Discussioni:Vinni in la Marina

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search

Lu testu urìgginali[cancia la surgenti]

75px-Tryske1.jpg St'artìculu è scrivutu 'n sicilianu anticu.

Stu ducumentu, datatu 1091 vinni attruvatu lu 5 Marzu 1653 ntô Casteddu di Scicli, chiamatu Triquetrum, e vinni trascrivutu appoi nta l'atti dû Notaru Giuseppi Di Lorenzo.

- N'anticu scrittu di lu 1091 -


Vinni in la Marina

Anno Domini nostri J. XP. MXCI, tempora quadragesime,

Vinni in la marina di li Mikenki, ora dicta Donnalucata, lu barb. Ammiro Belicani Saraxino, cum manio exercitu, per dixtruire omni phidili Kriptiani, et la nostra ixula, et lu barburu cani nun chi riuxio, chi lu populu di Xicli si moxi tuctu, e si armau, et accursi per costringherlo et farilo fughire, a quillo barbaru infidili: ma, videndo lo numiro di li infidili, grassi assai, se prostraro cum la fachia per terra, et pricando nos Xeniuri J. XP. et la Vi. de la Pietati, che essi camaru per darichi fortia et corajo, per dischiacare li barb. Saraxini, et illico et statim, videro in lu Chelu una nugola, che isprindea ut solis, cum dintra la Vi. MP. cum brandus in dextera, et chi rintronava a lo sou populo "en adsum, ecce me, vivitas mea dilecta, protegam te dextera mea", si livaru di terra di un subito, et videro lo exercitu di li normandi, ut volociter acquile, per aiutarli et uniti tucti si moxiro ut fulminem supra quilli infidili et li destruxiro et fu tali la confuxioni et lo spavento, che si ucchisero ipsi stixi, ut more canis idrofobi; durau la punia quasi per uno jorno, et di poi li sacti xaxerdoti cantaru Tedeum laudamus, et lo Magnificat, accumpaniati di lo exercito, et la nocti tucti li normandi et tucto lo populo si rixtaro in lo dictu locu, per prigari et ringratiaru a Dio e Maria Vergine che li salvau di lu ecchidio di li infidili; la matina si arritrovao lu campu cum immenso numero di morti, at li barchi di li infidili tucti fugati, et poi si ringratiau lu gran Diu e la MP. Vi. et si chiamau, di li pii ss. saxerdoti, sata MP. Militum, pro siclensibus, et si stabeleo farichi la festa omni anno, in lo jorno sabato prechedente a la Dominica di passioni, jorno solenni di la punia, et cussi' fu liberata la nostra terra, per sempre amen S.T.L.

Scriptum in Tabula Ligni

Traduzzioni 'n lingua siciliana littirària unificata muderna:

L’annu di nostru Signuri Gesù Cristu, 1091, tempu di quarèsima,

Vinni ni la marina di Micenci, ora ditta Donnalucata, lu bàrbaru Emiru Belcani Saracinu, cu nu granni asèrcitu, pri distrùggiri ogni fideli cristianu, e la nostra ìsula, e lu bàrbaru cani nun ci arrinisciu, picchì lu pòpulu di Scicli si muvivu tuttu, e si armau, e accurìu pri custringìrilu a fàrilu fujiri, ddu bàrbaru nfideli:
ma taliannu lu nùmmuru di li nfideli, assai granni, si prustraru cu la facci pri terra, e prijàvanu a Nostru Signuri Gesù Cristu e la Vèrgini di la Pietati, ca avìanu nvucatu p'aviri forza e curaggiu, pri scacciari lu bàrbaru saracinu, e sùbbitu vìttiru ntô celu na nùvula, ca splinnìa comu lu Suli, e d'intra la Vèrgini Maria, cu na spata nni la manu dritta, ca dicìa forti a lu sò pòpulu: «en adsum, ecce me, vivitas mea dilecta, protegam te dextera mea» («Ccà sugnu, cità mia pridiletta, t'havi a pruteggiri la me manu dritta!»)
Si jsaru di 'n terra pri sùbbitu, e vìttiru l’asèrcitu di li Nurmanni, cchiù viloci di l'àquila, ca vinìa 'n aiutu, e tutti pari nzemi si muveru comu lu fùlmini contru a li nfideli e li distruggeru, e fu tanta la cunfusioni e lu scantu, ca chddi s'ammazzaru iddi stissi, comu cani dròfubbi; la battagghia durau quasi na jurnata sana, e doppu li santi sacirdoti cantaru lu Te Deum e lu Magnificat, accumpagnati di l’asèrcitu, e la notti tutti li Nurmanni e tuttu lu pòpulu arristaru nta ddu locu pri prijari e arringrazziari Diu e Maria Vèrgini, ca l'avìanu sarvati di l’accìdiu di li nfideli: la matina s'arritruvau lu campu cu mmensu nùmmiru di morti, e li varchi di li nfideli tutti fujuti, e appoi si ringraziau lu gran Diu e la Vèrgini Maria, e si chiamau, pri dicisiuni di li pii ss. sacerdoti, di chiamare "Santa Maria di li Milizzii, pri li sciclitani", e si stabbilìu di fàricci la festa ogni annu, nta lu jornu dû sàbbatu ca pricedi la Dumìnica di passioni, jornu sulenni di la punìa (battagghia), e accussì fu libbirata la nostra terra, pri sempri amen S.T.L.



