Cui a spranza d'àutru la pignata metti nun si scanta di lavari li piatti

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search

Cui a spranza d'àutru la pignata metti nun si scanta di lavari li piatti è nu pruverbiu di la tradizzioni linguìstica siciliana. Lu significatu di la sintenzia è: cui si fida di l'àutri hà èssiri priparatu ad appizzàricci li spisi.

Citazzioni[cancia | cancia la surgenti]

Lu pruverbiu è citatu e spigatu la Raccolta di proverbj siciliani ridutti in canzuni di l'abbati Santu Rapisarda.

«  Si di li cosi nni voi boni effetti,
bisogna ca tu stissu ti cci adatti,
e si un piaciri d'un parenti aspetti,
non lu spirari, rizzittatu statti:
non pritènniri mai pagari detti
ccu li prumissi di l'amici fatti,
si a spranza d'àutru la pignata metti, non hai paura di lavari piatti.  »
( Raccolta di proverbj siciliani ridutti in canzuni )


Vuci cunzigghiati[cancia | cancia la surgenti]