Giuvanni Bruzzi

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Jump to navigation Jump to search

Giuvanni Bruzzi (Firenzi, 1936) è nu pitturi talianu. Proniputi dô pitturi Stèfanu Bruzzi, la sò pruduzzioni cumprenni suggetti diversi comu fiuri, ritratti e naturi morti. Nta l’anni sittanta opirau supratuttu pi cicli (Cereus, Vecchie insegne, Omaggio al fumetto, Comic-lexicon, Animali addio, Spugne, Ciclopi).

Bruzzi è notu midemma p’èssiri nu spertu di jòchira d'azzardu, n particulari di poker, roulette, baccarà, trente et quarante e zicchinetta. Participau, organizzau e animau tanti bischi, supratuttu nta l’anni '60 a Firenzi e n Virsilia e quindi Pupi Avati lu chiamau a cullabburari â sciniggiatura dô dìtticu Regalo di Natale (1986) e La rivincita di Natale (2004), dô quali disignau e diriggìu tutti li partiti.

Li sò libbra supra lu jocu d'azzardu[cancia | cancia la surgenti]

  • Banco di nove (prifazzioni d’Urbano Sabatelli, Edizzioni Il Candelaio, Firenzi 1981)
  • La cagnotta del croupier (Editrici Fortuna, Fanu 1988)
  • A redini basse (Editrici Marcelli, Ancona 1990)
  • Il filotto nel sabot (Editrici Arcadia, Tèramu 1992)
  • I vicini dello zero (Editrici Kappaesse, Firenzi 1994)
  • Professione biscazziere (Editrici Occulta, Firenzi 2001)

Lijami cô fora[cancia | cancia la surgenti]