Paternò

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
(Rinnirizzata di Patirnò)
Patennò
Paternò-Stemma.png
Muttu:  
Nomu ufficiali: Paternò
Pruvincia: Catania (CT)
Superfici: 144 km²
Abbitanti: 49.250
Dinzitati: 341,91 ab./km²
Cumuni cunfinanti: Belpassu, Biancavilla, Castel di Judica, Centorbi, Ragalna, Ramacca, Santa Marìa di Licuddìa
CAP: 95047
Prifissu telefònicu: +095
Situ ufficiali: {{{situufficiali}}}
'U casteddu nurmannu î Patennò (cicca 1908)
Statua argintata di santa Barbara vinirata appresso 'a Chiesa di Santa Barbara

Paternò è un cumuni di 49.250 abbitanti dà pruvincia di Catania. Ntâ parrata lucali si prununzia Patennò oppuri Patannò, ma l'ortografìa Paternò s'havi a ritiniri ca è chidda cchiù accittabbili ntô sicilianu classicu e scrittu.

Monumenti[cancia | cancia la surgenti]

Paternò Alcuni edifici da collina storica di Paternò su assai mpurtanti tra cui 'a Chiesa Matri fatta de normanni ntô 1342, ntitulata a S. Maria dill'Altu, fù trasfummata nna l'inizi di lu seculu XVIII. Nteressanti macari 'u cumplessu î San Franciscu a Cullina, do 1346, cca chiesa di lu seculu XI. Pocu luntana, 'a chiesa î Cristo o Munti trasfummata nni lu XVIII seculu siguennu u stili rococò. E pedi da cullina s'attrova 'a chiesa î S. Maria da Valle î Iosaphat (o da jancia). 'U munumentu sicuramenti cchiù rilevanti è 'u Casteddu Nommannu costruitu ntô 1072 ppi manu do conti Ruggero e cchiù voti ristauratu ccò passari do tempu. Arrializzata ntâ lu seculu XVIII, è assai bedda 'a Scalinata da Matrici, ca jungi a Chiesa Matri ccu la Porta do Borgu, ca era l'anticu ngressu di li medievali mura. Nda patti vascia do paisi, ci sù autri nmpurtanti monumenti tra i quali l'ex monastero da Santissima Annunziata, a chiesa î Santa Babbira e 'a chiesa î Santa Catarina d'Alessandria.

Chiese[cancia | cancia la surgenti]

A chiesa da Santa Barbara è na chiesa ca c'è ndo Paternò. Fù costruita ndo 1669.


Nda littiratura siciliana[cancia | cancia la surgenti]

Di Centona di Ninu Martogliu:[1]

L'acqua di Paternò, frisca e annivata,
lu scialacori, duru e ammanticatu,



Rifirimenti[cancia | cancia la surgenti]

  1. ^ Martogliu, Ninu, The Poetry of Nino Martoglio, traduciutu di Gaetanu Cipolla, Legas (edizzioni bilinguali: sicilianu e ngrisi)