Juan Diego Cuauhtlatoatzin

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.

Juan Diego, natu Cuauhtlatoatzin (1474 ca. – Guadalupe, 1548), è statu un aztecu convertitu aru Cristianesimu ca, secunnu la tradizzioni, recivitti ntò 1531 l'apparizioni ra Maronna ri Guadalupe. Fu proclamatu santu da papa Giuvanni Paulu II ntò 2002.

Biografia[cancia | cancia la surgenti]

Santu Juan Diegu Cuauhtlatoatzin

Natu versu u 1474, u sò numi Cuauhtlatoatzin significa in aztecu "chiddu ca gridadi cumu un'aquila". Contadinu ntò nu modestu paisiaddu, ntò 1524 fu unu ri primi indios a riceveri u battesimu, curu quali si fici chamari in seguitu Juan Diego; cu iddu fu battezzata la moglii Malintzin col nomi di Maria Lucia. Ella morì ntò 1528.

Li apparizioni di Maria sarebberu avvenuti tra u 9 i u 12 dicemmeri 1531 supa a collina di Tepeyac vicinu a Città dû Messicu. Sul luogu venni costruita dapprima na cappella, quindi nu granni santuariu. In essu è conservata la veneratissima immagini della Maronna ri Guadalupe, chi secondu la tradizioni s'impressi miracolosamenti supa u mantiallu di Juan Diego.

Dopu questi fatti, Juan Diegu si ritirò a viveri in penitenza i orazioni in una piccola casa costruita per lui pressu il santuario. Qui vissi per 17 anni finu alla morti avvenuta nel 1548.

U Mitaculu ppi la canonizzazioni[cancia | cancia la surgenti]

In generale, ai fini della canonizzazione, la Chiesa cattolica ritieni necessariu un secondu miraculu, dopu quellu richiestu per la beatificazione: nel casu di Juan Diego, ha ritenutu miracolosa la guarigioni del ventenni messicanu Juan José Barragan Silva, ca tentò u suicidio a Città del Messicu u 3 maggiu 1990, finendu di testa su un marciapiedi di cemento, dopu essersi gettatu da un'altezza di circa diaci metri.

Data la gravità delli feriti riportati - fratturi multipli delli ossa craniche, ematomi endocranici i pneumoencefalu - i medici si sarebberu aspettati la morte u lesioni permanenti, inveci Juan José fu dimessu dall'ospedale dopu dieci giorni.

La Consulta medica ra Congregazioni per li Causi dei Santi, nella seduta del 26 fivraru 1998, concluse: «La guarigioni è stata rapida, completa i duratura. Visti i dati obbiettivi della dinamica della caduta i la negatività di lesioni chi dovevanu risultari mortali, vista l'attendibilità delli testimonianze, si ritieni inspiegabili la sopravvivenza del soggettu senza esiti, secondu li conoscenzi medichi attuali.» La madri di Juan José, Esperanza Silva Pacheco, al momentu dell'incidenti aveva invocatu u Viatu Juan Diegu Cuauhtlatoatzin.[1]

Referenzi[cancia | cancia la surgenti]

  1. ^ Saveriu Gaeta, Miracoli. Quandu la scienza si arrende, Edizioni Piemme, 2004, pp. 57-64

Bibliografia[cancia | cancia la surgenti]

  • Antoninu Grasso, Guadalupe. Li apparizioni della Vergini Maria (Città del Messico, 1531), Gribaudi, 1998

Autri proggetti[cancia | cancia la surgenti]

Commons-logo.svg
Nta Commons s'attròvanu àutri mmàggini rilativi a Juan Diego Cuauhtlatoatzin.



Liami foritani[cancia | cancia la surgenti]