Santa Catarina di Siena

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search
Quatru di Anonimu nà Cresia du SS.mu Rusariu in Prati, Roma

Catarina Benincasa (Siena, 25 di marzu 1347 - Roma, 29 di aprili 1380) è na Santa vinirata da Cresia Cattolica.

Storia[cancia | cancia la surgenti]

Libro della divina dottrina, c. 1475

Era a vintiquattresima figha du tinturi Jacupu Benincasa e di Lapa Piacenti. A sett’anni fici votu di virginità perpetua, ma a famigha era cuntraria. Ntô 1363 si ‘scrissi nò Terz’Ordini Duminicanu di Mantellati. Fa nà vita di pinitenza; si preoccupa di malati du Spitali di S. Maria da Scala, di puvuredda, di carcirati. ‘Ntornu a idda c’è na famigha di pirsuni ca vonnu essiri guidati nà vita spirituali: masculi e fimmini, parrini e riliggiusi, chiamati pi spreggiu Catirinati. A stentu cuminciò a leggiri e nò 1367 cuminciò a dettàri i Littri, l’Orazioni e U Dialugu da Divina Pruvidenza. Ebbi tanti ‘spirienzi mistichi e arricivìu i stìmmati invisibili. Nò 1373 accuminciò a scriviri a persuni ca eranu a capu da Pulitica di Citati: a Firenzi, a Munti Pulcianu, a Pisa, a Luca, a Genuva. Cunfortò Nicculò di Toldu, un cunnannatu a morti cà furca. Scrissi o Papa Grigoriu XI pa riforma da Cresia e partìu pi Avignoni pi pirsuàdiri u Papa a riturnàri a Roma doppu sittant’anni di esiliu.
U Papa a manna pi missioni di paci. Prja sempri pi l’unitati da Cresia. Murìu a Roma u 29 Aprili du 1380 e fu sippilluta nà Cresia di Santa Maria supra Minerva. U so Diretturi Spirituali, Raimunnu di Capua, scrissi a Vita, nicissaria pu Prucessu di Canunizzazioni.
Doppu ottant’anni u Papa Piu II Piccolomini dichiarò Catarina Santa u 29 Jugnu 1461.
Piu IX l’8 Marzu 1866 a fici Cumpatrona di Roma; u 18 Jugnu 1939 fu dichiarata Patrona d’Italia cu San Franciscu d’Assisi du Papa Piu XII. Paulu VI a pruclamò u 4 Uttuviri 1970 Dutturi da Cresia e u Papa Giuvanni Paulu II u 1 Uttuviri 1999 a fici Cumpatrona di l’Europa.

I Riliquii[cancia | cancia la surgenti]

U Corpu è sutta l’artaru majuri di Santa Maria supra Minerva a Roma; a Testa e un ghìritu du 5 Maju 1385 sunnu na Basilica di San Duminicu a Siena. Autri Riliquii sunnu a Gerusalemmi e a Venezia, nà Cresia di santi Giuvanni e Pauluè sarvatu un pedi da Santa.


Bibbliografia[cancia | cancia la surgenti]

Lettere, 1721

Juliana Cavallini Catarina di Siena; a vita, i scritti, a spiritualità Città Nova, 2008

Liami[cancia | cancia la surgenti]