Tiatru sicilianu

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.

Lu tiatru sicilianu, comu li tiatri di àutri littiraturi, è arti, cultura, e manifestazioni di modi di viviri e di diri; è scola pi cu' s'affaccia a la maturazioni di la propria furmazioni.


Storia di lu tiatru sicilianu[cancia | cancia la surgenti]

Già ntô 1300 lu chiù curaggiusu di l'artisti mpruvvisati, tirannu un filu tra du pali e facennucci scurriri un linzolu, si nvintava lu primu tiatru mbulanti sicilianu. Stu attrivitu artista, utilizzannu la genti di li tanti quarteri comu atturi e mmitaturi d'iddi stissi, dava vita a smaccusi spittaculi e a forti dinunci, tintannu di daru vuci a ddi minuranzi ca vinianu murtificati di li putenti e di li guverni.

Pi tantu tempu li mpruvvisati atturi foru difiniti i Nesci e parra, overu li artisti dilittanti ca vinianu scritturati nta li pubblichi chiazzi pi tanticchia di dinaru di parti un altrittantu mpruvvisatu mprisariu e misi supira a lu palcuscenicu a ricitari, spinciuti ccu forza e ccu stu chiaru avvirtimentu: Nesci e parra... si voi manciari!!

Non c'erinu cupioni di leggiri o di mparari a mimòria, la ricitazzioni era, comu dissi già, mpruvvisata, nvintata nta ddu mumentu, overu cugghiuta di la fantasia di lu nascenti artista, di zoccu la so arma avìa finu a ddu puntu riggistratu di l'eventi vissuti, e avìa a funziunari. Difatti, siddu li svinturati atturi nun arriniscianu a fari ridiri lu pubblicu, sàutavinu lu manciari e, di sècutu, cci lu facianu sàutari puri a li loru figghi.

Li facchini, suprannuminati "Vastasi" , sia nta li chiazzi ca nni li casuddi, o puru anchi dintra li poviri casi di la genti di Palermu e di Catania, dibuttavinu ccu li so' "vastasati", ca erinu beddi e ronichi farsi purtatrici di surriri e filicità a tanta genti.

Di st'attrivitu esempiu, nasceru poi puru li "pupari" siciliani e la miravigghiusa Opira di pupi ca rapprisintava, nni un virnaculu sicilianu pueticu, la storia di l'epopea midiuvali di li paladini di Francia.

Fu di stu curaggiu e di la capacità populana di sfruttari la fantasia ca nasciu lu veru tiatru sicilianu, un veru trisoru sia pi li citadini simplici ca puru pi llustri siciliani, comu lu foru Raja e Pitrè; o atturi comu Giovanni Grasso, Rosina Anselmi, Angelo Musco, Turi Ferro, Tuccio Musumeci, Pippo Pattavina, Leo Gullotta.

La formula di lu tiatru sicilianu di lu passatu nun era cumplicata: puvirtà+risu=arti! È di sta simplici addizzioni ca jiunci finu a nuàtri, ccu tutta lu so carrricu di umurismu, lu tiatru sicilianu: cunsiguenza di na rialtà sincera e non fàusa, comu spissu è chidda di lu tiatru naziunali d'oggi.

Nsèmmula a la puisia (figghia puri idda di la stissa radici culturali), lu tiatru sicilianu accuminciò a carattirizzarisi lentamenti, ma poi addivintau comu la naca di tutti li culturi, facennu nasciri auturi di talentu comu Nino Martoglio, Vitalianu Brancati, Federicu De Roberto, Pippu Fava e di lu geniu di Luigi Pirandellu.

Taliati macari[cancia | cancia la surgenti]

Searchtool.svg
Talìa macari: Purtali dî tradizzioni dâ Sicilia.