Polistina (RC)

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
abbiccidariu St'artìculu è scrittu 'n calabrisi di Polistina (RC), vidi '.



Polistina
Polistena.jpg
Nomu ufficiali: Polistena
Riggiuni: Calabbria
Pruvincia: Riggiu Calabbria (RC)
Aria: 11 km²
Abbitanti: 11.413
Dinsità: 1037,5 ab./km²
Cumuni cunfinanti: Anoja, Cincufrundi, Cittanova, Melicuccu, San Giuorgiu Murgitu
CAP: 89024
Prifissu telefònicu: 0966

Polistina (o Pulistina nta àutri parlati calabbrisi) è nu cumuni di 11.413 abbitanti dâ pruvincia di Riggiu Calabbria.

Confina cu i comuni di Anoja, Cinquefrondi, Cittanova, Melicucco, San Giorgio Morgeto. In particulari cu u comuni di Cinquefrondi, Polistena crea nu particolari conurbazioni. Addirittura Pasquale Scaglione (1808-1880) cultori di storia local reggina, che scrissi n'opera di storia Locri e Gerace, sostenia ca u tempu di musi sorgiva tre pressi di l'odierna Polistena-Cinquefrondi. Michele Guerrisi,[1] estensori di na storia di Cinquefrondi, più precisamenti, riteni ca u luogu presceltu di locresi per l'inalzamentu du tempu fossi fuori di l'abitatu, versu orienti, tra prossimita di l'alveo del picculu fiumi Scierapotamu.

A Polistina, fora di u centru abitatu, vi è un'aria industriali, artigianali e commerciali. A città è u secundu comuni da provincia e quintu da Calabbria pe densità abitativa.

A geografia fisica[cancia | cancia la surgenti]

U territoriu[cancia | cancia la surgenti]

Polistina è situatu tra parti orientali da Piana di Gioia Tauro,[2] a circa 70 km a sud-est di Catanzaru e circa 50 km a nord-est di Riggiu Calabria. Sorgi su na pendici du massicciu montuosu di l'Aspromonte, con nu territoriu prevalentementi collinari a nord e pianeggianti o sud. U territoriu raggiungi n'altezza massima di 305 m s.l.m. e minima di 132 m s.l.m. U centrU urbanU si sviluppa tre pressi di dui principali torrenti da città. U principale torrentI che scorri tro territoriu du comuni di Polistina è u Vacali, affluenti du fiumi Metramo. N'atra fiumara è lo IerapotamU, affluentI dU torrentI VacalI, oggi copertu du Viali Rivoluzioni d'Ottobre.

  • Classificazioni sismica: zona 1 (sismicità alta), Ordinanza PCM n. 3274 del 20/03/2003

U clima[cancia | cancia la surgenti]

Il clima di Polistena è generalmente di tipo mediterraneo.

  • Classificazione climatica: zona C, 1185 GR/G

A storia[cancia | cancia la surgenti]

I origini du nomi
U toponimu di Polistina deriva da u grecu eni na associazioni di dui termini polis (città) e tena (forti) o tenon (furtezza). Si pensa anchi cha deriva da polystenos (moltu strettu). Polistina (tro tempu era na piana virdeggianti, i primi casi furunu costruiti tra pianura) è situata o centru dell'istmu ciù breve tra i città da magnu-grecha di Locri e Medma (Rosarnu), fu na stazione di passaggiu pe li locresi che avianu raggiungiri Rosarnu colonia da loru fundata. I ritrovamenti archeologici (che sugno tro museo di Polisti

na), evidenzianu na forti frequentazioni du territoriu e ipotizzanu a presenza di nu aggiornamentu urbanu prima e dopu l'epuca da colonizzazioni Magnu Greca (Morgeti-Itali)

Tro territoriu si trovaru oggetti di epuca neolitica, mentri altri rittrovamenti di epuca ciù recente hannu permessu di identificari a presenza di insedimenti rumani[3].

I primi documenti che attestanu l'esistenza di Polistina risalinu all'XI secolo, quandu nu villaggiu cu stu nomi vinni nominatu tra noccasioni di na cessioni di arcunni terreni a favuri du monasteru di Santa Maria di Campuforano[4]. Tro medioevu fu sedi di numerusi casati, tra cui, dal 1388, chidu di Milanu Francu d'Araguna [5] e poi i Riariu Sforza.

U Terremotu du 1783[cancia | cancia la surgenti]

U 5 febbraiu du 1783 u paesi fu rasu o suolu da u terremotu chi interessau l'Italia Meridiunali, facendu 2261 morti su 4600 abitanti circa. A testimonianza DU geolugu francesi Déodat de Dolomieu, che calau tra Calabria pemu studia l'effetti disastrusi du sisma, ripurtati in meritu a Polistina: Avia vistu Riggiu, Nicotera, Tropea... ma quandu di supra un'eminenza viju Polistina, quandu contemplai i mucchi di pietri chi non dannu ciù nuda forma, né possono dare n'idea di ciò che era u luogu... provai nu sentimentu di terrori, di pietà, di ribrezzu, e per alcuni momenti i mei facoltà restarunu sospesi.

Polistina fu ricostruita completamenti su n'altura ciù a nord su nu progettu di l'architettu napulitano Pompeo Schiantarelli. Fu realizzatu nu particulari impiantu urbanisticu che vidi situarsi tra parti alta palazzi con imponenti frontespizi e purtali in petra granitica lucali, mentri i fasci menu abbienti ripopolarunu u vecchiu situ ricostruitu suppa i muragli.

U Simbolu[cancia | cancia la surgenti]

U stemma da città di Polistina è costituitu da una pianura in cui ci sugnu na torri aurea e nu imponenti pinu. La torri si trova tro mezzu di dui fiumi. U fondalI è azzurro.

