Epicarmu

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search

Epicarmo (524 a.C. circa – 435 a.C. circa) fu nu scritturi di cummedi e pueta dâ Grecia Antica. La nascita è avvurgiuta ntô misteru. secunnu certuni, nasciu n Grecia ma si trasfirìu n Sicilia a Megara Hyblaea all'etati di tri misi, secunnu àutri nasciu n Sicilia a Sarausa o ntâ cità di Krastos. Di sicuru c'è ca vissi a Sarausa duranti lu cuvernu dî tiranni Giluni e Giruni. Ccâ passau la sò lonca vita e accuminzau la sò carrera di pueta e di scritturi di cummedi. Ci foru attribbuiti cchiossai di quaranta commedi, di cui arrestanu sulu na pocu di tituli di unni si pò disùmiri la pridilizzioni di Epicarmu pi la parudìa dî temi mitulòggici, episodi di l'epos omericu e pirsunaggi dâ rialità quitidiana.



Avvolta nel mistero la sua nascita: secondo alcuni nato in Grecia ma trasferitosi in Sicilia a Megara Hyblaea all'età di tre mesi, secondo altri sarebbe nato in Sicilia, a Siracusa o nella città di Krastos. Certamente visse a Siracusa durante i governi dei tiranni Gelone e Gerone. Qui trascorse la sua lunghissima vita ed iniziò la sua carriera poetica di commediografo. Gli erano attribuite più di quaranta commedie, di cui ci restano solo alcuni titoli; da essi si può desumere la predilezione di Epicarmo per la parodia di temi mitologici, episodi dell'epos omerico, e personaggi della realtà quotidiana.

Commedi[cancia | cancia la surgenti]

  • Odisseu disirturi
  • Odisseu naufragu
  • Sireni
  • Nozzi di Ebe
  • Eracli e Folu
  • Pircha e Prometeu
  • Ciclopi
  • L'Amico
  • Lu paisanu
  • Terra e mari
  • I furti
  • La Migarisi
  • Visitatura dâ tempiu
  • Spiranza o ricchizza
  • Discursu e discursa
  • Li pellegrini
  • Dionisiu
  • La sfingi
  • Commiati
  • Li Baccanti