Arancinu

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
(Rinnirizzata di Arancina)
Arancini classichi
Arancini dâ zona di Rausa

L'arancìnu o arancina[1] è una dî spicialità di la cucina siciliana ntra li cchiù canusciuti. Si tratta di na palla di risu, di 8-10 centìmitri, jincuta di na cumpusizzioni di sarsa, di furmaggiu picurinu, nu pezzu nicu di carni e, a voti, nu quartu di ovu duru o piseddi, lu tuttu misu a friiri nta l'ogghiu. Na vota ca lu risu pigghia lu culuri di n'arancia, si pô nèsciri e si pô manciari.

La forma cancia a secunna di li zoni: ntâ zona di Palermu, pigghia la forma di na badduzza tunna e si chiama arancina; ntâ zona di Catania pigghia la forma di na palla pizzuta e si chiama arancinu.

Lu pirsunaggiu di li libbra di Andrea Camilleri, lu cummissariu Montalbanu, è un manciaturi di arancini e fôru sti libbra a fari accanùsciri l'arancini nta tuttu lu munnu.

A parti chidda tradizziunali, ci sunnu àutri tipi: ô burru, chî funci, chî spinaci, chî milinciani (chiamatu a la Norma, comu l'òpira immurtali di lu granni Vicenzu Bellini). A Palermu si usa puru farli duci pri la festa di Santa Lucia (lu 13 dicèmmiru) câ gianduja o câ ciccolatta.

Noti[cancia | cancia la surgenti]

  1. ^ «E gli arancini? Un mistero nel mistero! Sono arancine "femmine" a Paliermu; su arancini "masculi" a Trapani, a Catania...» (E l'arancini? 'Nmisteru ndo misteru! Su' arancine "fimmini" a Palermu; su' arancini "masculi" a Trapani, a Catania); talìa Franco Zanet, Massimo Salani, Ilario Manfredini, Roberta Cafuri, Elisa Castorina, Fabio Malvaso e William Bonapa, Quaderni del Bobbio, n. 2 anno 2010, p. 85. Ndo 1857 a Paliermu si cunsumaunu badduzzi duci chiamati arancinu; talìa pri l'asempiu Giuseppe Biundi, Dizionario siliciano-italiano, Fratelli Pedone Lauriel, 1857, p. 32: Arancinu, s.m. dim. di arànciu: e dicesi fra noi una vivanda dolce di riso fatta alla forma della melarancia (e si dici di nuautri 'na vivanna duci di risu faciuta câ forma d'arancìu).
Wikimedaglia
Chista è na vuci nzirita nni l'artìculi n vitrina, veni a diri ca è una dî mègghiu vuci criati dâ cumunità.
Fu ricanusciuta nnô 2007

S'hai traduciutu n'artìculu o hai criatu na vuci e riteni ca sia lu casu di fàrila canùsciri picchì è cumpreta n tuttu, signàlila. Naturalmenti, sunnu boni accittati suggirimenti e canciamenti chi mìgghiùranu lu travagghiu.

Signala na vuci          Archiviu         Vidi tutti l'artìculi n vitrina