Pacchiu

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.

La palora siciliana pacchiu veni usata p'addiscrìviri l'urganu ginitali fimminili o cchiù vurgarmenti chiamatu lu "sticchiu". St'esprissioni siciliana è famusa ntô dialettu catanisi pi signalari na bedda carusa:

  • Talìa a ddu pacchiuni
  • Ma talìa a ddu pezzu di pacchiu
  • Floresta e Mazzaglia sunu mpacchiaroli
  • Ma di unni cachi ca si tutta pacchiu?!?
  • E' na bedda fedda di pacchiu!


Ntô dialettu palirmitanu la palora "pacchiuni" vò diri "èssiri troppu grussu".

N Catania, la palora "pacchiu" è famusa picchì veni usata macari ntê sciogghilingua:

  • 'U pacchiu è bellu e 'a minchia fà buddellu
  • 'U pacchiu è pilusu e 'a minchia fà 'm puttusu
  • 'U pacchiu è jàutu e 'a minchia jetta 'n sàutu.
  • 'U pacchiu è duci e 'a minchia jetta vuci.
  • 'U pacchiu è duru e 'a minchia 'n dappa ndo muru.
  • 'U pacchiu pacchia e a minchia buttia.
  • 'U pacchiu pacchia e a minchia arrussia.
  • 'U pacchiu ca passìa e a minchia ca talìa.
  • 'U pacchiu ca babbia e a minchia sa talìa.
  • 'U pacchiu è rosa a minchia s'arriposa

Cci sunnu assai palori siciliani ca addirìvanu di "pacchiu": pacchiazzu, pacchiuni, pacchiceddu, mpacchiarola, mpacchiata, spacchiu, spacchiusu, spacchìmi, ecc.