Mariu Rapisardi

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
(Rinnirizzata di Mario rapisardi)
«  Ma jù di chi nascìi appi la sditta,
Lu vecchiu cori miu paci non trova.... »


Mariu Rapisardi (Mario Rapisardi 'n talianu) (Catania, 25 di frivaru 1844Catania, 4 di jinnaru 1912) fu unu tra li cchiu granni pueti e scritturi siciliani dô XVIII Sèculu.
Accuminciau a studiari pp'addivintari avvucatu, ma nun finìu mai l'univirsitati.

Fu sempri nu granni difinsuri dâ libertati taliana tantu ca diticau la sô prima puisìa a Sant'Àita addumannànnuci di libbirari l'Italia nô tempu 'n cui la Sicilia tutta era sutta a lu dumìniu di li Burboni.
Ntô 1863 scrivìu lu sò primu libbru titulatu "Versi", 3 anni dopu la trasuta di Garibaldi a Marsala e la libbirazzioni; nta li sô primi scritti si pô lèggiri na forti esaltazzioni dî principi di unità e fratillanza ch'î Savòia vutàvanu.


« Popol, che per amor d'ozio e di pane
Tien fede all'oppressore, è popol cane»