Dizziunariu sicilianu-talianu di Francescu Pasqualinu

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search

Lu Dizionario siciliano-talianu di Francescu Pasqualinu vinni pubbricatu ntô 1829 a Catania. Era sistimatu sutta la cura di l'Accademia di Scienzi Lèttiri e Arti di Aciriali. L'ùrtima edizzioni vinni pubbricata ntô 1859 (pi cui s'attrova nu liami ccà sutta).

La prifazzioni di stu dizziunariu cunteni idei linguìstichi chi oi ni putìssiru pariri assai avvanzati pi ddu tempu. P'asempiu, si leggi:

Stando così le cose, ai Siciliani che vogliono significare in iscritto i lor pensamenti, e farsi intendere da chi scrive, necessaria si rende la cognizione della lingua italiana, come necessario è loro il naviglio per tradursi a straniero paese. E tutta via non mancano persone che ti dicono con buona fede il siculo idioma essere all'italiano talmente conforma che sapendo l'uno si sa l'altro ancora. Infatti, essi aggiungono, pani non rassomiglia a pane, vinu a vino, frumentu a frumento? Non vuolsi negari la somiglanza delle voce recate ad esempio: ma il trovare in una lingua alquanti vocaboli simili a quelli di un'altra se fosse argomento della somiglianza di ambe le lingue, ne seguirebbe 1. che la nostra favella somigliera non che alla italiana, ma benanco alla latina; perocché pani non è lo stesso che panis, vinu lo stesso che vinum, frumentu lo stesso che frumentum? 2. ne deriverebbe il conseguente opposto; perocché se il vocabolo irmanu non ha che fare colla corrispondente voce italiana segala, ne colla latina secale; se tammureddu non ha che partire ne con cembalo, ne con cymbalum; ne varcocu con albicocco e con malus armeniaca; dunque l'idioma siciliano non rassembra ne alla lingua del Lazio, ne alla lingua italiana, mentre nella prima conseguenza era lor somigliante.


Liami sterni[cancia | cancia la surgenti]