Locri

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
(Rinnirizzata di Locri (RC))
abbiccidariu St'artìculu è scrittu 'n calabrisi di Polistina (RC), vidi '.



Locri
Locri.png
Nomu ufficiali: Locri
Riggiuni: Calabbria
Pruvincia: Riggiu Calabbria (RC)
Aria: 25 km²
Abbitanti: 12.865
Dinsità: 514,6 ab./km²
Cumuni cunfinanti: Ntonimina, Jeraci, Portigliola, Sidernu
CAP: 89044
Prifissu telefònicu: 0964


Locri è nu cumuni di 12.865 abbitanti dâ pruvincia di Riggiu Calabbria.

Storia[cancia | cancia la surgenti]

Lu tiatru grecu
Li origini du nomi
Notu finu a u 1934 comu Geraci Marina, l'attuali nomi deriva da l'antica Locri Epizefiri, città da magnogreca i cui i scavi si trovanu tra parti du comuni i Locri parti tro comuni di Portigliola, alcuni km a sud di l'odiernu centru abitato

A storia di Locri è strettamenti legata a storia di dui atri centri sorti tra zona circostanti: Locri Epizefiri, polis da Magna Grecia fundata tro VII secolo a.C., e Gerace, città medievale costruita tro IX secolo.

Dopu a conquista rumana i Locri Epizephiri e i tro seguitu sia di scorrerii saraceni e turchi cha da piaga da malaria, u situ fu progressivamenti abbandunatu e gli abitanti si spostaru versu i cchiù sicuri collini di l'entruterra aundi sorgia Geraci.

Tro XIX secolo, cu ritornu di popolazioni versu i zoni costieri e grazi puru a costruzioni da Ferrovia Jonica, si sviluppa l'abitatu i Geraci Marina, frazioni appartenenti a u comuni di Gerace. Geraci Marina acquistò sempi cchiù importanza cu trasferimentu, da Geraci, di alcuni importanti strutturi amministrativi e commerciali, tra cui u Tribunali e a Banca Popolari tro 1880, fino a diveniri comuni autonomu tro 1905. A dari ulteriori slanciu furunu a nascita e lo sviluppu di importanti attività commerciali e industriali: ad esempiu, le Officini Meccanichi Calabbresi (OMC), tre primi anni trenta, impiegaru circa 150 operai. Tro 1934 u comuni i Geraci Marina assunsi l'attuale denominazione i Locri.

U monumento ai cinque martiri di Geraci[cancia | cancia la surgenti]

Davanti a piazza i Locri, fu erettu u monumentu dedicatu ai martiri pe l'unità nazionali, fucilati l'11 ottobri 1847, lavoratu da nu scultori di Carrara tro 1872.

Ci sugnu tali incisioni (rispettivamenti frontalmenti e arretu, du puntu di vista da piazza): Bello Michele i Sidernu, Mazzone Pietro di Roccella, Ruffo Gaetano di Bovalino, Salvadori Domenico di Biancu, Verduci Rocco da Caraffa morendu gloriosamenti pe fucilazioni l'11 ottobri MDCCCXLVII reseru sacri cchisti contradi. All'unità nazionali. A libertà. Compiuti i voti a Roma, grata, la Nazioni risorta onura i soi martiri di cittadina liberi, ad esempiu di propositi forti, a scongiuru di atri lutti per interni e esterne perfidi. Cu offerti spontani cchistu monumentu solennementi fu erettu.

A cultura[cancia | cancia la surgenti]

Locri eni u puntu di riferimentu culturali du territoriu circostanti.

Istruzioni[cancia | cancia la surgenti]

Sugnu presenti vari istituzioni superiori: Liceo Classicu (Ivo Oliveti), Liceu Scientificu (Zaleuco), Istitutu Alberghieru (Dea Persephone), Liceu Magistrali/di Scienzi Umani (G. Mazzini), Liceu Artisticu, Istitutu Tecnicu Commerciali, nu corsu di Laurea di primu livellu in Serviziu Sociali (sezioni distaccata da facoltà di Scienzi e Politicha di Messina), ecc.

I musei[cancia | cancia la surgenti]

  • Museo "Antiquarium"
  • Teatro romanu di Locri
  • Casino Macrì
  • Collezioni Scaglione


Liami sterni[cancia | cancia la surgenti]

Calabria.jpg Purtali di la Calabbria – Jiti a l'artìculi di Wikipedia supra la Calabbria.