Pagghiazzo

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search

St'artìculu nun ha statu traduttu cumpritamenti dâ lingua taliana. S'aviti la vogghia, putìssivu fàrilu puru vui. Grazzi!

Termine utilizzato nella Sicilia della seconda metà

dell'ottocento per indicare fanciulli, figli di contadini, che

costretti dai loro padri a collaborare nel lavoro familiare,

montavano i propri asinelli spostandosi dal loro paese nelle

campagne a raccogliere foraggi come paglia e fieno. L'isolamento nelle campagne impediva loro di intraprendere una

vita sociale al pari dei coetanei, e ciò li rendeva scorbutici

e reietti a stare con gli altri.