Fistinu

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search

Difinizzioni[cancia | cancia la surgenti]

Cu la parola Fistinu si ntenni la festa ca ogni annu si fa 'n Palermu 'n onuri di Santa Rusulìa.

Arricorda la festa ca li Palirmitani fìciru lu 15 di giugnettu1622 p'arringrazziari la Santa Patrona pi lu miràculu di fari finiri la pesti ca l'ammurbava.

Di tannu ogni annu si fa na festa grannìssima ca dura na simana e lu jornu cchiù mpurtanti è lu 14 di giugnettu quannu cu n'enormi participazzioni pupulari pi tuttu lu Cassaru (Cursu Vittoriu Emanueli) nzinu â marina ci sunnu spittàculi cu musicanti, attura e suprattuttu cu lu "jocu di focu" cunziddiratu tra li cchiù beddi e mpunenti di tutta la Sicilia.

Lu jornu 15 di giugnettu è festa cittadina e veni purtata pi la città l'urna argentea cu li riliqui di la Santa.

Spicialità[cancia | cancia la surgenti]

Pi lu Fistinu si sòlinu manciari tanti spicialità palirmitani comu: li Babbaluci (vugghiuti) , lu Scacciu (cìciri e sumenzi di cucuzza atturrati), la Cubbarda (cruccanti ê mènnuli), li Felli (Milanciani fritti), lu Pani câ mèusa (fucazza cu mèusa), lu Sfinciuni (fucazza cu pumadoru e tantìssima cipudda), lu pani e panelli.