Guido Chiarelli

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search
Guido Chiarelli, Univirsitati di Palermu, 1920

Guido Chiarelli (Cartanissetta, 24 di sittèmmiru 1902 - Torinu, 7 di uttùviru 1982) è statu ncignèri talianu[1][2].

Biografìa[cancia | cancia la surgenti]

Nascìu a Cartanissetta nnô 1902. Cumpiacennu u disìu di so patri, chi u vuleva ncignèri minerariu, si scrissi a l'Università ri Palermu. Cumpletau però i so’ studi ô Politecnicu ri Torinu unni si laureau in ncignirìa elettrotecnica nnô 1927. A pàrtiri dû 1928 e pi quarant'anni travagghiau ô Comuni ri Torinu e, dû 1956 ô 1968, fu capudivisioni.[3]Murìu a Torinu nnô 1982.

Carriera[cancia | cancia la surgenti]

Duranti a so carriera si occupau ri mpianti elettrici nterni, mpianti termici, gasdotti, riloggi, semafori. Nna l’anni Cinquanta prugittau macari na culunnina luminosa signaletica di mettiri a li firmati r'i tram. U so nomu però è ammintuatu finu a stiornu soprattuttu pi l'illuminazioni pubblica e li nuvità chi iddu appurtau a l’impianti di la città ri Torinu. 'N particulari un rolu assai significativu fu chiddu chi appi duranti i celebrazioni ri "Italia '61" pû centenariu di l'Unità d'Italia, quannu napocu di novi impianti foru prugittati e nstallati apposta pi l'occasioni.[4] A definizioni ri Torinu comu “ville lumière italiana”, chi cuminciava tannu a circolari, addiventau accussì chiù chi mai apprupriata.[5] Cu i moderni applicazioni e l’intuizioni ri Guido Chiarelli, pi la prima vota l'illuminazioni pubblica appi macari un risvoltu artisticu, comu dimostratu in particulari di l’illuminazioni di li funtani e dû "giardino roccioso" ô parcu dû Valentinu, rializzati pi l'esposizioni universali dû 1961, eventu chi attirau chiossai di 4 miliuna ri visitaturi nnâ prima capitali taliana. Sempri nnô 1961, Guido Chiarelli rializzau u progettu ri illuminazioni di la Mole Antonelliana, opira chi cumplitau i travagghi di la costruzioni di la guglia.[6] Nnô 1958 fu nsignitu di l'onorificenza ri cavaleri e nnô 1965 ri chidda ri ufficiali "al merito della Repubblica Italiana". Nnô 2011 duranti i festeggiamenti pi li 150 anni di l'Unità d'Italia a so òpira fu ricurdata a Torinu nna tri occasioni: cu i cartilluna a Chiazza Carignano (5 giugno)[7], ô Lingotto (8 luglio) e rintra a celebrazioni dû 24 lugliu a l’officini granni riparazioni (organizzata di l'associazioni amici ri Italia 61 pû progettu iu c'era) e tannu fu macari liggiuta a poesia U iardinu ncantatu a iddu dedicata.[8] Ad Agliè (Torinu) u 9 giugnu 2012, pi l’occasioni di l'assegnazioni r'i premi dû cuncursu letterariu U meleto ri Guido Gozzano, Guido Chiarelli vinni ricordatu cu 'n secunnu componimentu poeticu An evening sky, relativu a l’operi ri illuminazioni chi iddu avia rializzatu. U 3 lugliu 2019, nnô parcu du Valentino, a la prisenza di li autorità cittadini, si fici a cerimonia pû scoprimentu ri na targa commemorativa pû travagghiu fattu di Guido Chiarelli dû 1928 ô 1968 pû Comuni ri Torinu.[9]

Galleria di li immagini[cancia | cancia la surgenti]

Noti[cancia | cancia la surgenti]

  1. Piemonte Top News
  2. Torino Oggi
  3. Da Il Popolo Nuovo del 30 novembre 1956.
  4. Da Stampa Sera del 16 ottobre 1957 e dal volume dell'AIDI Aspetti dell'illuminazione pubblica di Torino.
  5. Aghemo, Bistagnino, Ronchetta, Illuminare la città, Celid 1994, Torino.
  6. Una serie di immagini degli interventi di Chiarelli per "Italia '61" è disponibile on line.
  7. Piazza Carignano, Torino – giugno 2011 « Guido Chiarelli: percorsi di luce a Torino
  8. italia'61
  9. La Stampa TorinoSette
  10. Il Fatto Nisseno

Pubbricazzioni ('n lingua taliana)[cancia | cancia la surgenti]

  • La centrale telefonica automatica municipale, "Torino" rivista mensile municipale, n. 6, 1933.
  • L'illuminazione pubblica di Torino, "Torino" rivista mensile municipale, n. 11, 1933, pp. 26-32. Consultabile on line.
  • La segnalazione automatica degli incendi, "Torino" rivista mensile municipale, n. 11, 1934.
  • Le piastre riflettenti per la segnalazione stradale notturna a riflessione, "L'Industria", n. 5, 1935.
  • Trazione elettrica ferroviaria per il nuovo mercato ortofrutticolo, Torino, Accame, 1935 (già in "Torino" rivista mensile municipale, n. 12, 1935).
  • Vivide luci sulla città, "Torino" rivista mensile municipale, n. 2, 1936
  • Illuminazione moderna, "Torino" rivista mensile municipale, n. 2, 1938, p. 55. Consultabile on line.
  • Torino sotto la luce blu, "Il Fiduciario", luglio-settembre 1939.
  • Il trattamento delle spazzature, "Rivista dell'Istituto Nazionale di Urbanistica", n. 2, 1939.
  • L'oscuramento delle luci in caso di guerra, "Torino" rivista mensile municipale, n. 1, 1939.[1]
  • Luci delle città, "Illustrazione italiana", ottobre 1946.
  • Come si fabbrica il gas, "Torino" rivista mensile municipale, n. 2, 1949.
  • Il consumo dell'energia elettrica a Torino nell'ultimo venticinquennio, "Torino" rivista mensile municipale, n. 7, 1951.

Bibbliografìa[cancia | cancia la surgenti]

  • AIDI (Associazione Italiana d'Illuminazione), Aspetti dell'illuminazione pubblica di Torino, atti del 1º Convegno Nazionale AIDI (Torino, 11-13 maggio 1961), Torino, Ilte, 1961.
  • Chiara Aghemo, Luigi Bistagnino, Chiara Ronchetta, Illuminare la città. Sviluppo dell'illuminazione pubblica a Torino, Torino, Celid, 1994.
  • Alessandro Guido Actis, Marco Bodo, Mario Broglino, Torino di Luce, Pinerolo, Alzani, 2006.
  • Storia dell'illuminazione pubblica a Torino in storiaindustria.it
  • Le Luci di Torino, articolo di Lidia Chiarelli, La Stampa TorinoSette, 11 marzo 2011
  • Mario Broglino, Lidia Chiarelli, Enzo Papa, Torino: Percorsi di luce, Rotary Club Torino Crocetta - Distretto Rotary 2030, 2011
  • Piano della luce decorativa - Relazione Illustrativa, Città di Torino - Iride Servizi, ottobre, 2011[2]

Lijami di fora[cancia | cancia la surgenti]

  • vd. in webthesis.biblio.polito.it.
  • http://www.comune.torino.it/canaleambiente/pric/pdf/pld/pld2011_relazione_illustrativa.pdf