U Spitali i Polistina[cancia | cancia la surgenti]

U Spitali fu fondatu tro 1905,[6] intitolatu a Santa Maria degli Ungherisi.[7][8] U sui fondaturi fu Giuseppe Valensise. U Spitali i Polistina fu fondatu: cu na donazioni di Valensise, di nu fondu di L. 103.966,50, partecipau puru u principe di Ardore e a sua consorti, cu na donazioni di L. 60.000, e u Comitatu Ungheresi du terremotu du 1908,[9] quest’ultimu pe interessamentu dell’illustri maestru Francesco Jerace.[10]

Trò 1920, fu aperta na farmacia cu vendita anche o pubblicu.

Trò 1947 facendu procediri i lavori di adattamentu da sala operatoria, secondu i richiesti di medici, compresu u primu chirurgu Antonino Guerrisi. [11]

Trò 1973 Raffaele Lagamba,[12] promotori di na raccolta di fundi tra calabresi e i loru amici a Brooklyn, N.Y. donaru n’autoambulanza a u Comuni di Polistina, chi passau poi a u Spitali.

Trò spitali eni presenti u prontu soccorsu e u serviziu di 118.[13]

U Duomu di Santa Marina Vergine[cancia | cancia la surgenti]

A Chiesa Matrici


U Duomu di Santa Marina Vergini comunementi nota comu U Duomo di Polistina[14] o a Chiesa Matrici è a principali chiesa i Polistina, eni dedicata appuntu a Santa Marina, patruna da città. A chiesa sorgi tro centru storicu , affaccia supa a via Micheli Valensisi. Fudi ricostruita dopu u terremotu du 1783, davi numerosi operi d'interessi artisticu. Santa Marina Vergine veni festeggiata u 17 lugliu, mentri a più ampia celebrazioni chi a coinvolgi si svolgi a prima dominica di agostu e riguarda a cosiddetta Teoria di Santi, vali a diri na processioni di 26 santi venerati tra città i Polistina, chi procedinu a patrona.[15]

U Santuariu di Maria Santissima di l'Itria[cancia | cancia la surgenti]

A Chiesa da Trinità.


U Santuariu di Maria Santissima di l'Itria conosciuta comu Chiesa da Santissima Trinità o semplicementi Chiesa da Trinità è una di chiù antichi di tutta Polistina. A chiesa sorgi tro centru storicu precisamenti supa a Piazza Bellavista, pocu lontanu da Piazza da Repubblica. L’attuali chiesa venni costruita dopu u terremotu du 1783. [16] A Madonna di l'Itria, a cui è dedicata a chiesa, veni festeggiata u 10 lugliu.



L'etnie e a minoranza straniera[cancia | cancia la surgenti]

Secondu i dati di l'Istat[17] tro 2010 a Polistina risiedinu 538 personi di nazionalità stranieri, pari a 4,7% circa da popolazioni totali. U paisi di origini cchiù rappresentati sugnu:

I Lingui e i dialetti[cancia | cancia la surgenti]

A Polistina veni parlatu u dialettu calabbrisi.

Tradizioni e folclore[cancia | cancia la surgenti]

"Affruntata" tra Piazza du Populu
  • A Settimana Santa i Polistina[18] risali a na tradizioni di u XVIII secolo. Inizia cu a dominica di Palmi e termina a dominica di Pasqua.





I quartieri i Polistina[cancia | cancia la surgenti]

Vista du quarteri du Ponti i Polistina

I quarteri cchiù 'mportanti i Polistina.

  • U Ponti, a Catina, a Villa, a Stazione.

I noti[cancia | cancia la surgenti]

  1. ^ Template error: argument title is required. 
  2. ^ Dati su Polistina nell'Enciclopedia Treccani
  3. ^ Storia di Polistena sul sito del comune
  4. ^ Giovanni Russo, Note storiche sul torrente Vacale
  5. ^ La famiglia Milano [1]
  6. ^ Comune di Polistena - Relazione Programmatica della Consulta per la Cultura del Comune di Polistena. URL spiatu lu 14-11-2009.
  7. ^ Maria, Grande Signora degli Ungheresi [2]
  8. ^ Santuari mariani dell'Ungheria (Europa) [3]
  9. ^ Gli aiuti ungheresi terremoto 1908 [4]
  10. ^ Francesco Jerace(Polistena 1853/ Napoli 1937)-scultore: è senza alcun dubbio uno dei più illustri degli ultimi due secoli così come attestato da uno stuolo di famosi critici ed insigni studiosi di belle arti, tra cui annoveriamo il prof. Alfonso Frangipane e la figlia di questi, prof.ssa Raffaella, il prof. Domenico Teti, il prof. Cesare Mulè, prof.ssa Erminia Corace, il Prof. Carlo Stefano Salerno, la prof.ssa Isabella Valente ecc..
  11. ^ Primo chirurgo nella storia dell’ospedale Santa Maria degli Ungheresi di Polistena (1947-1960). che ha reso possibile l'apertura di un vero e proprio ospedale in luogo di una vecchia infermeria per i poveri.
  12. ^ Raffaele Lagamba [5]
  13. ^ Ospedale di Polistena [6]
  14. ^ Il Duomo di Polistena [7]
  15. ^ Santa Marina Vergine - Patrona di Polistena - Sito Ufficiale > Home
  16. ^ Chiesa della Trinità
  17. ^ ISTAT - Bilancio demografico e popolazione straniera residente anno 2010. URL spiatu lu 23-12-2011.
  18. ^ Settimana Santa i Polistina [8]
Calabria.jpg Purtali di la Calabbria – Jiti a l'artìculi di Wikipedia supra la Calabbria.