A Catuna/Calabbrisi-Riggiu

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.

1leftarrow.pngVuci n sicilianu: A Catuna.

abbiccidariu St'artìculu è scrittu n calabbrisi di Riggiu (RC), si stai circannu l'artìculu scrittu n sicilianu standard vidi A Catuna.

'A Catona (Catona in talianu) assiami ali riuni Salìce, Rosalì e Villa San Giuseppe fa parti da VIII circoscrizionecùmuni di Reggiu Calabbria. Con circa 15000 abitanti è nella zona costiera il quartiere più a nord della città, al confine con Villa San Giovanni; sà 'ffaccia ntò strittu di Missina

Storia[cancia | cancia la surgenti]

Dante Alighieri, ntò cantu VIII del Paradiso, menziona il quartiere di Catona:

« e quel corno d'Ausonia che s'imborga
di Bari, di Gaeta e di Catona
da ove Tronto e Verde in mare sgorga »
(Dante Alighieri)

Attraverso la storia di Carlo Martello, che morì prematuramente senza essere incoronato re di Napoli pur conoscendo le sue terre, Dante descrive il regno come un triangolo i cui punti estremi sono costituiti da Bari a est, da Gaeta a ovest, e da Catona a sud. Un tempo infatti Catona era una roccaforte importante e fu teatro delle guerre tra Angioini e Aragonesi, e "Ausonia" per Dante era sinonimo di Italia.

Manifestazzioni[cancia | cancia la surgenti]

Molto importante nel panorama culturale reggino è Catonateatro con appuntamenti teatrali e musicali ogni anno presso l'Arena Neri sul lungomare di Catona.

Turismo[cancia | cancia la surgenti]

La spiaggia di Catona è formata da una sabbia di color bianco di granatura media e risulta gradevole per il bagnante. Il mare è trasparente, cristallino, freddo e normalmente calmo (a meno che non ci sia vento di scirocco).

La leggenda vuole che nell'anno 1464 San Francesco di Paola, non avendo potuto pagare il traghettamento, partendo dalla spiaggia del quartiere di Catona, attraversò lo Stretto sul proprio mantello insieme ad un suo confratello. Una nota raffigurazione dell'evento è nell'arazzo di Edward Steinle conservato in Vaticano alla Galleria delle Carte Geografiche. La tradizione francescana ha fatto sorgere a Reggio, proprio nel quartiere Catona, il convento dei Minimi, edificato nel 1629 che, dopo varie ricostruzioni, è tuttora esistente. Il miracolo di San Francesco è ricordato sul lungomare Catona con un monumento di notevoli dimensioni (circa 15 m) ad opera di G. Polimeni. Un altro monumento in pietra arenaria che raffigura il Santo mentre naviga sul mantello con il suo accompagnatore, scolpito nel 1702, si trovava collocato originariamente nel punto della costa dove avvenne il prodigio; oggi, dopo l'ampliamento del lungomare, l'opera monumentale è stata spostata ad un centinaio di metri dal bagnasciuga all'interno di una proprietà privata non più accessibile ai visitatori.

Duppu essiri statu gravimenti colpitu dò Tirrimutu dò 1908, ntò 1927 A Catùna finisciu d'essiri cumuni autonumu e fu aggiuntu alla "Grande Reggiu".

Genti d' A Catùna[cancia | cancia la surgenti]

Ve nascìu la serva di Dio suor Brigida Maria Postorino, ca ve funnò l'istitutu riliggiosu dille Figghie de Maria 'Mmaculata e ca ispirò la nascita del muvimintu icclisiali dil' Amici di Maria 'Mmaculata.

  • Prof. Albertu Neri, primariu imatolugu, medagghia ò valuri civìli.
  • Senaturi On. Nellu Vincelli.

Lochi di cultu[cancia | cancia la surgenti]

  • Chiasa de Santu Diuniggi
  • Chiasa di San Francisco di Paula (all'interno dilla quali esti espostu nu uatru dò pitturi cuntimpuraniu calabbrisi Giuseppi Mainieri)
  • Chiasa di Santu Aureliu Vescovu e Martìri (Arghillà)
  • Chiesa di Santa Maria du Bon Consigghiu (Concessa)

Bibbliograffia[cancia | cancia la surgenti]

Vida puru[cancia | cancia la surgenti]

liami fora[cancia | cancia la surgenti]