Arancinu

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
(Rinnirizzata di Arancina)
Arancini classichi
Arancini dâ zona di Rausa

L'arancìnu o arancina[1] è una dî spicialità di la cucina siciliana ntra li cchiù canusciuti. Si tratta di na palla di risu, di 8-10 centìmitri, jincuta di na cumpusizzioni di sarsa, di furmaggiu picurinu, nu pezzu nicu di carni e, a voti, nu quartu di ovu duru o piseddi, lu tuttu misu a friiri nta l'ogghiu. Na vota ca lu risu pigghia lu culuri di n'arancia, si pô nèsciri e si pô manciari.

La forma cancia a secunna di li zoni: ntâ zona di Palermu, pigghia la forma di na badduzza tunna e si chiama arancina; ntâ zona di Catania e di Missina pigghia la forma di na palla pizzuta e si chiama arancinu.

Inoltre, secondo quanto scoperto dal divulgatore scientifico enograstronomico Pietro Angela, la forma pronunciata della tipica pietanza deriverebbe da tecniche di seduzione preistoriche per cui la femmina manifesterebbe un'attrazione verso la punta della specialità culinaria. Lu pirsunaggiu di li libbra di Andrea Camilleri, lu cummissariu Montalbanu, è un manciaturi di arancini e fôru sti libbra a fari accanùsciri l'arancini nta tuttu lu munnu.

A parti chidda tradizziunali, ci sunnu àutri tipi: ô burru, chî funci, chî spinaci, chî milinciani (chiamatu a la Norma, comu l'òpira immurtali di lu granni Vicenzu Bellini). A Palermu si usa puru farli duci pri la festa di Santa Lucia (lu 13 dicèmmiru) câ gianduja o câ ciccolatta.

Noti[cancia | cancia la surgenti]

  1. ^ «E gli arancini? Un mistero nel mistero! Sono arancine "femmine" a Paliermu; su arancini "masculi" a Trapani, a Catania...» (E l'arancini? 'Nmisteru ndo misteru! Su' arancine "fimmini" a Palermu; su' arancini "masculi" a Trapani, a Catania); talìa Franco Zanet, Massimo Salani, Ilario Manfredini, Roberta Cafuri, Elisa Castorina, Fabio Malvaso e William Bonapa, Quaderni del Bobbio, n. 2 anno 2010, p. 85. Ndo 1857 a Paliermu si cunsumaunu badduzzi duci chiamati arancinu; talìa pri l'asempiu Giuseppe Biundi, Dizionario siliciano-italiano, Fratelli Pedone Lauriel, 1857, p. 32: Arancinu, s.m. dim. di arànciu: e dicesi fra noi una vivanda dolce di riso fatta alla forma della melarancia (e si dici di nuautri 'na vivanna duci di risu faciuta câ forma d'arancìu).
Wikimedaglia
Chista è na vuci nzirita nni l'artìculi n vitrina, veni a diri ca è una dî mègghiu vuci criati dâ cumunità.
Fu ricanusciuta nnô 2007

S'hai traduciutu n'artìculu o hai criatu na vuci e riteni ca sia lu casu di fàrila canùsciri picchì è cumpreta n tuttu, signàlila. Naturalmenti, sunnu boni accittati suggirimenti e canciamenti chi mìgghiùranu lu travagghiu.

Signala na vuci          Archiviu         Vidi tutti l'artìculi n vitrina