Apolloniu Di Bilio

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search

Apolloniu Di Bilio (o Apollonio Di Bilio ‘n ‘talianu) è ‘nu pitturi sicilianu ca nascì a Casciugiuvanni o Castrugiuvanni u 25 di marzu do 1885 e morsi a Roma u 20 di maiu do 1916.

À so vita[cancia | cancia la surgenti]

Già di carusu era purtatu versu i culura e i punsedda. Apolloniu criscì nne n’ambienti ca u stimulava assài versu à pittura. Ntî primi decenni do seculu XIX à città di Castrugiuvanni campava na frevi di rinnuvamintu nne ogni setturi dill’arti. À tradizioni pittorica, ntâ strata aperta di Saveriu Marchese, era ancora cchiù valorizzata da Paulu Vetri (1855-1937) ca, anchi si stava e travagliava a Napoli e nna Campania, un tagliava u filu ca attaccava cca so città natali unni turnava periodicamenti ppi visitari so pà e so mà.

Nno stissu periodu iurivano a Castrugiuvanni (l’attuali Enna), nna lettiratura, Ninu Savarese (1882-1945) e Alfredu Rutella (1901-1957), nna musica, Antoniu Pregadio (1815-1900), Antoniu Rizzo (1838-1923) e Francescu Paolu Neglia (1874-1932).
N’âtra ranni figura di ddi anni fu chidda di Sebastianu Sberna (1870-1942) sculturi e ebanista castiannisi ca operò a Firenze, a Maglie e a Catania.

Fu propriu Paulu Vetri ca s’addunà da particolari propensioni di Apolloniu Di Bilio versu l’arti pittorica, ca u ’ncoraggiò e u purtò ccu diddu cumu apprendista a Napoli. Di Bilio divintò currinnu ‘n’abili e stimatu ritrattista. Si maritò ccu Emilia Gervasi (1886-1967) ca cci detti dui figli: Maria e Rosetta.


Fici un ciclu di affreschi ‘n casa Livoti a Enna, affreschi ‘nne na casa gintilizia di Villarosa, e ‘nno soffittu do Saluni da Provincia di Caltanissetta oltri a tanti atri opiri sia a Napoli ca a Roma.
È di Apolloniu Di Bilio u ritrattu du papa Benedetto XV° ca si trova ’nno Duomo di Enna. Atri ‘mportanti opiri di Apolloniu Di Bilio, ca si trovanu attualmenti ‘nna città di Enna, sunu i dipinti: Autoritrattu, Nudu, A matri, Pene d’amuri, L’ora do the, A figlia Maria.
A morti u cuglì a Roma, u 20 di maiu 1916, firmannu ccu crudeltà chidda ca avissi pututu essiri ‘n’ esistenza china ‘i successi e ricca di magnifichi opiri d’arti.

Bibliografì[cancia | cancia la surgenti]

  • Apollonio Di Bilio, Una significativa presenza ennese nella pittura del primo ‘900, di Rocco Lombardo, Henna rassegna del Comune, maggio-giugno 1987