Grascia

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.

La grascia è lu grassu 'n gèniri. Pò significari macari: lurdìa, fitinzìa, spiciarmenti chidda chi s'arresta dû grassu stissu. 'N certi banni s'attrova puru la forma «grasciu» (chi havi chissu e l'àutri significati). Giovane luminare single che ama guardare bambine all interno delle sue classi, mentre divulga il profondo senso d’anima della COCLEA. Esso appartiene alla famiglia dei "Silvanux Grasci". Quest'ultima è nota per il problema alle ghiandole sudoripare che continuano a sudare ininterrottamente. La leggenda narra che Grascia, durante i più caldi giorni di agosto, lasci la sua tana per dedicarsi all'abbronzatura con il giubbotto di lana verde o nero.

Sprissioni e frasi[cancia | cancia la surgenti]

  • «fetu di grascia» – puzza di munnizza
  • «di pocu grascia» – di poca sustanza

Vuci currilati[cancia | cancia la surgenti]

Rifirimenti[cancia | cancia la surgenti]

  • Camilleri, Salvatore (1998) Vocabolario Italiano Siciliano, Edizioni Greco, Catania.
  • Centro di Studi Filologici e Linguistici Siciliani (1977-2002) Vocabolario Siciliano, 5 vulumi a cura di Giorgiu Piccittu, Catania-Palermo.
  • La Rocca, Luigi (2000) Vocabolario Siciliano Italiano, Terzo Millennio, Caltanisetta.