San Liuni di Catania

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search
Affrescu di San Liuni di Catania na omonima Parrocchia di Saracena ( CS )

Liuni (Ravenna, 720 - Catania, 20 di frivaru 789 ) fu un Santu viscuvu di Catania, viniratu da Cresia Cattolica.

Aggiografìa[cancia | cancia la surgenti]

Fu lu diciottesimu Viscuvu di Catania, doppu Sabinu. Quannu era picciottu trasiu nall’Ordini di Binidittini e si nni ju a Reggiu Calabria. Fu eliggiutu Viscuvu di Catania nò 765 e lu guvernaturi bizzantinuSicilia ordinò ca fussi arristatu picchì s’haviano a distruggiri tutti li fiuri sacri, ca eranu cunsiddirati signu d’idulatria e Liuni nun vuleva. Trasfurmò un tempiu paganu in Cresia didicata e Santi Quaranta Martiri di Sebaste e fici fari na Cresia a Santa Lucia.

Scappò di Catania e si nni ju supra li Munti Piloritani vicinu a Longi e Sinagra. Si stabiliu a Rumetta dintra na grutta e partiu puru pi Custantinopuli, comu scrivi San Giuseppi Innografu, ca parra puru di sò miraculi. Pi chistu è chiamatu Taumaturgu. Si cunta un miraculu fattu di Liuni cu magu Liodoru (ca li catanisi chiamanu Liotru e idintificanu cû Liofanti di lava). Mentri lu Viscuvu pridicava Liodoru incitava â disonestà li Cristiani di Catania, Liuni misi la so stola ô coddu du magu e traseru ‘nsemmula dintra na furnaci di Termi Achilliani, dunni sulu Liuni nisciu vivu pi aviri avutu fidi in Diu. Muriu a Catania lu 20 fivraru 789. Fu sippillutu na Cresia di Santa Lucia. La festa è lu 20 di frivaru. E’ Patronu di Assoru, Longi, Rumetta, Sinagra.

I Riliquii[cancia | cancia la surgenti]

1040 li so Riliquii, ‘nsemmula cu chiddi di S. Aita, Lucia e Climenti di Sarausa foru purtati a Custantinopuli e la Mpiratrici Teodora li misi nò Munasteriu di S. Maria. Liami: http://santagatando.wordpress.com/2009/02/20/san-leone-di-catania-vescovo-20-febbraio/