Alberto Manzi

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.

Alberto Manzi (Roma, 1924Pitigliano, 4 dicembre 1997) a statu n'inzegnanti, pirsunaggiu tilivisivu e scritturi talianu, famosu principarmenti ppi ssiri statu cundutturi di na trasmissioni tilivisiva ciamata "Non è mai troppo tardi" (Nun eni mai troppu tardi), ca fu messa in onda tra lu 1960 e lu 1968.

Bioggrafia[cancia | cancia la surgenti]

Avìa friquintatu studi nautici e puoi cunziguiu lu diploma maggistrali.
Duoppu s'avìa Lauriatu in bioluggia, pedagoggia e filosufìa.
Avìa statu iducatori 'nta na struttura carciraria minorili romana prima d'addidicarisi a lu nzignamentu comu maistru limintari.

Fu scigghiutu ppi prisintari lu prugramma "Non è mai troppo tardi" (Nun eni mai troppu tardi) ca u fici addivintari canusciutu comu strumentu pi la lotta cuntra a l'analfabbitismu.
Lu prugramma arriproducìa 'nta tilivisioni di li veri e propri lizziona di scola, ccu mitidoluggii didattichi rivuluzziunari ppi l'epuca.
Si dici ca Manzi a lu so "pruvinu" strazzau lu cupioni ca ci resiru e amprovvisau na lizzioni â manera sô, di fronti a classi cumposti di pirsoni adulti, ca erunu, purtroppu, analfabbeti.

L'iffettu dâ trasmissioni ca fu trasmessa pi nu dicenniu, a statu cirtamenti di grani 'ntiressi e di grandi rilivanza suciali: s'astimau ca all'incirca nu miliuni e mienzu di pirsuni pottiru cunsiguìri a licenza limintari grazzi a sti lizziona innuvativi a distanza, ca si svulgiunu di fattu sicunnu na vera e propria scola sirali
Li trasmissiona avviniunu 'nta lu tardu vespru, prima di cinari.
Manzi utilizzava nu rossu bloccu di carta muntatu supra a nu cavallettu supra lu quali scrivìa, ccu l'aiutu di nu carbuncinu, palora semprici o littiri, accumpagnati sempri cu nu disigninu simpaticu di rifirimentu.
Usava macari na lavagna luminosa (ca a ddi tiempi era na cosa nova).
A ERI (a casa iditrici di la RAI) pubbricava matiriali ausiliariu ppi li lizziona, comu quaderna e testi brevi.

Duoppu ca lu prugramma si cunciriu, e duoppu quarchi brevi prugrammazzioni tilivisiva sempri supra argumenta lijati a l'istruzzioni, Manzi turnau quasi a tempu pienu a l'inzignamentu sculasticu, antirrumpiennulu di tantu in tantu ppi campagni d'alfabbitizzazioni di li taliani a l'estiru, ppâ isempiu 'nta l'America latina.
Comu maistru turnau pupulari 'nta lu 1981 picchini s'avìa arrifiutatu di cumpilàri li "schedi di valutazziona" ca erunu stati 'ntrodotti ri picca e c'avieunu sustituiutu a paggella tradizziunali.
Manzi s'arrifiutau di "valutari" picchini dissi ca «non putìa bullari nu studenti cu nu giudizziu picchini lu studenti cancia e si movi, si lu prossimu annu quarchidunu lieggi lu giudizziu ca ci resi st'annu niautri u bullammu ppi li prossimi anna».

A "disubbidienza" fu sanzionata câ suspinzioni di l'inzignamentu e di lu stipendiu.
L'annu succissivu lu Ministeru dâ Pubbrica Struzzioni taliana turnau a fari prissioni supra a lu maistru ppi circari di tintari di cunvicìrilu a scriviri i valutazzioni comu era statu dicisu puliticamenti.
Manzi fici capìri ca nun avìa canciatu pinioni ma si mustrau dispunibbili a ridiggiri na valutazzioni riepilugativa cumuni ppi tutti li studenta cu nu timbru; lu giudizziu era: "fa quel che può, quel che non può non fa" ( "Faci chiddu ca po' fari, chiddu ca nu po' fari nun o fa").
Lu Ministeru dâ Pubbrica Struzzioni taliana si mustrau subbitu cuntrariu â valutazzioni timbrata. Manzi arrispunnìu diciennu : «Non c'è problema posso scriverlo anche a penna» («Nun c'eni prubblema. U puozzu scrìviri macari câ pinna»).
Scrissi e pubbricau macari diversi libbra, lu cchiu famosu di tutta eni Orzowei (1955), di cui si fici macari n'omonima serie tilivisiva"Tv dei ragazzi" ("Tivvù di li picciuotti"), ca ci appi nu granni successu.

A Alberto Manzi eni didicata na scola ccu cintrali e succursali a Roma 'nta Via Del Pigneto e in Via Luigi De Magistris.