Mirabella (famiglia)

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Mirabella Stemma 2.jpg

Cunta Filadelfo Mugnos, nno so trattatu Teatro genologico delle famiglie antiche e nobili del Regno di Sicilia, ca un Autizio Mirabelli, nobili francisi, avia scinnutu in Sicilia da Napoli nno seguitu di Eleonora D’Angiò, ca si maritò a Messina, nno misi i maggiu do 1303, cco re di Sicilia Fidiricu III d’Aragona.

Autizio, figliu di Guglielmo Mirabelli gentiluomu francisi, nascì a Forlì (accusì cunta Giorgio Allegretti nne famiglie nobili da città di Forlì). U frati cchiù ranni, Dionisio, si ristò pi sempri nne ssa città, mentri Autizio, si nni i a stari a Napoli e di dducu si nni ì apprissu di Eleonora d’Angiò in Sicilia ccu l’incaricu di Coppiere da Regina.

Dapprima Autizio si impiegò nne disciplini militari, pu ebbi da regina Eleonora u governo da città di Siracusa. Si maritò cu Paola Scalambro, a suru di Pietro. Cu chissa ebbi Guglielmo, ca fu diversi voti Rettore e Senatore di Siracusa sutta u regnu di re Ludovico d’Aragona pu Percettore da Camera Reginale nno 1371. U figliu di Guglielmo, Giovanni fu Maestro Segreto da medesima Camera nno 1395. Da Giovanni nascì Guglielmo ca fu Consigliere Regio nno 1408, ed Autizio, Maestro Giurato nno 1409. Tommaso, figliu di Guglielmo, fu Giurato di Siracusa nno 1421 e apprissu Maestro Razionale da Camera Reginale. Un Giovanni Antonio Mirabelli fu Capitano di Lentini nno 1426. A Regina Maria, muglieri do Re Alfonso, u nominò pu Castellano di Vizzini.

Lorenzo Mirabella su Historia di Castrogiovanni di Padre Giovanni de Cappuccini

A Castrugiuvanni (oggi Enna), Don Lorenzo Mirabella s’investì da baronì di Collotorto (o da Mendola) (cuntrata nno territoriu di Castrugiuvanni), l’8 ottobri 1524. Nno 1526, a Castrugiuvanni, fici rifabbricari a Chisa di Santa Maria del Monte ca si truvava menza arruzzulata e quasi abbannunata. Chiamò a Chisa Santa Maria da Donna Nuova e ci funnò na confraternita. U figlio Giovanni ebbi in eredità u feudo di Collotorto u 10 dicembri 1561. Pu, ppa morti di Giovanni, u 20 marzu 1578, s’investì do feudo a matri, Donna Laura Mirabella.

A Siracusa Don Vincenzo Mirabella, accademicu de Lincei e architettu, pubblicò nno 1613 na pianta da so città nna quali ricostruiva, ‘n basi di dati archeologici, l’antica topografì. A sta pubblicazioni seguì l’opera di Don Giacomo Bonanno Duca di Montalbano ca criticò prudentimenti parti dill’opera di Mirabella.

Un ramo da famiglia Mirabella si sviluppò a Modica ‘mparintannusi ccu li illustri famiglie de Celestri e de Mazara e pu ca famiglia Paternò di Catania da quali nascì u Baroni di Raddusa fondatori nno 1610 da città di Mirabella (l’attuali Mirabella Imbaccari). A città è accusì dinominata pirchì u Baroni ci vozi dari pi nomi u cognomi da muglieri: Mirabella. Ci sunu notizie di n’atru ramu da famiglia, nna città di Mazzara. Cca, nno 1460, ricivì do re Giovanni, l’ufficiu di Portolano, Giovanni Mirabelli ca si maritò cca figlia di Giovanni Cavallaro ufficiali regio nne regie fabbriche. Di nne ssu matrimuniu nascirru: Paolo ca fu Giurato nno 1480, e Carlo. Carlo ebbi: Pietro, Giovanni e Luigi tutti virtuosi gentiluomini. Pietro fu Giurato a Mazzara nno 1502, Giovanni fu Portolano do Caricatore. Giovanni si maritò cca figlia di Bernardo Broscardo gentiluomu da città di Mazzara. Nno matrimuniu nascì Antonio ca campò assai agiatamente. U so ritrattu è scolpitu nna cappella maggiori do cummentu di Sant’Agostino in Mazzara ca diddu dotò cu na rinnita annuali. Da Antonio nascì Giuseppe ca, picca interessatu a procurarisi uffici, si occupò sulu di amministrari i beni di famiglia. U stissu fici u figliu Giovanni Antonio. Diddu procreò Giuseppe Salvatore, u Dottor Carlo ca si maritò a Palermo unni esercitò cu soddisfazioni a professioni di avvocatu, e Pietro Dottore ca fu Giudice da Corti Capitanale di Mazzara nno 1643.

Arma[cancia | cancia la surgenti]

E’ nnu scudu russu cu nnu liuni d’oru incoronatu cu la corona linguata e cu ugni d’argentu, ca teni nnu stinnardu celesti ca svolazza a manca cu intra gigli e nu rastiddu d’oro.

Bibliografia[cancia | cancia la surgenti]

  • Teatro genologico delle famiglie nobili titolate feudatarie ed antiche nobili del fedelissimo regno di Sicilia, Don Filadelfo Mugnos, in Palermo per Pietro Coppola 1647, Ristampa anastatica Sala Bolognese Arnaldo Forni Editore;
  • Il blasone in Sicilia, Vincenzo Palizzolo Gravina (prima edizione Palermo 1871-1875), Edizioni Clio, SAN Giovanni La Punta, 2000;
  • Historia di Castrogiovanni, di Padre Giovanni dei Cappuccini, manoscritto del XVIII° Secolo, Biblioteca Comunale di Enna;
  • La storia dei feudi e dei titoli nobiliari di Sicilia, Avv. Francesco San Martino De Spucches, Palermo Scuola Tip. “Boccone del Povero”, 1925;
  • Pianta delle Antiche Siracusa, descritta da Don Vincenzo Mirabella, Arnaldo Lombardi Editore Siracusa - Palermo - Milano, dicembre 1989.