Manliu Sgalambru

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
Manlio Sgalambro (Catania, 2008).

Manlio Sgalambro (Lintini, 9 dicembri 1924) jè 'n filosufu e scritturi sicilianu.


Biugrafia[cancia | cancia la surgenti]

« Lu nasciri e lu mòriri su' li du' mumenti unicamenti riali. Lu restu jè nzunnata, ntirrumputa di quacchi nzignificanti svirza di vegghia. »
(Manlio Sgalambro, Aria di Federico (da Il cavaliere dell'intelletto))

La pruduzioni di filosufia[cancia | cancia la surgenti]

Sgalambro nan c'avi tituli e mancu laurii ppî biglietti di visita: comu arrinisciu a divintari 'nu scritturi di filosufia – ccu libri traduciti in francisi, tedescu e spagnolu – jè 'n misteru ca iddu stissu nan si sapi spiegari.

Ndô 1945 ncuminza a travagghiari câ rivista catanisi Prisma (diretta di Leonardo Grassi): lu primu scrittu jè Paralipomeni all'irrazionalismo.

Ndô 1947 si scrivi all'Università di Catania:

« All'università dicidi di nan mi scriviri in Filosofia picchì già la studiava sulu. Mi chiaceva lu dirittu pinali e pì stu mutivu scigghî la facultati di Jurisprudenza.[1] »
(Manlio Sgalambro)

Dopu a lu 1959, cû Sebastiano Addamo, scrivi pô piriòdicu Incidenze (funnatu di Antonio Corsano): lu primu articulu jè Crepuscolo e notte (ca veni ristampatu 'ndô 2011). Ndô frattempu ncumincia a scriviri macari pâ rivista Tempo presente (diretta di Nicola Chiaromonte e Ignazio Silone).

Ndô 1963, a 39 anni, si marita. Lu reddito ca vineva di n'agrumetu (ca sô patri ci lassau n aridità) nun ci bastava chiù, accussì si metti a compilari tesi di lauria e a fari supplenzi ndê scoli:

« Lu matrimoniu jè un momentu, comu dici Hegel, unni «la rialtà ditirminata trasi nta n'innividû». Dunca lu matrimoniu nun si junci simplici cû l' amuri pi na cristiana, ma câ durata: èccu d'unn'jè l'issènza, quasi tiulòggica, dô matrimoniu.[2] »
(Manlio Sgalambro)

La fini di l'anni '70 dicidi di organizzari lu sò pinzeru 'nda 'n'opera sistematica: a 55 anni Sgalambru manna 'u sô primu libru, La morte del sole, ccu 'n bigliettu di dû righi a casa editrici Adelphi:

« E ddocu arristau ppi dù annu. Ma siccomi ju sugnu fattu accussì, nan ci addumannai nenti. Appoi ci arrivau 'na telefonata a mê mugghieri. M'addumannavunu di jiri a Milanu, ppi pigghiari cuntattu ccu l'adituri.[3] »
(Manlio Sgalambro)

Ndâ l'anni dopu, ccû stissu editori, pubblica macari: Trattato dell'empietà, Anatol, Del pensare breve, Dialogo teologico, Dell'indifferenza in materia di società, La consolazione, Trattato dell'età, De mundo pessimo, La conoscenza del peggio e Del delitto.

Ntantu, a lu nizziu di l'anni '90, ccu alcuni amici fa partiri na nica attivitati adituriali a Catania: accussì nasci la De Martinis. Nta sta casa aditrici, Sgalambro si àccupa di saggistica, pubblica na para di sò libbra (Dialogo sul comunismo e Contro la musica) e arristampa certi òpiri di Giulio Cesare Vanini e di Julien Benda.