Cummenti di la pàggina di discussioni[cancia la surgenti]

Ciau Peppi - beddu artìculu - ju nun sapìi sta storia. Hai mai vistu stu scrittu anticu a quarchi banna (p'asempiu nta nu libbru)? Fussi na cosa forti attruvàrilu. Salutamu! πιππίνυ δ - (zoccu stai dicennu?!) 13:02, 17 mar 2008 (UTC)


  • Ciau Pippu, attruvai la frasi ca cerchi: Vinni in la marina di li Michenchi, ora dicta Donnalucata lu barbaru Ammiro Belicani Saraxinu.

Fonti: http://www.scicli.net/feste/mulici/storia.htm

Penzu ca âmu a mèntiri sta frasi nta l'artìculu.

La frasi siciliana muderna fussi L'Emiru saracinu Belicani vinni a la marina di li Micenci, ora ditta Donnalucata.

Salutamu!

--Sarvaturi (msg) 13:26, 17 mar 2008 (UTC)

Autorizzazzioni pâ pubbricazzioni ntâ wikipedia[cancia la surgenti]

santu.scnwikipedia@gmail.com" <santu.scnwikipedia@gmail.com>    
a  info@scicli.com   
data  17-mar-2008 14.54   
oggetto  Vinni in la marina 

Buon giorno, sono uno degli amministratori della wikipedia in lingua siciliana (libera enciclopedia) http://scn.wikipedia.org/wiki/P%C3%A0ggina_principali

La Wikipedia in lingua siciliana (senza scopo di lucro), promuove la lingua siciliana e particolare attenzione viene prestata a tutti gli argomenti che riguardano la Sicilia (storia, folklore, tradizioni, etc). Siamo interessati agli antichi scritti in "lingua siciliana" e avendo visitato il vostro sito abbiamo trovato " La Madonna a Cavallo tra storia e leggenda" (http://www.scicli.net/feste/mulici/storia.htm)

Saremmo interessati allo scritto "Vinni in la marina", rinvenuto nel 1653 che vorremo inserire nella nostra "Tàvula crunulòggica di scritti antichi 'n sicilianu" (http://scn.wikipedia.org/wiki/T%C3%A0vula_crunul%C3%B2ggica_di_scritti_antichi_%27n_sicilianu)

Pertanto Vi chiediamo, se ne foste in possesso, poterne avere una copia del testo. Vi chiediamo inoltre il permesso di poter inserire il contenuto della vostra pagina, tradotta in lingua siciliana, nella "wikipedia in siciliano".

Resto in attesa di vostro cortese riscontro (positivo o negativo) e con l'occasione Vi invio i miei più cordiali saluti. -- http://scn.wikipedia.org/wiki/Utenti:Santu

Risposta:

da  Team Scicli Net <info@scicli.com>    
a  santu.scnwikipedia@gmail.com   
data  18-mar-2008 17.06   
oggetto  Re: Vinni in la marina   

Salve, la memoria suddetta sarebbe riferibile al 1653, infatti è stata trascritta agli atti dal Notaro Giuseppe Di Lorenzo il 5 marzo del 1653 (varie fonti: Bartolo Cataudella, Scicli Storia e Tradizioni; Melchiorre Trigilia, Pluchinotta...) Allego il testo. Quanto alla nostra pagina, potete riportarla, anche tradotta, purché indichiate chiaramente le fonti (sito web e curatore: Salvo Micciché, <www.biancavela.it>, <www.scicli.com>) e le fonti riportate nella pagina stessa vengano mantenute. Per il resto siamo lieti di quanto state facendo!

A presto, cordiali saluti!

Salvo Micciché


Ringraziamenti

Il giorno 20/mar/08, alle ore 14:51, santu.scnwikipedia@gmail.com ha scritto:

Buon giorno, ho ricevuto con piacere la vostra risposta e ve ne sono grato. Provvedo nei prossimi giorni ad inserire il tutto nelle apposite pagine della Wikipedia in lingua siciliana e, appena fatto, sarà mia prmura darvene comunicazione, inviamdovi anche il relativo link.

Grazie ancora per la Vs. squisita disponibilità da parte di

Santu e degli amministratori del sito.


Ancora da Salvo Miccichè grazie a voi, e auguri di Buona Pasqua!

a proposito, nel nostro sito su Scicli visitate anche le pagine su "Il Gioia" (U Gioia), Cristo Risorto nella tradizione sciclitana: <http://www.scicli.com/feste/pasqua/pasqua2004.html >, per le foto.

