Sarbaturi Nunnari

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search
Sarbaturi Nunnari

Sarbaturi Nunnari - pronuncia: Nùnnari (Riggiu Calabbria, 11 de giugnu 1939) è un arciviscuvo cattolicu italianu, attualmenti arciviscivu metropolita di Cusenza-Bisignanu.

Biografia[cancia | cancia la surgenti]

Conchie li studi ginnasiali nto Seminario arcivescovile di Reggio Calabria e nto Seminario Regionale Pio XI di Reggio Calabria. Venadi ordinatu parrinu u 12 de lugghiu 1964 ntà stessa città. Frequentadi a facoltà teologica “Ignatianum” di gesuiti de Messina e consegue ccu lode a licenza n teologia pastorale. Iniziadi ben prestu puru l'attività giornalistica - intesa anch'essa come servizio ai fondamenti della fede cattolica - diventando pubblicista e Consigliere Nazionale della FNSI per dudici anni, vicepresidente dill'Ordine di giornalisti da Calabria e conferenziere. Appena parrinu jè destinatu come vicariu cooperatore nta parrocchia de Santa Maria del Divin Soccorsu, duve opera fino allu 1975, mentre insegne puru riliggione nte scole medie statali. Ntò 1970 divente assistente diocesanu du Movimento Studenti di Azione Cattolica, duve jè impegnatu finu allu 1972, duvu pua riceve l'incaricu di segretariu du Consigliu presbiterale dill'arcidiocesi di Reggio Calabria-Bova.

Ntò 1975 venadi nominatu coadiutore da parrocchia di Santa Maria del Divin Soccorsu, rimanendovi finu allu 1983, mentre jè puru Consigliere Provinciale della Coldiretti. Ntò 1983 diventa parrinu di "S. Maria del Divin Soccorso", che guida finu al 1999, ricoprendu ntru frattempu li incarichi de presidente della Commissione per la Pastorale pe u travagghiuro e pe i problemi sociali e chiddu di Vicariu episcopale per il coordinamento della pastorale diocesana. Elettu arciviscuvu de Sant’Angelo dei Lombardi-Conza-Nusco-Bisaccia lu 30 de jennaro 1999, ricevadi l'ordinazione episcopale u 20 di marzu do stessu annu. Cca rape diverse case de accoglienza pelli tossicodipendenti e fimmine in difficoltà. Porta a termine la ricostruzione delli edifici de cultu chiusi in seguitu allu terremuto du 1980. Attivissimu nto campo da pastorale sociale, se dedicche allu rinnovamentu da realtà ecclesiale e sociale da diocesi. Intraprende na dura battaglia morale cuntra li tossicodipendenze (i cosiddetti "corrieri da morte") e l'usura.

Jè statu membru da Commissione della Conferenza episcopale italiana per i problemi sociali e u travagghiu, a giustizia e a pace. U 18 de dicemmeri 2004 vene sceltu da papa Giuvanni Paulu II come arcivescivu metropolita de Cosenza-Bisignano duve travagghie pe "portare u core da Chiasa allu centru da società calabrise". Jè Consigliere di Amministrazione da Fondazione San Franciscu d'Assisi e Santa Catarina da Siena da Conferenza episcopale italiana.

Jè statu 'nsignitu de alcune cittadinanze onorarie in Irpinia. Ha ricevutu numerosi premi (se ricorda "Seminatore di speranza") pe l'attività sociale e religiosa.

Genealogia episcopale[cancia | cancia la surgenti]

Bibliografia[cancia | cancia la surgenti]

Oltre a numerose prefazioni, Lettere pastorali e saggi di etica applicata ha pubblicato i volumi:


Liami Fora[cancia | cancia la surgenti]