A cavaddu datu nun circari sedda

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search

A cavaddu datu nun circari sedda è nu pruverbiu di la tradizzioni linguìstica siciliana. Lu significatu di la sintenzia è: zoccu è rialatu è vadagnatu e nun s'hà circari cchiossai di quantu è datu.

Lu pruverbiu havi na simigghianza ccu chiddu di la tradizzioni taliana ca dici: A caval donato non guardare in bocca ("A cavaddu rialatu nun taliari 'n vucca").

Citazzioni[cancia | cancia la surgenti]

Lu pruverbiu è citatu e spigatu la Raccolta di proverbj siciliani ridutti in canzuni di l'abbati Santu Rapisarda.

«  Non guardari si è grassa o maurulidda
quannu t'è rigalata na purcedda,
anzi ringrazia la binigna stidda,
e curri prestu ccu la curdicedda;
non guardari s'è simula o pupidda,
quannu ti veni data na vastedda,
nsumma si non hai testa picciridda,
cavaddu datu, non circari sedda.
 »
( Raccolta di proverbj siciliani ridutti in canzuni )


Vuci cunzigghiati[cancia | cancia la surgenti]