Discussioni:Arancinu

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search

où Peppi - haiu fami! - li cucinasti tu stissu? - sì propiu bravu! - --pippudoz 10:13, 29 Nov 2004 (UTC)

  • Ciau Giusi - cci sunnu tri palori di l'ùrtimu canciamentu ca mi ntirèssanu.
1. Sta palora pusedda mi fici pinzari anticchia picchì lu sonu di sta palora (puru ntô plurali) mi parìa bonu puru siddu nun sapevu lu mutivu. Poi, quannu l'arriscidìi nta Piccittu, mi addunai ca cci sunnu na menza duzzana banni ca ùsanu sta forma, e una era propiu lu paiseddu di mè ginitura (Màscali) e certamenti haiu sintutu sta palora quannu era picciriddu. È sempri na cosa bedda riscuprennu na palora pi sta manera!
2. Mi pari ca siddu avemu dicisu di usari la «j» quannu si ncòntranu dui «i» cu lu sonu dâ semi-cunzunanti, forsi è megghiu scrìviri «frijiri».
3. Sta forma «frumaggiu» si usa a Sant'Affiu, propiu abbicinu Màscali. Sicuramenti cu fici sti canciati veni di sti banni ntâ pruvincia Catania, tra l'Etna e Ripostu.
Sparti di «frijiri», nun staiu prupunennu sti formi, scrissi sti cunti sulu pi diri... ρ¡ρρµ δ→θ∑ - (waarom? jus'b'coz!) 11:27, 9 Aprili 2006 (UTC)

S'hannu a manciari assulutamenti caudi: l'arancini ssu take away --> non dirìa ca si ponu mangiari sulu cauri. it.wiki rici propiu a lu cuntrariu. Vasuna! --151.53.145.55 20:04, 17 nuv 2007 (UTC)

Il nome: arancino o arancina?[cancia la surgenti]

Segnalo la discussione su it:wiki, da cui emerge che i diversi dizionari Siciliano-Italiano usano arancìu per indicare il frutto dell'arancia, mentre un solo caso di arancina è riportato per la lingua italiana (la cui traduzione in siciliano è arancitèddu) in un dizionario edito a Palermo nel 1868.

Inoltre:

Solo su scn:wiki è titolato arancina?--79.53.111.205 (msg) 16:05, 15 giugn 2011 (CEST)

Ca si scrivi in Sicilianu. E un si scanciano i paggini accussì senza abbisari e senza riri nenti a nuddhu. --Aledeniz (msg) 19:24, 23 giugn 2011 (CEST)
Effittivamenti nun sacciu si c'è n postu n Sicilia unni si dici arancinu. Nun haiu la pritisa di ditiniri la virità, ma secunnu la discussioni ca fu fatta ntâ pàggina italiana, n sicilianu l'arancina è nu sustantivu fimmininu, ca n'italianu addiventa masculinu. Nun c'è nenti di mali, siddu pinsamu ca diversi paroli ponnu essiri fimminini n francisi e masculini n italianu (la mer vs il mare pi fari n'esempiu). Perciò pensu, pirsunalmenti, ca s'avissi a ristari accussì. Si àutri pirsuni arriportanu la forma siciliana arancinu comu usata nti diversi banni di la Sicilia ô puntu di ritiniri di canciari la vuci, sugnu prontu a dàrini attu. --Peppi 20:31, 23 giugn 2011 (CEST)
ntâ pàggina taliana, ci su na pocu chi crirunu chi siccomu ntu paisi runni criscieru si rici arancinu, s'hava riri accussì a tutti i banni. A me famigghia veni mezza ri ponenti, Mazzara y Trapani, y mezza ri levanti, nu Messinisi y na pocu pure nu Catanisi, e tutti li mi avi canuscianu sti arancina pi na cosa parmitana. Un annu sì e unu no me zia ri Trapani i facia pi santa Lucia, y ricia "st'annu pi santa Lucia manciamu comu i parmitana" e me nanna riria. Me nannu ri Tortorici, i canuscia, ma in casa un si facianu mai, y mancu si l'accattavanu. Ghiò un sugnu parmitanu, puru si ci stesi reci anni, e però chi l'arancina, comu i paneddha, sunnu na cosa parmitana, chi magara ci piaci a tutti i Siciliana, y magara li fannu puru megghiu a Catania, ma sempri parmitana arrestanu, y si a Paliemmu si rici arancina, s'hannu a chiamari arancina.

"Si a Paliemmu si rici arancina s'hannu a chiamari arancina"...?!? Chi vai ricennu? Ndo 1800 'nzicilianu si chiamava arancinu (Giuseppe Biundi, Dizionario siliciano-italiano, Fratelli Pedone Lauriel, 1857, p. 32: Arancinu, s.m. dim. di arànciu: e dicesi fra noi una vivanda dolce di riso fatta alla forma della melarancia), pricchini auora s'avissaru a chiamari arancina sulamenti pricchì si usa a Paliemmu? Siddu a Paliemmu si ricissi "maumau" pri diri "suli" avissumu a chiamari 'u suli "maumau"?--79.45.13.36 (msg) 12:30, 6 Sitt 2011 (CEST)

Arancina veni di Arancia, e è na talianiata rispettu a Aranciu, ca è palora siciliana. Dunca s'avissi a scrìviri Arancinu. Cu non scrivi d'accussì è fazziusu e di parti. C'è videmma di diciri ca l'arancinu non è na nvinzioni palermitani. Nvinzioni di l'Aribbi, nzamai.
Si, mi pari ca grazzi â rifirenza di Biondi, putemu spustari la vuci a arancinu. E appoi comu mi fici nutari n'utenti anonimu (ca arringrazzziu assai), puru Traina difinisci arancinu comu sost. Cuoc. Spezie di vivanda. Dunqui ci sunnu armenu du' rifirenzi bibbliografichi ca danu forza â forma arancinu. Aspettu quarchi giornu, giustu pi vìdiri si quarcunu è contra, e appoi facemu lu spustamentu. Fermu ristannu pirò ca li du' formi sunnu usati attuarmenti ntê diversi banni dâ Sicilia. --Peppi 19:16, 17 Sitt 2011 (CEST)
Fjuriti! Ju penzu macari ca è giustu lassari ndo testu di l'articulu li du' formi, pricchini siddu è veru cha ndo l'Ottocentu si dicia arancinu macari a Paliermu, auoggi ndo capolocu sicilianu si dici arancina e u sicilianu è lingua viva. Va bbeni macari aspittari siddu ci su' contra.--79.53.110.244 (msg) 20:23, 17 Sitt 2011 (CEST)
Ma... contra ci nn'è? Mi pari ca no. Arresta arancina? Ianu.
✔ Fattu Lu spustamentu fu fattu n sèquitu â discussioni ca supra e la cunstatazzioni di l'esistenza di funti ca usanu la forma arancinu. Resta fermu però lu fattu ca li du' formi sunu usati praticamenti cu la stissa friquenza a secunna dê banni dâ Sicilia. --Peppi 00:06, 24 Sitt 2011 (CEST)


Curriggiti[cancia la surgenti]

“Na vota ca lu risu pigghia lu culuri di n'arancia”… aranciu n sicilianu è màsculu.
“Si tratta di na palla di risu” e chiù sutta “pigghia la forma di na badduzza tunna”. Palla o badda? Dicidìtivi. Dipoi si dici furma.
Ah, si dici “n Palermu”, no “a Palelrmu”. --03:38, 21 apr 2014 (CEST)