Innu di Sicilia

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search

Nni l'ùrtimi anni l'Assimbrea Riggiunali Siciliana aduttau nu innu sicilianu ufficiali. Chiamatu Matriterra (n sicilianu) o Madreterra (n talianu).

L'innu ufficiali[cancia | cancia la surgenti]

L'innu chi ora è chiddu ufficiali dâ Sicilia, vinni arriscidutu dû Prisidenti Sarvaturi Cuffaru. Fu cumpunutu dû Maistru Vicenzu Spampinatu e si chiama Matriterra (o Madreterra pi talianu). Li primi e l'ùrtimi versi pi talianu (cci nni sunnu cincu) sunnu li sèquiti:

Madreterra
Sei tu il sorriso che fa ritornare
sei la Montagna di cui senti il cuore
con l'universo non ti cambierei!
Madreterra di Uomini e Dei
Sicilia terra mia triangolo di pace per il mondo
Sicilia terra mia tu « rosa aulentissima » nel tempo
Sicilia terra mia bandiera liberata in mezzo al vento
Sicilia sei così... il paradiso è qui!

Inna ufficiusi pricidenti[cancia | cancia la surgenti]

Prima di sta scigghiuta, jennu darreri, cc'èranu àutri canzuni chi a nu tempu o n'àutru vìnniru cunziddirati comu un innu di Sicilia.

Òpira di Vicenzu Bellini[cancia | cancia la surgenti]

Tali asempiu è lu duettu spinciusu Suoni La Tromba dû Secunnu Attu di l'òpira di Vicenzu Bellini: I Puritani. Vinni rapprisintata pâ prima vota a Pariggi lu 25 di jinnaru, 1835. L'abbinimenti s'ammàttinu duranti la guerra civili di Nghilterra nni l'anni 1640.

Talianu Sicilianu
Suoni la tromba e intrepido, Soni la trumma e attrivitu,
io pugnerò da forte: ju cummattu forti:
bello è affrontar la morte, beddu è scuntrari a la morti,
gridando libertà. abbanniannu libbirtati
Amor di patria impavido Amuri di patria senza scantu
mieta i sanguigni allori, meti li sanguigni addàura,
poi terga i bei sudori poi pullizzìa lu beddu sbromu
e i pianti la pietà. e li chianti la pietà
All'armi! A l'armi!
Sia voce di terror Sia vuci di tirruri
Patria, vittoria e onor! Patria, vitturìa e anuri!

Sicilia Patria Mia[cancia | cancia la surgenti]

Sicilianu[cancia | cancia la surgenti]

Jardinu di bidhizza e di splinnuri,
Isula jittata 'n-menzu di lu mari,
Terra filici chî so tanti ciuri,
nun n'abbàstanu l'occhi pi taliari.
Cca li tri Cuntinenti s'incuntraru
pi dàrisi la manu o pi luttari,
Adi e Pirsèfuni si maritaru;
amuri e sangu sempri a cuntrastari.
Sicilia, Sicilia, tutti cèrcanu a Idha,
Sicilia, Sicilia, di civirtati stidha,
china di luci e vita,
amuri e fantasìa,
Sicilia, Sicilia, Tu si' la Patria mia.
Cca vìnniru li Greci e Saracini
chi s'immiscaru poi cu li Nurmanni:
un Populu chi senza li catini
avìa un Regnu riccu, forti e granni.
A cu' la mala signurìa ni detti
dèttimu cu lu Vespru na lizioni;
arrispunemu juncènnunni tutti
e tannu addivintamu na Nazioni.
Sicilia, Sicilia...
Cu Garibaldi la Sicilia critti
d'avìrinni ricchizza e libirtati;
n'arrispunneru cu li bajunitti,
emigrazioni, mafia e puvirtati.
Mentri parìa ca jìamu tutt' ô funnu
si senti un gridu di l'antichi tempi;
dici 'a Sicilia 'n-faccia a tuttu 'u munnu:
"Nuatri semu un Populu pi sempri!".
Sicilia, Sicilia...

Talianu[cancia | cancia la surgenti]

Giardino di bellezza e di splendore,
Isola gettata in mezzo al mare,
Terra felice con i suoi tanti fiori,
non bastano gli occhi per guardare.
Qua i tre Continenti s'incontrarono
per darsi la mano o per lottare,
Ade e Persefone si sposarono;
amore e sangue sempre devono contrastarsi.
Sicilia, Sicilia, tutti La cercano,
Sicilia, Sicilia, di civiltà stella,
piena di luci e vita,
amore e fantasia,
Sicilia, Sicilia, Tu sei la Patria mia.
Qua vennero i Greci e i Saraceni
che s'immischiarono poi con i Normanni:
un Popolo che senza le catene
ebbe un Regno ricco, forte e grande.
A chi ci dette alla mala signoria
gli demmo con il Vespro una lezione;
rispondemmo unendoci tutti
e allora diventammo una Nazione.
Sicilia, Sicilia...
Con Garibaldi la Sicilia credette
de avere ricchizza e libertà;
risposero con le baionette,
emigrazione, mafia e povertà.
Mentre pareva che andassimo completamente a fondo
si sente un grido degli antichi tempi;
dici la Sicilia in faccia a tutto il mondo:
"Noi siamo un Popolo per sempre!".
Sicilia, Sicilia...

Rose Di Sicilia[cancia | cancia la surgenti]

N'àutra canzuna laudata pû stissu modu, era: Rose Di Sicilia'. Li palori foru scritti di Attiliu Castrugiuvanni mentri ca era 'n càrciri duranti l'anni 1940, e la mùsica vinni scritta di sò soru. Ccasutta si vidi lu riturnellu e l'ùrtimu versu:

O libbira Terra,
ritaggiu di l'avi,
arrisviglia l'ignavi
da lu longu tirpuri.
Rinnova di li vespiri
l'urgogliu e la fidi:
si lotta, si cridi,
si vinci e si mori.
Un innu di guerra,
frati me', risoni,
la Matri nni chiama...
cu resta e nun va?
Sicilia, Sicilia,
semu tutti liuna,
giurammu ed avirrai
la to Libbirtà:

Lijami di fora[cancia | cancia la surgenti]