Dapallira dô buggu

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search

A Catania, la chiazza Cavour, anticamenti vinìa chiamata “buggu” o “buvvu” (ca signìfica ‘n talianu "borgo"), picchì era nu buggu pirifèricu di la cità. Nta stu burgu, appoi addivintatu cità vera e propia, fu fatta na chiazza ca fù chiamata Piazza Cavour. Nta sta chiazza Cavour fù misa na stàtua ca rapprisintava la dia Pallide (Cereri). Sta stàtua vinni picciò chiamata Dapallira dô buggu o Tapallira dô buggu o Dapallira dô buvvu o Tapallira dô buvvu (ca veni di la sprissioni "Dea Pallide").

Uriggini[cancia | cancia la surgenti]

La facci di la stàtua, pirò, nun era na biddizza, picciò quannu na fìmmina si senti “non sacciu chi” (si senti bedda) oppuri “s’abbessa” (si trucca) ‘n manera troppu carricata, si dici ‘n tèrmini dispriggiativu o dirisivu varda che bedda, pari a Dapallira dô buggu”, oppuri si dici chiù simpricimenti “pari na Dapallira”.

Nta la stissa cità di Catania, li nomi “Dapallira” e “buggu”, vèninu urtiriurmenti sturpiati e addivèntanu “Tapallira” e “buvvu”.

Lingua Siciliana
Cosi di tutti jorna - Azzioni umani - Prufissioni - Sprissioni Tipici - Lingua Siciliana