Paulu Vetri

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search

Paulu Vetri (o Paolo Vetri ‘n ‘talianu) è ‘nu pitturi sicilianu ca nascì a Casciugiuvanni o Castrugiuvanni u 2 di frivaru do 1855 e morsi a Napuli 'u 2 di maiu do 1937.

Ritrattu di carusa di Paulu Vetri Palazzu Cumunale Enna

A so vita[cancia | cancia la surgenti]

Zingara di Paulu Vetri Palazzu Cumunale Enna

Artista pricoci, già a dudici anni ricivì do comuni da città di Casciugiuvanni (l'odierna Enna) na pensioni minsili di 50 liri pa so bravura no’ disignu, pi na raccumannazioni do politicu Paolu Longi. Si trasfirì (quindi) a Napuli, pi studiari nna’ scola di Giuseppi Mancinelli unni ‘ncontrò u pitturi Duminicu Morelli, ca divintò prima u so maisciu e pu so soggiru.

Duppu i studi no’ Stitutu di Beddi Arti di Napuli, no’ 1874 rinniscì a pigliari u primu pustu no’ cuncursu po’ pinsionatu artisticu da Sicilia, a pari miritu cu Ettore Ximenes. Participò tanti voti a mostra «Promotrice» di Napuli (na vota, no’ 1875, prisintò Le mummie) e natra vota macari na Mostra Naziunali di Napuli, unni pigliò u primu premiu.

No’ 1876 fici i so primi affrischi nna Cappella Rotondo da “Villa alle Due Porte”.

Tri anni duppu sinni ì a Firenze, unni, pi opera du so amicu Ettore De Maria Bergler vinni ‘nfluenzatu do nuvu stili di macchiaioli, cumu si pò ammirari nnè quarchi so opera cumu “Convalescenza” e “Casa di campagna”.

Participò nell’anni a tanti mostri pidi-pidi pì l'Italia e pì l'Europa, ‘un sdignannu pi nenti pirò di turnari sempri na so terra di nascita e di tutti sti turnati a Enna na lassatu tanti tistimunianzi di disegni e di pitturi. Vetri ha statu pu ‘n’artista assà circatu pa pittura affrescu nnè tutta l'Italia Miridionali, cumu testimonianu i commissioni ca ricivì nnà Chisa do Gesù, nnà Chisa di Santa Brigida e nnà Biblioteca Lucchesi Palli a Napuli (saluna situati ‘nno vicchiu "Palazzo degli Studi", attuarmenti Museo Archeologico Nazionali di Napuli), ’nna cupula da Chisa di Sant'Alfonso a Pagano (provincia di Salerno), a Palermo ‘nna Villa Pajno, ‘nna Chisa di San Francesco d'Assisi (Palermo) e all'Ospiziu de Ciechi, oltri ca ‘nno Duomu di Amalfi e ‘nna Chisa di San Domenico Soriano a Frosinone. Ha affrescatu macari l'Aula Magna dill'Università di Napuli e ha pitturatu u sipariu do Teatru di Santa Maria Capua Vetere, tincinnuvi Le favole Atallone.

Atri so dipinti sunu fino a oggi esposti nne tanti famusi musei e palazzi civili; amminzu a quisti ci sono digni di essire ricurdati certi dipinti: Ritratto di vecchia (Museo Alessi di Enna), Ritratto di fanciulla e Zingara (Palazzu Comunale di Enna), Fanciulla che esce dal bagno e Dante e Virgilio dinanzi la barca di Caronte (tutti dù ‘nna Gallerì d’Arti Moderna di Palermu), S. Gregorio Magno e S. Giovanni Battista (pale d'altari da Cattedrali di Ragusa).

Insegnò ppì trent'anni ‘nnò 'Stituto dì Beddi Arti a Napuli, unni, cumu avivamu dittu prima, aviva studiatu ‘nna giovintù. E spiddinnu è auturi dill'opera littiraria Teoria della Visione e della Prospettiva.

Bibliografì[cancia | cancia la surgenti]