La culabburazioni cu Battiato[cancia | cancia la surgenti]

Ntô 1993 c'jè lu ncontru cu Franco Battiato, ppi casu, duranti a la prisintata di un libru di puisii di n' amicu n cumuni. Doppu du na pocu di jonna, Battiato ci prupuni na ncuntrata pi addumannarici di scrìviri lu librettu pi l'òpira Il cavaliere dell'intelletto supra a Federicu II di Svevia:

« N'annu fa mancu ni canuscèumu. E òra nun facèmu autru ca travagghiari anzemi. Iddu sarà n filosofu, ma pì mia jè un talentu ca mi stìmula e m'arricchisci. Mi pari mpussibili, aòggi, turnari a scriviri i testi dê mè cosi.[4] »

Dopu di lu 1994 culabbura a quasi tutti li prucetta di Franco Battiato. Pi iddu scrivi:

  • li libretta di l'òpira Il cavaliere dell'intelletto, Socrate impazzito, Gli Schopenhauer e Campi magnetici;
  • li tèsti di l'album di mùsica pop (L'ombrello e la macchina da cucire, L'imboscata, Gommalacca, Ferro battuto, Dieci stratagemmi, Il vuoto, ecc.);
  • li sciniggiata dê film Perduto amor, Musikanten (supra a l'ultimi anni dâ vita di Beethoven) e Niente è come sembra, dô programma dâ tilivisioni Bitte keine réclame e dô documentario Auguri don Gesualdo (supra a Gesualdo Bufalino).

Dopo dû 1998 scrivi testi di canzuni pi Patty Pravo (Emma), Fiorella Mannoia (Il movimento del dare), Carmen Consoli (Marie ti amiamo) e Milva (Non conosco nessun Patrizio).

Ndô 2000 pubblica lu singolo La mer, ca cunteni la «cover» dâ famusa canzuni di Charles Trenet.

Ndô 2001 pubblica l'album Fun club, prodottu di Franco Battiato e Saro Cosentino, ca cunteni canzuni comu La vie en rose (di Édith Piaf) e Moon river (di Henry Mancini), e macari l'irònica Me gustas tú (di Manu Chao):

« N'alliggiruta ca cunziddiri duvirusa. Âmu a sgravari la genti dô pesu di lu campari, ammèci di daricci pani e briosci. Pi sta vàta, mi sgravai macari ju. E appoi, la musica liggera c'avi sta cosa bedda, ca ntu tri minuta si pò diri quantu nta un libbru di 400 paggini o nta un'òpira cumpleta ô tiatru.[5] »
(Manlio Sgalambro)

Ntô 2007 ci duna la sò vuci all'aereo DC-9 Itavia nti l'òpira Ultimo volo di [Pippu Pollina|Pippo Pollina] supra a la straggi di Ustica.

Ntô 2009 pubblica lu sìngulu La canzone della galassia, ca cunteni a la «cover» di The galaxy song (pigghiatu di Lu sènzu di lu campari dê Monty Python), cantata anzemi a lu gruppo sardo-anglisi Mab.

Bibbliugrafia[cancia | cancia la surgenti]


Discugrafia[cancia | cancia la surgenti]

Album[cancia | cancia la surgenti]

  • Fun club (Sony music entertainment Italia, 2001 – ISBN 5099750496824).

Singoli[cancia | cancia la surgenti]

  • La mer (Sony music entertainment Italia, 2000).
  • Me gustas tú (Sony music entertainment Italia, 2001).
  • La canzone della galassia (Sony music entertainment Italia, 2009).


Videografia[cancia | cancia la surgenti]

Videoclip[cancia | cancia la surgenti]

  • Tre poesie (2004).
  • La canzone della galassia (2009).


