Giuseppi Binidittu Dusmet

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.

Giuseppi Binidittu Dusmet (Palermu, 15 di austu 18184 di aprili 1894) fu nu cardinali e arcivescuvu cattolicu italianu. Era figghiu do capitanu di vasciddu, Luigi Dusmet e di Maria Dragonetti de' marchisi di Smours (Bergiu). Fu fattubiatu do papa Giuvanni Paulu II nno 1988.

A 5 anni trasì nni l'Abbazzia binidittina di San Martinu de' Scali in Palermu, unni c'eranu già du' ziani, frati di so' matri, D. Vicinzu e D. Liopordu Dragonetti, e piglià l'abitu u 15 austu 1840.

Tutti subbitu si n'addunaru ca era veramenti ntelligenti e sapiva sbrugliari tutti i quistioni, tantu ca l'abbati D. Carlu Antoniu Buglio u vosi cumu so' secretariu personali.

Nno 1847 D. Carlu A. Buglio fu fattu Abbati di Santa Flavia a Cartanissetta e si purtà apprissu D. Giuseppi Dusmet, ca puru cca si fici canusciri ppa so' spirtizza de genti e di l'eccresiastici. U Vispicu Mons. Antoninu Maria Stromillo, infatti, su piglià cumu confissuri e consigliri ppi guvernare a diocesi nova.

Nno 1850, siccumu c'eranu probblemi nni l'Abbazia de' SS. Severinu e Sossiu a Napuli, Patri Dusmet fu mannatu Priuri di dd'Abbazia e puru ddà arriniscì a cumpiri ccu suddisfazioni a so' missioni.

Nno 1852, ppa richiesta di Mons. Stromillo, fu fattu Priuri Amministraturi di l'Abbazia di Santa Flavia in Cartanissetta, divintannu ntromentri de facto vicariu piscupali. Ne' sei anni do so' governu u Monasteriu fu arrinuvatu sia nnè mura sia nnè cori e arriniscì a manteniri in tuttu e ppì tuttu a Regula, cumpuru ca eranu sulu tri monaci(Patri Dusmet e i patri D. Visconti Proto e D. Pracitu Saugner) e un frati cummersu, e puru ca u latu a sud do Monasteriu era accupatu deì surdati burbunici.

Nno 1854/55 ci fu n'epidemia di qualera, in cui Patri Dusmet si fici canusciri ppì la maravigliusa carità dimostrata e ppa pacinzia ch'aviva a curari i malati poviriddi e ricchi mmidemma.

Nno 1858, muriva Mons. Stromillo, cunfurtatu do Priuri Dusmet, quarchi misi doppu Patri Dusmet fu fattu abbati do monasteriu di San Nicculò l'Arina di Catania e puru ddà purtà a disciplina da regula binidittina ca nno timpu s'aviva pirdutu.

Fu l'urtimu a lassari u monasteriu nno 1866 quannu u Statu 'Talianu l'esproprià.

U 22 frivaru 1867 u papa Piu IX u ficiarcivispicu di Catania e fu ordinatu vispicu u 10 marzu do stessu annu. Nill' anni do so' piscupatu eppi a cummattiri ccu un saccu di guai (eruzioni dill'Etna, terramoti, alluvioni ed epidemij) ca marturiaru Catania e a Sicilia, fici canusciri sempri ppo coraggiu e ppì l'infinita carità.

U papa Liuni XIII nno concistoriu di l' 11 frivaru 1888 u fici cardinali e u 14 frivaru do stessu annu ci detti u titolu di Santa Pudenziana, propriamenti ppì i meriti di carità.

Sempri Liuni XIII ci detti u compitu di fari arrì u Colleggiu di Sant'Ansermu all'Aventinu e di fundari a Confederazioni Binidittina.

Murì u 4 aprili 1894 ai 10 e menza di sira, cussì poveru ca 'un si truvà mancu un linzulu ppì cummugliari u so' corpu riduttu a peddi e ossa ppe' troppi diuni ca faciva.

U 7 jinnaru 1931 l'arcivispicu di Catania Carmelu Patanè 'ncumincià a causa ppà so' beatificazioni.

U 15 lugliu 1965 u papa Paulu VI u fici venerabbili firmannu u decretu dill'eroicità de' virtù do Servu di Diu.

U 25 settembri 1988 u papa Giuanni Paulu II u ficibeatu. Tannu u corpu, ancora precisu, fu misu intra n'urna e espostu sutta l'antaru da Corredentrici na Cattredali di Catania.

Un so' munimentu, nna chiazza San Franciscu d'Assisi, ricorda e catanisi a fiura umili e maravigliusa do Beatu Giuseppi Binidittu Dusmet. Nna basi do munimenti ci su scritti sti palori do Cardinali:

« fina ca avimmu un panuzzu nuantri u spartimmu cco poveru »
(Cardinali Giuseppi Binidittu Dusmet)

Bibliografia[cancia | cancia la surgenti]

G. Carovello, Eroe di Carità. Il Beato Giuseppe Benedetto Dusmet a Caltanissetta, LitoArt, Caltanissetta 2007.

Fonti[cancia | cancia la surgenti]

Collegamenti esterni A pagina ufficiali su Facebook: http://www.facebook.com/home.php?#/pages/Beato-Giuseppe-Benedetto-Dusmet-OSB/38433999278?ref=share