Vitti na crozza

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
abbiccidariu St'artìculu è scrittu n sicilianu standard, si stai circannu l'artìculu scrittu n calabbrisi di Parmi (RC), vidi Vitti na crozza.


165px-Rielaborazione grafica di uno spartito musicale.jpg
Artìculu dâ seria Mùsica
ARTÌCULI E LISTI

Storia di la mùsica
Tiurìa | Gènira | Strummenta
Cumpusitura
Dirittura | Òpiri / Album / Gruppi

CATIGURÌI

Mùsica | Gruppi
Cantanti

Vitti na crozza è una dî cchiù famusi canzuni pupulari siciliani. Ci sunnu tanti virsioni:

Virsioni 1[cancia | cancia la surgenti]

Vitti na crozza supra nu cannuni
fui curiusu e ci vonsi spiari
idda m'arrispunnìu cu gran duluri
murivu senza toccu di campani.


Si nni jeru, si nni jeru li mè anni
si nni jeru si nni jeru e un sacciu unni
ora ca sugnu vecchiu d' ottant'anni
chiamu la vita e morti m'arrispunni.


Cunzàtimi cunzàtimi stu lettu
ca di li vermi sugnu mangiatu tuttu
si nun lu scuntu cca lu me piccatu
lu scuntu a l'àutra vita a chiantu ruttu (assà 'ndurutu).


C'è nu jiardinu 'mmezzu di lu mari
tuttu ntissutu di aranci e ciuri
tutti l'aceddi ci vannu a cantari
puru li sireni (pisci) ci fannu all'amuri.

Virsioni 2[cancia | cancia la surgenti]

Vitti na crozza supra lu cannuni
fui curiusu e ci vosi spiari
idda m'arrispunnìu cu gran duluri
murivi senza toccu di campani.
Si nni jeru, si nni jeru li mè anni
si nni jeru si nni jeru un sacciu unni
ora ca sù arrivatu a uttant'anni
la vita chiamu e la morti arrispunni.
Cunzàtimi, cunzàtimi stu lettu
ca di li vermi sù mangiatu tuttu,
si non lu scuntu ca lu me piccatu
lu scuntu all'autra vita a sangu ruttu.

Chista è la versioni ca fu cantata ntô film " Il cammino della speranza " di Pietro Germi ndô 1950 e l'auturi fu Francu Li Causi di Girgenti.

Virsioni 3[cancia | cancia la surgenti]

Vitti ‘na crozza
C’è nu giardinu ammenzu di lu mari
tuttu ‘ntissutu d’aranci e ciuri,
tutti l’aceddi ci vannu a cantari,
puru li pisci ci fannu l’amuri.
Senti li trona di lu Mungibeddu
chi ghietta focu e fiammi di tutti i lati;
oh Bedda Matri, Matri addulurata,
sarva la vita mia e d’ ‘a mia amata.
Vitti na crozza supra nu cannuni,
fui curiusu e ci vosi spiari.
Idda m’arrispunniu cu gran duluri:
“Murivi senza toccu di campani”.
Sinni eru, sinni eru li me anni
chiangennu sinni eru, cun gran duluri…
ca’ si putissi ancora chiuù nun vurria,
cchiù nun vurria muriri chi pi amuri.
…Ah si putissi ancora, chiuù nun vurria,
cchiù nun vurria muriri chi pi amuri.
Vitti ‘na crozza/ Vidi un Teschio (Traduzzioni n italianu)
C’è un giardino in mezzo al mare
tutto intessuto di aranci e fiori,
tutti gli uccelli ci vanno a cantare,
pure i pesci ci fanno l’amore.
Senti i tuoni del Mongibello
che butta fuoco e fiamme da tutti i lati;
oh Bella Madre, Madre addolorata,
salva la vita mia e della mia amata.
Vidi un teschio sopra ad una torre,
ero curioso e volli domandare.
Esso mi rispose con gran dolore:
“Morii senza il tocco delle campane”.
Se non era, se non era per i miei anni
piangendo se non era, con gran dolore…
ché se potessi ancora più non vorrei,
più non vorrei morire che per amore.
Ah se potessi ancora, più non vorrei
più non vorrei morire che per amore.

Virsioni cchiù famusi[cancia | cancia la surgenti]

Li virsioni cchiù famusi sunnu chidda di Rosa Balistreri (senza lu "riturnellu", ntrodottu sulu 'n picca virsioni), chidda sulu tambureddu e dui vuci di Arfiu Anticu e chidda, 'n modu minuri e cchiù attinenti ô testu, di Carlu Muratori.

Certi versi foru misi sulu dopu l'anni '60, quannu stu cantu di morti fu dipusitatu a s.i.a.e. comu n'allegra polca cû carattirìsticu riturnellu chi però non havi pricidenti ntê virsioni cchiù tradizziunali