Culabburazioni[cancia | cancia la surgenti]

Littiratura[cancia | cancia la surgenti]

  • Arthur Schopenhauer, La filosofia delle università (Adelphi, 1992 – ISBN 9788845909436).
  • Giulio Cesare Vanini, Confutazione delle religioni (De Martinis, 1993).
  • Julien Benda, Discorso coerente sui rapporti tra Dio e il mondo (De Martinis, 1994).
  • Giuseppe Tornatore, Una pura formalità (De Martinis, 1994).
  • Giovanni Gentile, L'atto del pensare come atto puro (De Martinis, 1995).
  • Maurizio Cosentino, I sistemi morali (Boemi, 1998).
  • Ottavio Cappellani, La morale del cavallo: trattato dei cavalieri (Nadir, 1998).
  • Tommaso Ottonieri, Elegia sanremese (Bompiani, 1998).
  • Domenico Trischitta, Daniela Rocca: il miraggio in celluloide (Boemi, 1999).
  • Salvo Basso, Dui (Prova d'autore, 1999).
  • Manlio Sgalambro & Davide Benati, Segrete (La pietra infinita, 2001).
  • Mariacatena De Leo & Luigi Ingaliso, Nell'antro del filosofo: dialogo con Manlio Sgalambro (Prova d'autore, 2002 – ISBN 9788886140997).
  • Manlio Sgalambro, Silvia Batisti & Rossella Lisi, Opus postumissimum: frammento di un poema (Giubbe rosse, 2002).
  • Manlio Sgalambro & Antonio Contiero, Dolore e poesia (La pietra infinita, 2003).
  • Vincenzo Mollica, Franco Battiato: l'alba dentro l'imbrunire (Einaudi, 2004).
  • Riccardo Mondo & Luigi Turinese, Caro Hillman: venticinque scambi epistolari con James Hillman (Bollati Boringhieri, 2004 – ISBN 9788833914367).
  • Antonio Contiero, Galleria Buenos Aires (Aliberti, 2006 – ISBN 9788874241514).
  • Luca Farruggio, Bugie estatiche (Il filo, 2006 – ISBN 9788878424258).
  • Bruno Monsaingeon, Incontro con Nadia Boulanger (Rue Ballu, 2007 – ISBN 9788895689043).
  • Cristina Valenti, Ustica e le sue arti: percorsi tra impegno creatività e memoria (Titivillus, 2007 – ISBN 9788872181867).
  • Franco Battiato, In fondo sono contento di aver fatto la mia conoscenza (Bompiani & L'ottava, 2007).
  • Anna Vasta, I malnati (I quaderni del battello ebbro, 2007 – ISBN 9788886861595).
  • Michele Falzone, Franco Battiato: la Sicilia che profuma d'oriente (Flaccovio, 2008 – ISBN 9788878044401).
  • Arnold De Vos, Il giardino persiano (Samuele, 2009).
  • Angelo Scandurra, Quadreria dei poeti passanti (Bompiani, 2009 – ISBN 9788845263286).
  • AA.VV., Catania: non vi sarà facile si può fare lo facciamo (ANCE, 2009).
  • Franco Battiato, Don Gesualdo: con i contributi di Manlio Sgalambro e Antonio Di Grado (Bompiani & Kasba comunicazioni, 2010).
  • Domenico Cipriano, Novembre (Transeuropa, 2010 – ISBN 9788875801168).
  • Carlo Guarrera, Occhi aperti spalancati (Mesogea, 2011).

Musica[cancia | cancia la surgenti]

Album[cancia | cancia la surgenti]

