Ncrasciatu

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.

Ncrasciatu è n'aggittivu chi signìfica: fitusu, lordu, sùccidu. È puru lu participiu passatu dû verbu «ncrasciari» chi signìfica: allurdàri(si). Pi certi banni dâ pruvincia di Missina signìfica macari: cuncimari, affumirari.

Lu verbu «ncrasciari» veni dû sustantivu «grascia» chi signìfica: lurdìa, grassura, fitinzìa. 'N certi banni s'attrova puru la forma «grasciu».

Sprissioni e frasi[cancia | cancia la surgenti]

  • «fetu di grascia» – puzza di munnizza
  • «di pocu grascia» – di poca sustanza
  • «grasciu di l'aricchi» – lurdìa di l'aricchi
  • «puzzari di grasciu» o «fètiri di grasciu» – puzzari di munnizza, dittu dî piatti mali lavati
  • «cc'è grasciu» – cc'è ogni beni di Diu

Rifirimenti[cancia | cancia la surgenti]

  • Camilleri, Salvatore (1998) Vocabolario Italiano Siciliano, Edizioni Greco, Catania.
  • Centro di Studi Filologici e Linguistici Siciliani (1977-2002) Vocabolario Siciliano, 5 vulumi a cura di Giorgiu Piccittu, Catania-Palermo.


Lingua Siciliana
Cosi di tutti jorna - Azzioni umani - Prufissioni - Sprissioni Tipici - Lingua Siciliana