Discussioni:Tavuledda dî suffissi custanti

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search

Ciau Turiddu - facisti nu travagghiu bonu! Salutamu. --pippudoz - (waarom? jus'b'coz!) 02:05, 9 Uttùviru 2005 (UTC)

Grazzî Pippuzzu pû cumprimentu. Ogni uicchipidista nni pô agghiunciri suffissi si nni canusci. Esiti 247 suffissi 'n talianu (chistu lu vitti ntôn situ talianu). Quinni putemu mmagginari ca, macàri 'n sicilianu, ci sunnu tanti àutri suffissi ca mi scordai di mèttiri nta la tavuledda. Salutamu Turiddu

Una O al posto della U[cancia la surgenti]

Il suffisso -zzioni è derivato dall'italiano e non dal latino. Lo sviluppo dell'affisso dovrebbe essere -zziuni. In tutti gli esempi che avete riportato infatti la ō latina è diventata [u]. Solo e soltanto nel suffisso -zzioni si passa da una ō latina a una [ɔ] siciliana. Si verifica cioè il fenomeno tipico dell'italiano regionale di Sicilia in cui la [o] italiana passa a [ɔ], per influsso della scrittura. In tutte le lingue romanze il fenomeno ha una grande regolarità, solo in siciliano si presenta una certa confusione, con testi che riportano parole terminanti in -zziuni e altri testi che prediligono le forme più recenti e palesemente italianizzate in -zzioni. Il problema è che il siciliano, essendo una lingua romanza e non un dialetto dell'italiano, dovrebbe scegliere le soluzioni ricavate dal latino. Stu cummentu senza firma utenti lu scrissi 2.40.208.240 (discussioni cuntribbuta) .

haviti raggiuni ma cca si parra 'n sicilianu e nun 'n talianu. si havi na difficultati putiti truvari 'n asai pàggini di Wikipedia:Grammàtica. --SurdusVII (msg) 14:35, 1 nuv 2013 (CET)
Iu nun sugnu d'accordu cu la sustanza di lu ntirventu anonimu. Pi esempiu ntô vucabbulariu di Pasqualinu, ca è dô 1829 (prima di l'Unità d'Italia), si usa la disinenza -ziòni. --Peppi 23:12, 1 nuv 2013 (CET)
Pasqualinu allura sbagghiau. Pasqualinu arriggistrava nta lu diziunariu tuttu chiddu ca pinzava essiri siciliuanu, nun era un linguista e nun canuscia tutti i varianti siciliani, e a li voti dicia ca chissu o chiddu era mpricisu. Ntra chissi chi àppiru furtuna cu li diziunari, di nuddu si pò diri ca è pirfettu. E' di l'ebbica di Petrarca ca tutti i parrati di l'Italia sèntinu u pisu di lu tuscanu. Ancora chiù ca finu a 50 anni n'arreri a dittari liggi nta lingua eranu picca. Poi cu la televisioni tanti paroli siciliani si vìttiru stracanciari i sona. Mancu li siciliani sannu chù zoccu è sicilianu e zoccu talianu. Oi ci sunnu nzignamenti macari all'università. Mortillaro amminazzava a Pasqualinu di aviri fattu a manera soa. E si taliamu tutti sti diziunari, unu lu stissu nun c'è. Ognunu dici a so. Stu cummentu senza firma utenti lu scrissi 93.150.220.30 (discussioni cuntribbuta) .