Cci poi saramintari

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search

La sprissioni cci poi saramintari si usa pi dari n'affirmazzioni forti di zoccu vinni appena dittu. È comu diri: «di chissu poi èssiri sicuru» o «ti giuru!».

N'asempiu di sta sprissioni s'attrova nta stu trattu dâ Biblioteca delle tradizioni popolari siciliane di Giuseppi Pitrè chi cunzigghia comu unu si pò nzirtari lu sessu di nu picciriddu:

Si nun cci hannu statu nuddi aborti, si càrcula lu statu di la luna nni lu jornu di la nàscita di l'ùrtimu criaturi. Si la luna è ô sculari, lu pròssimu è fìmmina. Si la luna è ô llìnchiri, è màsculu. Cci poi saramintari!


Rifirimenti[cancia | cancia la surgenti]


Lingua Siciliana
Cosi di tutti jorna - Azzioni umani - Prufissioni - Sprissioni Tipici - Lingua Siciliana