Ova di pisci

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Ova di salmuni ô mircatu di frutti di mari di Shiogama 'n Giappuni

Pi “ova di pisci” si ntenni nun sulu l'ova di ssu stissu armali, ma puru chiddi dê rizzi di mari, jammareddi e d'arcuni cròcchiuli. 'N cucina, pò èssiri misu, cucinatu o macari crudu, nta tanti pitanzi.

Lu caviali, cunziddiratu na dilicatizza nnâ cucina, nun è àutru ca ova di sturiuni.

Usu ntê varî paisi[cancia | cancia la surgenti]

Giappuni[cancia | cancia la surgenti]

Na granni varietà di tipi di ova di pisci vènunu usati nta la cucina giappunisa, tra chissi viremu:

Ikuradon, na suppera di risu cummigghiatu di ova di salmuni.
  • Ikura - Ova di salmuni. Sunnu granni speri di culuri russu-aranciu. Succomu l' ova di salmuni vènunu usati macari comu esca, li cristiani ca manciunu sta pitanza pâ prima vota e ca hannu già pruvatu a fari la pisca cu ss'esca, ci ponnu arristari maravigghiati dû sapuri di l'Ikura
  • Kazunoko - Ova d'aringa, gialli o rosa, ca s'apprisenta ummusa e cumpatta. Chisti, prisintànnusi comu n'ùnica massa cumpatta, pàrunu comu si fussi nu pezzu ùnicu di pisci.
  • Mentaiko - Ova di mirluzzu (Alaska pollack), cunsati cû pipiruncinu. Circundatu di na mimbrana fina-fina e làstica, lu culuri di stu piattu, di sòlitu, è rosa o russu scuru.
  • Tarako - Ova di mirluzzu (Alaska pollack) cû sali, certi voti veni fattu a la grigghia.
  • Tobiko - Ova di pisci vulanti, di culuri russu-aranciuni e cruccanti assai.
Ova di rizzo di mari
  • Uni - Uova di rizzu di mari, s'apprisenta moddu. Lu culuri cancia di l'aranciu ô giallu pàllitu. Vènunu manciati crudi o macari appena cotti. Chistu è macari nu piattu tìpicu di la cucina curiana, di la cucina sushi giappunisa e di chidda cilena. 'N Sicilia vènunu manciati crudi cû limuni.
  • Karasumi - è na spicialità di la cità di Nagasaki, fatta cû ova di trigghia.

Svezzia[cancia | cancia la surgenti]

Nu piattu assai pupulari ntâ Svezzia è na pasta di ova di mirluzzo, affumicata e salata, usualmenti sirvuta comu paninu.

Danimarca[cancia | cancia la surgenti]

L'ova di lompo sunnnu usati 'n granni quantità ntâ cucina danisa, misi supra ova ugghiuti (duri) spartuti 'n dui o a feddi, supra munzidduzzi di jammiruzzu, o assemi a àutri pisci o àutri frutti di mari.

Grecia[cancia | cancia la surgenti]

L'ova di carpa salati e affumicati sunnu chiamati tarama, ca servi ppi fari la taramosalata: na pitanza greca fatta di tarama cû sucu di limuni, muddicheddi di pani, cipudda e ogghiu di aliva; veni manciatu abbagnànnucci pani o àutri cosi.

Italia[cancia | cancia la surgenti]

La bottarga è n'alimentu fattu di ova di pisci siccati e salati, misa ppi biddizza ntô manciari oppuru comu cundimentu ppâ pasta. Veni pigghiata di l'ova di mùggine, di tunnu o di pisci spata.

Iran[cancia | cancia la surgenti]

Ntê pruvincî di Gilan e di Mazandaram, sunnu usati assai tipi di ova di pisci. Chiamati Ashpal o Ashbal, ponnu èssiri fatti a la grigghia, affumicati, salati o nsemi a àutri ncridienti. Si sunnu salati o cunsirvati, sunnu manciati comu cundimentu, nveci si sunnu frischi, sunnu fatti a la grigghia, cû vapuri o fritti nsèmula a ova ppi fari na pitanza crimussa chiamata "Ashpal Kuku".

India (Kerala e Bengala di l'Ovist) e Bangladesh[cancia | cancia la surgenti]

L'ova di pisci di Hilsa sunnu cunsiddirati na prilibbatizza ntô Bengala di l'Ovist e ntô Bangladesh. Sulitamenti, vènunu fatti fritti , ma si ponnu macari attruvari àutri priparazzioni comu chidda di l'ova scafazzati, cu ogghiu, cipudda e pipi spezzi, o chida dû curry di ova . Nta na rizzetta tradizziunali, nta lu statu dû Kerala, ss'ova vènunu fritti cu l'ogghiu di coccu. Nta la populazzioni tribbali, nveci, l'ova arrustuti nta lu focu, sunnu cunziddirati na pitanza spiciali. Nta ssa riggioni, macari l'ova di Labeo rohita sunnu assai apprizzati.