Mittìrisi 'n cacaticchiu

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search

Mittìrisi 'n cacaticchiu è na sprissioni siciliana chi si usa, p'asempiu, quannu na giuvina (na signurina) si senta cacòcciula, pritinnennu di n'etati supiruiri dâ soa.

Camilleri scrivi ca sta sprissioni è d'urìggini greca. [1]

Giarrizzu scrivi ca la palora «cacaticchiu» veni di «cacatu», ca signìfica: vanitusu. Sta palora veni dû grecu: Kaukhetès, chi signìfica: vapparusu; vuccazzaru; vantaloru; fanfaruni, eccetra. Cuntinua ca l'usu di sta palora fa rifirenna â mancanza di sirietà di l'èssiri vanitusu e chinu d'ariazza. [2]

Spissu ntê soi puisìi, lu pueta grecu, Saffu cazzìa sò figghia, Clèidi, pi sintìrisi cacòcciula e di pritènniri troppu, nzumma, di mittìrisi 'n cacaticchiu.

N'asempiu:

Testa leggia,
ti metti 'n cacaticchiu pi n'aneddu!

Piccittu porta sta sprissioni macari ntrô sò vucabbulariu, cû stissu senzu: dàrisi troppu arii. [3]

Rifirimenti[cancia | cancia la surgenti]

  1. Sarvaturi Camilleri (1998) Vocabolario Italiano Siciliano, Edizioni Greco, Catania.
  2. Sarvaturi Giarrizzu (1989) Dizionario Etimologico Siciliano, Herbita Editrice.
  3. Centro di Studi Filologici e Linguistici Siciliani (1977-2002) Vocabolario Siciliano, 5 vulumi a cura di Giorgiu Piccittu, Catania-Palermo.


Lingua Siciliana
Cosi di tutti jorna - Azzioni umani - Prufissioni - Sprissioni Tipici - Lingua Siciliana