  • Franco Battiato, L'ombrello e la macchina da cucire (EMI music Italia & L'ottava, 1995 – ISBN 724383289820).
  • Franco Battiato, L'imboscata (Polygram Italia & L'ottava, 1996 – ISBN 731453409125), pubblicatu macari in Spagna comu La emboscada (Polygram Italia & L'ottava, 1997 – ISBN 731453462120).
  • Franco Battiato, L'imboscata tour (Polygram Italia & L'ottava, 1997)
  • Franco Battiato, Gommalacca (Polygram Italia & L'ottava, 1998 – ISBN 731455890723).
  • Franco Battiato, Fleurs: esempi affini di scritture e simili (Universal music Italia & L'ottava, 1999 – ISBN 731454677523).
  • Franco Battiato, Campi magnetici: i numeri non si possono amare]] (Sony music entertainment Italia & L'ottava, 2000 – ISBN 5099708928025).
  • Franco Battiato, Ferro battuto (Sony music entertainment Italia & L'ottava, 2001 – ISBN 5099750229590), tradotto anche in Spagna come Hierro forjado (Sony music entertainment Italia & L'ottava, 2001 – ISBN 5099750345320).
  • AA.VV., Invasioni (New scientist, 2001).
  • Franco Battiato, Fleurs 3 (Sony music entertainment Italia & L'ottava, 2002 – ISBN 5099750888421).
  • Franco Battiato, Colonna sonora di Perduto amor (Sony music entertainment Italia & L'ottava, 2003 – ISBN 5099751123521).
  • Alice, Viaggio in Italia (NuN entertainment, 2003 – ISBN 4029758504321).
  • Franco Battiato, Last summer dance (Sony music entertainment Italia & L'ottava, 2003 – ISBN 5099751370628).
  • Franco Battiato, Dieci stratagemmi: attraversare il mare per ingannare il cielo (Sony music entertainment Italia & L'ottava, 2004 – ISBN 5099751856528).
  • Franco Battiato, Un soffio al cuore di natura elettrica (Sony music entertainment Italia & L'ottava, 2005 – ISBN 82878741649).
  • Franco Battiato, Il vuoto (Universal music Italia & L'ottava, 2007 – ISBN 0602517229723).
  • Pippo Pollina, Ultimo volo: orazione civile per Ustica (Storie di note, 2007 – ISBN 8032484730601).
  • Lilies on Mars, Lilies on Mars (Lilies on Mars, 2008).
  • Fiorella Mannoia, Il movimento del dare (Sony music entertainment Italia, 2008 – ISBN 886974055525).
  • Franco Battiato, Fleurs 2 (Universal music Italia & L'ottava, 2008 – ISBN 0602517883819).
  • Alice, Lungo la strada (EMI music Italia, 2009).
  • Carmen Consoli, Elettra (Universal music Italia & Narciso records, 2009 – ISBN 0602527232089).
  • Franco Battiato, Inneres Auge: il tutto è più della somma delle sue parti (Universal music Italia & L'ottava, 2009 – ISBN 0602527226668).
  • Milva, Non conosco nessun Patrizio (Universal music Italia, 2010 – ISBN 0602527485010).
  • Carmen Consoli, Per niente stanca (Universal music Italia & Narciso records).

Singoli[cancia | cancia la surgenti]

  • Franco Battiato, Strani giorni (Polygram Italia & L'ottava, 1996 – ISBN 731457869420).
  • Franco Battiato, Shock in my town (Polygram Italia & L'ottava, 1998 – ISBN 731456637921).
  • Franco Battiato, Il ballo del potere (Polygram Italia & L'ottava, 1996).
  • Franco Battiato, Running against the grain (Sony music entertainment Italia & L'ottava, 2001 – ISBN 5099750112922).
  • Alice, Come un sigillo (NuN entertainment, 2003).
  • Franco Battiato, Il vuoto (Universal music Italia & L'ottava, 2007).
  • Franco Battiato, Tutto l'universo obbedisce all'amore (Universal music Italia & L'ottava, 2008).
  • Franco Battiato, Inneres Auge (Universal music Italia & L'ottava, 2009).

Canzuni[cancia | cancia la surgenti]

Cinima[cancia | cancia la surgenti]

Film[cancia | cancia la surgenti]

Documentari[cancia | cancia la surgenti]

  • Daniele Consoli, La verità sul caso del signor Ciprì e Maresco (Zelig, 2004).
  • Guido Cionini, Manlio Sgalambro: il consolatore (Nexmedia, 2006).
  • Franco Battiato, Auguri don Gesualdo (Bompiani & Kasba comunicazioni, 2010 – ISBN 9788845265860).

