Disastru dô Vajont

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.

Lu disastru dô Vajont a statu na frana ca si staccau di lu virsanti sittintriunali di lu monti Toc - ca s'attrova supra lu cunfini 'ntra lu Friuli Vinezzia Giulia e lu Venitu - lu 9 uttuviri 1963.
A li 10:39 di sira di du jornu, circa 270 miliuni di mitra cubbi di roccia sciddicarru â vilucitati di 30 m/s, nta lu lagu artificiali suttastanti (ca cuntinìa circa 115 miliuni di mitra cubbi d'acqua a lu mumentu di lu disastru) criatu di la diga dô Vajont, pruvucannu n'onda di piena ca supirau li 250 mitra in altizza lu sbarramentu di la diga e chi, in parti, risaliu lu virsanti oppostu distruggiennu l'abbitati di Ertu e Cassu, e in parti (circa 30 miliuni di mitra cubbi) scavalcau lu manufattu (c'arristau 'nteru) jennu a finìri a bbota vasciu e distruggiennu lu paisi di Lungaroni e autri abbitati ô cantu.
I morti fuorru 1917[1] addivisi accussini[2]:
1450 a Longaronei,
109 a Codissagu e Castillavazzu,
158 a Ertu e Cassu e
200 origginarii d'altri cumuni[3].
Inoltri vinniru danniggiati di l'inondazzioni li paisi di Piragu, Faè e Rivalta e li frazzioni di Frasègn, Le Spesse, Cristu, Pineda, Ceva, Prada, Marzana e San Martino. [4].

Note[cancia | cancia la surgenti]

  1. ^ Ilencu di li morti e di li firiti (lingua taliana)
  2. ^ Ripartizzioni dei morti sicunnu i cumuni (lingua taliana)
  3. ^ Francesco Niccolini, Vajont, na frana ca si sapìa ("Vajont, una frana annunciata", lingua taliana).
  4. ^ Discrizzioni dâ frana e di li danni di lu situ di l'associazzioni ("Descrizione della frana e dei danni dal sito dell'associazione", lingua taliana