Santa Marina di Scaniu

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search
Tila du 1800 na Cresia di Cozzu di Scaniu - Termini Imeresi ( PA )

Marina (Scaniu-Termini Imeresi (PA) 1036 - Scaniu-Termini Imeresi (PA) 1066) è na Santa vinirata da Cresia Cattolica e Ortudossa.

Aggiografia[cancia | cancia la surgenti]

A sò vita è spissu cunfunnuta cu chidda di Sante Margarita, Pelagia, Marina di Bitinia, picchì l’episodi su i stissi, ma si tratta di una Santa monaca basiliana siciliana e d’idda si canuscinu i cuurdinati aggiugrafici ( ebbica, jornu da morti, cugnomi ). Nasciu a Scaniu [forsi chiddu vicinu a Castanìa o Sikaniu ( Sicaminò ? ) ] o na una burgata ca esisti ancora oj na Citati di Termini Imeresi ( PA ) di una famigha ditta Pandariti o Patariti. A matri ci ‘nsignò a pittari iconi e a istruiu ‘na Riligiuni Ortudossa. Quannu fu na l’età di pigghiari maritu, so patri e so matri ci dissiru di accasarisi, ma a picciotta dissi ca u Signuri l’havia chiamatu pi sirvillu na virginitati. Doppu quattr’anni chiusa dintra na stanza da sò casa, comu “ pazza pi Cristu “ addisiava di vestiri l’abbitu di monaca e chiamatu un monacu arriciviu u tagghiu di capiddi e u canciu du nomi, ca addivintò Marina. Sintennu i cunti di pilligrini, ci vinni un forti disìu di visitari a Terra Santa e accussì si imbarcò no portu di Fossa nica supra na navi diretta ddà. Si travistìu di monacu e si fici chiamari Marinu. A navi si firmò a Tripuli di Siria, a uttanta kilometri di Beirut e Marina ‘ncuntrò u Viscuvu ca ci dissi ca avia a ghiri du voti a Gerusalemmi e doppu fussi turnata a sò casa. A Gerusalemmi ju a priari o Sapulcru du Signuri, seguiu u ciumi Giurdanu e pi tri anni fu dintra un Monasteriu. Turnata o so paisi, riturnò pi autri cinc’anni, pi turnari difinitivamenti in Sicilia. Fu vinirata comu Santa e sippilluta na Cresia da Matri di Diu. A tradizioni voli ca fussi chidda di Scaniu ( vicinu o Cozzu Braguni di Termini Imeresi ) oppure si po’ pinsari a Cresia di Santa Marina di Cunta, Monasteriu di Santa Marina di Milazzu, ca dipinneva du Santissimu Sarvaturi di Missina. U Papa Binidittu XIV u 16 giugnu 1714 firmò un Brevi Apostolicu pi dari a ‘Ndulgenza Plinaria pi sett’anni a tutti chiddi ca l’ultima duminica di maju visitassiru a Cresia di Santa Marina, ca fu custruita arreri all’iniziu du 1800. A festa è cilibrata di l’Ortudossi u 20 jugnettu e di Cattolici a prima Duminica di settemmiri. E’ vinirata comu Patrona sicunnaria di Termini Imeresi (PA ) du 1807.

Riliquii[cancia | cancia la surgenti]

1730 si ficiru scavi a Scaniu pi truvari i Riliquii, ma nun si nni truvaru. N’autra tradizioni voli ca fussiru na Cresia di Santu Nicolò di Greci nà Citati di Missina.

Bibbliografia[cancia | cancia la surgenti]

- Cod. Mess. Gr. 29, ff. 112\5 - Ottaviu Caetani Vite di Santi Siciliani Palermu pressu i Cirilli,1657 - G.Rossi Taibbi Martiriu di Santa Lucia - Vita di Santa Marina,Istitutu Sicilianu di Studi Bizzantini e Neuellenici Palermu,1959.

Liami[cancia | cancia la surgenti]