Videoclip[cancia | cancia la surgenti]

Tiatru[cancia | cancia la surgenti]

  • Manlio Sgalambro & Franco Battiato, Il cavaliere dell'intelletto: opera in due atti per l'ottocentenario della nascita di Federico II di Svevia (1994).
  • Manlio Sgalambro & Franco Battiato, Socrate impazzito (1995).
  • Manlio Sgalambro & Franco Battiato, Gli Schopenhauer (1998).
  • Igor' Fëdorovič Stravinskij, L'histoire du soldat (1999).
  • Franco Battiato, Campi magnetici: i numeri non si possono amare (2000).
  • Pippo Pollina, Ultimo volo: orazione civile per Ustica (2007).
  • Manlio Sgalambro, Carlo Guarrera & Rosalba Bentivoglio, Frammenti per versi e voce (2009).

Tilivisioni[cancia | cancia la surgenti]


Curiosità[cancia | cancia la surgenti]

Musica[cancia | cancia la surgenti]

  • In Di passaggio (da L'imboscata) recita in grecu anticu:
« Ταυτο τενι ζων και τεθνηκος και εγρηγορος και καθευδον και νεον και γηραιον ταδε γαρ μεταπεσοντα εκεινα εστι κακεινα παλιν ταυτα. »
(Eràclitu, Frammenti)
  • In Invito al viaggio (da Fleurs) recita:
« Ti invito al viaggio in quel paese che ti somiglia tanto. I soli languidi dei suoi cieli annebbiati hanno per il mio spirito l'incanto dei tuoi occhi quando brillano offuscati. Laggiù, tutto è ordine e bellezza, calma e voluttà; il mondo s'addormenta in una calda luce di giacinto e d'oro; dormono pigramente i vascelli vagabondi, arrivati da ogni confine per soddisfare i tuoi desideri. »
(Charles Baudelaire, I fiori del male)
  • In Corpi in movimento (da Campi magnetici) recita:
« Se io, come miei punti, penso quali si vogliano sistemi di cose, per esempio, il sistema: amore, legge, spazzacamino… e poi non faccio altro che assumere tutti i miei assiomi come relazioni tra tali cose, allora le mie proposizioni, per esempio, il teorema di Pitagora, valgono anche per queste cose. »
(David Hilbert, Lettera a Frege dô 29 dicembri 1989)

Dopu 'u 1996 partecipa a quasi tutti i cuncerti di Franco Battiato:

  • 'Ndê cuncerti dô '97 recita frasi in latinu 'ndâ canzuni di Battiatu Areknames (da Pollution), rivattiatu 'nda 'stu casu Canzone chimica:
« Bacterium flourescens liquefaciens, Bacterium histolyticum, Bacterium mesentericum, Bacterium sporagenes, Bacterium putrificus… »
(Manlio Sgalambro, Canzone chimica)
  • 'Ndê cuncerti dô 2002 canta 'na nova virsioni – ccû testu canciatu in modu filosofico – di Accetta il consiglio (trattu da The big Kahuna), ca veni pubblicatu l'annu dopu 'nda l'album Last summer dance.

Cinima[cancia | cancia la surgenti]

  • In Perduto amor fa 'a parti di Martino Alliata, prufissuri di Filosufia dô protagunista (Corrado Fortuna).
  • In Musikanten fa 'a parti di 'n nobile di Siena.

Tiatru[cancia | cancia la surgenti]

  • 'Nda L'histoire du soldat e in Campi magnetici è lu narraturi.


Cullegamenti esterni[cancia | cancia la surgenti]


Riferimenti[cancia | cancia la surgenti]

  • Manlio Sgalambro & Alessio Cantarella, Situ ufficiali di Manlio Sgalambro.
  1. ^ Mariacatena De Leo & Luigi Ingaliso, Nell'antro del filosofo: dialogo con Manlio Sgalambro (Prova d'autore, 2002).
  2. ^ ibid.
  3. ^ Giorgio Calcagno, Sgalambro: il filosofo è uno spione (da La stampa dô 28 agostu 1996).
  4. ^ Liliana Madeo, Battiato: note per un filosofo (da La stampa dô 19 settembri 1994).
  5. ^ Marinella Venegoni, Così Sgalambro canta la sua filosofia (da La stampa dô 20 ottobri 2001)