Salvo Micciché

Team Scicli Net

Datazzioni dû scrittu urìgginali[cancia la surgenti]

Pri l'unistati ca s'hà aviri ntê cunfronti dâ curretta nfurmazzioni, arripurtamu ccà sutta nzoccu ni sapemu supra a l'urìggini dû ducumentu, la sò datazzioni e li funti ca nzinu a ora ham'attruvatu sùpira a iddu.

  • La prima funti ca dici ca lu scrittu e dô 1091, l'hamu pigghiata di n'artìculu di "Arba Sicula";
  • appoi attruvamu àutri rifirimenti nta stu situ web: http://www.scicli.net/feste/mulici/storia.htm
  • e dô curaturi dû situ web, èppimu tuttu lu testu (talìa Autorizzazzioni pâ pubbricazzioni ntâ wikipedia)
  • P'aviri cchiù nfurmazzioni, ci scrivemu n'àutra vota ô Sig. Salvu Miccichè, curaturi dô situ web "www.scicli.com" (ca ni mannau lu testu) e ccà sutta arripurtamu, "paru-paru", nzoccu ci spiamu e nzoccu n'arrispinnìu:
Il giorno 21/mar/08, alle ore 20:04, santu.scnwikipedia@gmail.com ha scritto:
Buona sera Sig. Miccichè,

Un altro amministratore della wikipedia siciliana, mi ha posto un quesito che le riporto integralmente e che le sarei grato se potesse rispondermi (ovviamente, trattandosi di sito in lingua siciliana, tutte le conversazioni sono in lingua siciliana. Sono comunque certo che non avrà difficolta di lettura).

Quesito: Ciau, Santu. Facisti nu travagghiu bonu, iu nun canuscìa lu testu urigginali. Mi veni però nu dubbiu. Lu testu è dû 1091 o dû 1653 (e cunta cosi dû 1091) ? Nti l'articulu dicemu chi è dû 1091, pirchì Pippu misi la tabbella cronologgica dî scritti basannusi supra n'articulu di Arba Sicula. D'autra parti la pirsuna chi chiamasti dici chiaramenti chi lu manscrittu è dû 1653. Forsi si tratta di na trascrizzioni dû 1653 di nu manuscrittu dû 1091 ? Mi piacissi sapirinni cchiossai. Salutamu, Peppi.

Rimango in attesa di Suo gentile riscontro e Le invio cordiali saluti.

http://scn.wikipedia.org/wiki/Utenti:Santu


da  Team Scicli Net <info@scicli.com>      
a  santu.scnwikipedia@gmail.com   
data  22-mar-2008 18.16   
oggetto  Re: Vinni in la Marina

Salve Santu,

grazie di tutto, la pagina sta venendo bene. Nei siti esterni si potrebbe benissimo inserire anche il nostro link <http://www.scicli.com>, che tra tutti quelli dedicati a Scicli è il più antico e anche il più frequentato. Ho visto che è tra le fonti, ovviamente, e ringrazio.

Quanto al quesito: il documento è sicuramente del 1653, perché rinvenuto negli atti notarili di detto notaro Di Lorenzo, che a sua volta l'avrebbe avuto da qualcuno che l'ha rinvenuto nel luogo dell'attuale Convento delle Milizie (Donnalucata). Nulla può dirsi della sua autenticità, essendo scarse le fonti. Probabile che risalga a poco dopo il 1091, ma può anche essere stato rimaneggiato, chi può affermarlo con certezza? Nessuna indagine filologica è stata fatta sinora.

Quindi, più o meno è come dice Peppi: "probabile" documento posteriore al 1091 rinvenuto nel 1653, ma con datazione incerta, quanto alla sua vera origine. Ne parlano alcuni libri, ma tutti fonti di seconda mano.

Saluti e Auguri di Buona Pasqua a tutti!

Viva a Wikipedia in Sicilianu!

Salvo Micciché
Scicli Net
  • Ciau Santu - cunfermu ca l'Arba Sicula, vul. 4/5, porta l'annu di 1091, ma nun vi pozzu diri nenti di cchiù. Vul. 1 porta n'artìculu di stu scrittu anticu, ma nun l'haiu, e sacciu ca è assai raru (pruvai na vota a accattàrilu, ma nun cci nn'èranu cchiui). La sula cosa ca vi pozzu diri e ca la scrittura nun è na forma ca s'attruvassi ntô 1653. Pinzati ca putemu cuntinuari a citari l'Arba Sicula? Salutamu! --πιππίνυ δ - (zoccu stai dicennu?!) 13:13, 23 mar 2008 (UTC)
  • 'N mcancanza di àutri nutizzi e 'n cunziddirazzioni ca la scrittura nun havi na furma ca s'attrova ntô 1653, ma è cchiu vicinu ê scritti di l'anni milli, taliannu àutri scritti di ssu pirìudu, penzu ca putemu cuntinuari a citari "Arba Sicula" comu funti. Salutamu!--Santu (msg) 20:35, 24 mar 2008 (UTC)