Santu Rapisarda

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Fruntispizziu di la Raccolta di proverbj siciliani ridutti in canzuni di l'abbati Santu Rapisarda
« Lu sacciu, stai affilannu li rasola,
O criticanti di la lingua mala,
sì priparatu a fàricci la scola,
appena stu librettu nesci in gala:
Iu ti lu dicu, la forficia ammola,
e vituperj dicci ccu la pala,
Ma sai chi dissi na vota Trimola?
Non tuccari lu culu a la cicala.  »
( Proemiu )

Santu Rapisarda fu nu abbati e pueta sicilianu ca nti lu 1842 pubbricau a Catania lu libbru Raccolta di proverbj siciliani ridutti in canzuni, sicuti di n'accurata spigazzioni puètica. Iddu si metti a sicutari la tradizzioni di la puisìa siciliana, comu iddu stissu dici nti la prifazzioni 'n talianu, ca avìa fattu tanti voti di li pruverbi uggettu di puisìa:

(IT)
« Più di un nostro poeta si è impegnato a riunirli, ravvolgendo cadaun di essi col corredo di altre massime nella stesa di un'ottava cui chiude esso proverbio. L'Ab. Paolo di Catania, ed Antonio Veneziano furono i primi che s'indussero a tentare cosifatto lavoro: ma queste loro raccolte sono divenute così rare a' dì nostri, che appena puossene rinvenire un esemplare in qualche pubblica libreria.
Animato io da questi esempj e dal desiderio di molti, nelle ore di ozio datomi a spigolar qua e là in bocca del volgo una larga messe de' migliori tra questi, trovomi oggi a tal da poter presentare al pubblico per le stampe un convenevole numero di altrettante canzoni.
 »
(SCN)
«  Cchiossai di nu nostru sulu pueta s'ha misu ad accucchialli, cugghiennu ugnunu di chissi ccu lu currivu di àutri pruverbi nti la misa di n'uttava ca chiudi lu stissu pruverbiu. L'Ab. Paulu di Catania, e Antoniu Vinizzianu foru li primi ca si mìsiru a pruvari nu travagghiu accussì: ma sti cugghiuti addivineru accussì rari a li jorna nostri, ca a mala pena si pò attruvari qualche asimplari nti qualichi bibbliuteca.
Animatu ju di st'asempi e di lu disìu d'assai genti, nti li uri d'ozziu mi misi a tirari fora ccà banna e ddà banna di la vucca di lu vulgu nu granni munzeddu di li megghiu ntra chisti, e m'attrovu oi a putiri prisintari a lu pùbbricu ppi li stampi nu bonu nùmmiru di àutri tanti canzuni.  »

Lu libbru è addidicatu, comu era usu di lu tempu, a nu signuri putenti di lu tempu, Don Dumìnicu Spadafora e Culonna, prìncipi di Malettu, gentiluomo di Càmmira di S. M. con eserciziu ec. ec. , ccà sutta è ripurtata la bedda dèdica 'n endicasìllabi:

«  Tutta Catania, Signuri, m'hà dittu
di didicari a Vui stu miu libretto,
si non lu fazzu cummettu un dilittu,
giacchì in Catania siti tantu accettu.
Anchi di li paisi m'hannu scrittu,
e vonnu stu proverbio ch'iu cci mettu:
Cui è veru bisugnusu e campa afflittu,
si voli ajutu, ricurri a Malettu.
Da stu gridu cumuni incuraggiutu,
eccu Signuri vi l'aju purtatu,
pr'èssiri doppu lettu cumpatutu,
e di li mali lingui difinzatu;
ma si vi pari scadenti tributu,
e mi torna lu numeru sirratu,
pri mia sulu, dirò : finìu l'ajutu,
la furca è fatta pri lu sfurtunatu.  »
( Dèdica a lu Signuri D. Dumìnicu Spadafora e Culonna, prìncipi di Malettu )

Liami Esterni[cancia | cancia la surgenti]

Vuci cunzigghiati[cancia | cancia la surgenti]