Santu 17:34, 27 marzu 2007

  • Ciau Santu, mi dispiaci ju nun haiu stu tipu di fotugrafìa. Salutamu! --Sarvaturi 00:44, 28 Marzu 2007 (UTC)
  • Ciau Sarvaturi, ti ringraziu lu stissu. Ci pinzò cumuqui n'anonimu (ca ringraziu) a canciari la vuci sutta la fotu da "classicu omu sicilianu" a "L'òmu sicilianu pubblicizzatu ntê film dû vintesimu sèculu, chi nti l'immagginariu cullittivu pò essiri rapprisintatu di sta fotu, si vidi cchiù raramenti". Cridu propiu ca ssa nova nnicaziuni è la cchiu giusta (com'è ca non ci pinzai jù).

Ringraziu ancora e Salutamu - Ciau anonimu -- Santu 14:40, 28 marzu 2007

Citazzioni di li fonti[cancia la surgenti]

Ciau a tutti, pi fauri tiniti a menti ca la citazzioni dî fonti è una nicissitati, suprattuttu pi:

  • li noma siciliani (Franciscu, Vicenzu, Fulippa, Blasi, Giuseppi, Carlu, ecc.)
  • li noma di li cumuna salentini (Uscentu, Ernule, Pusciardu, Sulitu, ecc.)
  • li noma di li cumuna siciliani (Carruntini, Nissa, Carrapipi, Sarausa, ecc.)
  • li noma di li cumuna calabrisi (Catanzaru, Galatru, Riggiu Calabbria, Cirifarcu, ecc.)
  • li cugnoma siciliani (chiddi di tipu sicilianu: Praia, Piscitello, Mancuso, Lo Curto, Puglisi, Lo Iacono, Favaloro, ecc.)

Grazzi 'n antìcipu.

--Sarvaturi 01:06, 28 Marzu 2007 (UTC)

Scrittu doppu: Pi li cumuna, quannu nun arrinisciti a attruvari li formi "siculòfuni", è megghiu lassari la forma taliana nveci di pruvari a "sicilianizzari". Siddu canuscìstuvu la forma "siculòfuna" di nu nomu ma nun v'arricurdati unni l'aviti vistu o sintutu (zoè siddu vi scurdàstivu li fonti), allura è megghiu lassari la forma taliana (ma ovviamenti si poti prupòniri la forma "siculòfuna" dintra l'artìculu ma scrivennu ca chista è n'ipòtisi). Salutamu! --Sarvaturi 01:13, 28 Marzu 2007 (UTC)

La wikipedia siciliana havi 9000 artìculi[cancia la surgenti]

Ciau a tutti, scn.wiki juncìu a li 9000 artìculi !! Salutamu. --Sarvaturi 05:01, 3 Aprili 2007 (UTC)

A wikipedia siciliana ci havi 9005 artìculi![cancia la surgenti]

M'addispiaci Sarvaturi ma si narreri! A ncilopidìa ci avi 9005 artìculi ora!

O) Augguri di Bona Pasqua a tia e a tutti li ridatturi da a wikipedia siciliana (pi ssà ca cchi voli signifiàri duoppu a pubbricazzioni do u Codici da Vinci.

Maurice Carbonaro 11:35, 3 Aprili 2007 (UTC)

  • Ciau Maurice, grazzi pi lu tò missaggiu ;-) Bona Pasqua puru a tia. Salutamu! --Sarvaturi 18:52, 4 Aprili 2007 (UTC)

Bona Pasqua[cancia la surgenti]

Macari iu auguru bona Pasqua a tutti. Mi nni vaju n vacanza ntâ Russia. Pi na dicina di jorna nun taliu la wikipedia, o forsi la taliu sulu tanticchia. Mi raccumannu a vuatri tutti. Salutamu. Peppi. --Gmelfi 12:37, 5 Aprili 2007 (UTC)

Bona Pasqua a tutti! Ju m'attrovu fora di casa pi quattru jorna. Salutamu! πίππύ δ'Ω∑ - (waarom? jus'b'coz!) 13:05, 5 Aprili 2007 (UTC)