Accattàrisi a grancascia

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search

La sprissioni Accattàrisi a grancascia discrivi na fìmmina chi è ntra lu cuva, zzoè c'aspetta. Veni usata nta nu senzu schirzusu.

La grancascia è lu cchiù grossu tamburu chi si vidi spissu sunatu di li banni chi cammìnanu strata pi strata duranti li festi. Si sona additta, e pi chissa duna la mprissioni di na fìmmina c'aspetta câ panza abbastanti rutunna.

Lu verbu «accattari» si senti ogni tantu usatu nta stu cuntestu, p'asempiu: «stava a casa accattannu figghi», signìfica ca na certa fìmmina hà figghiatu tanti picciriddi. St'usu pò èssiri macari câ ntinzioni disprizzanti.

Rifirimenti[cancia | cancia la surgenti]

  • Arba Sicula, vulumi 4/5, 1983
  • Camilleri, Salvatore (1998) Vocabolario Italiano Siciliano, Edizioni Greco, Catania.
  • Centro di Studi Filologici e Linguistici Siciliani (1977-2002) Vocabolario Siciliano, 5 vulumi a cura di Giorgiu Piccittu, Catania-Palermo.


Lingua Siciliana
Cosi di tutti jorna - Azzioni umani - Prufissioni - Sprissioni Tipici - Lingua Siciliana