Discussioni catigurìa:Linguìstica

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search

Ecco alcune parole de nostro dialetto sansostenese:

rihjàtu - respiro; penzàra - pensare; hujìra - scappare, fuggire; hjatu - fiato; pigghjàra - prendere; vivìra - bere; nghjuttìra - ighiottire; Pigghjàta - rappresentazione della passione di Cristo. Trovo alquanto errato veder sostituire spesso nel nostro dialetto le doppie GG con le doppie JJ (jote greche): esempio ajjri anzichè agghjìri (ghiri); ajjuttu anzichè agghjùttu (inghiottisco); Pijjata anzichè Pigghjàta. A volte queste doppie JJ vengono messe al posto delle doppie HH, esempio: cujjentàri quando questa parola viene pronunciata aspirandola, quindi con doppia HH (cuhhjentàri). Chistu esta 'u dialettu nostru sanzostàru e ssarìa còmmudu 'u n'incuntràmu pemmu 'u perfezzionàmu 'u dialettu nostru pecchì tanti voti si lèjanu ccerti paròli chi on zacciu propi 'e duva spungianu hora. Come avete notato ho scritto la parola HORA - fuori. Nel nostro dialetto locale (sanzostàru - davulisi), la F iniziale non si scrive mai in quanto viene sostituita dalla H: hazzu - faccio; hacìmu - facciamo; hera - fiera. Alcune volte la F viene sostituita dalla doppia FF all'inizio della parola, esempio:se fai - si' ffai; se faccio - si' ffazzu; che fuoco! - chi ffocu! Sono sicuro che solo col suono gutturale si può giungere alla perfezione del nostro dialetto calabrese, quindi solo dopo aver sentito parlare si può buttare... sulla carta il contenuto esatto della parola. Spero di essere stato chiaro nello spiegare le definizioni e le eccezioni del nostro dialetto sanzostàru. Con stima e per il bene del nostro dialetto calabrese, cav. Gregorino Capano.